QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I belgi tornano a casa con una sola statua allo European Film Award…

Delle produzioni e coproduzioni belghe nominate per gli European Film Awards, i premi più importanti per l’industria cinematografica europea, solo una è riuscita a guadagnare dalla nomination. Il cortometraggio “Nanu Tudor” di Olga Lucovnicova ha vinto l’European Short Film Award 2021.

La coproduzione franco-belga “Titane” non ha visto nessuna delle sue quattro nomination ricevere una statuetta. Il film Quo Vadis, Aida? Per la strage di Srebrenica, grazie al ruolo dell’attore belga Johann Hildenburg, ha ricevuto tre premi principali (Miglior Film, Attrice e Regista).

In ‘Nanu Tudor’ (‘My Uncle Tudor’), l’ultimo lavoro di Lukovnikova, la regista si reca dopo 20 anni di silenzio a casa dei suoi nonni in Moldavia, dove ha subito un profondo trauma da bambina. Il cortometraggio è stato precedentemente un Orso d’Oro a Berlino, il che significa che ha anche la possibilità di vincere un Oscar per il miglior cortometraggio nel 2022.

Nella stessa categoria è stato nominato anche il cortometraggio “Easter Eggs” di Nicholas Kepins.

Quindi “Titane” non ha potuto guadagnare da nessuno dei quattro appuntamenti. Il film della regista francese Julia Ducornu, vincitore della Palma d’Oro al Festival di Cannes di quest’anno, è prodotto da Fracas Productions per la parte belga. Il premio per il miglior film è andato al dramma Quo Vadis, Aida? Di Yasmila Zpanek sulla strage di Srebrenica. Il film ha vinto anche come miglior attrice, Jasna Duric, e miglior regista, Yasmila Zpanek. Titan ha anche perso il premio come miglior attore. È andato da Anthony Hopkins per il suo ruolo in “Father” di Florian Zeller.

Titan ha già vinto un premio per l’acconciatura e il trucco.

READ  Il crowdfunding per i perdenti è iniziato con "Huismade" e Harry e Jerina hanno già raggiunto più di € 50.000 Instagram HLN

Anche l’ingresso del Belgio agli Academy Awards, Un monde, non è stato all’altezza della sua nomination nella categoria European Discovery, il premio per il primo lungometraggio. Il primo lungometraggio della regista di Bruxelles Laura Wandel ha dovuto lasciare il credito per “Promising Young Woman” di Emerald Fennell. Anche la coproduzione belga-russo-polacca “The Whaler Boy” di Philip Yuriev è stata nominata in questa categoria.

Nella categoria Animazione, Where Anne Frank del regista israeliano Ari Vollman, una coproduzione internazionale tra Belgio, Lussemburgo, Israele, Paesi Bassi e Francia, è stata accanto al protagonista. La statuetta era di “Flee” di Jonas Poeher Rasmussen. Il film d’animazione è stato anche votato come il miglior documentario.