QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

“I consumatori si rivolgono all’iPhone 15 Pro”

“I consumatori si rivolgono all’iPhone 15 Pro”

Il settore delle telecomunicazioni attende con impazienza il lancio dell’iPhone 15 domani. Il mercato degli smartphone è in crisi e l’iPhone potrebbe alleviare il dolore.

Apple presenterà quattro nuovi modelli di iPhone: iPhone 15, iPhone 15 Plus, iPhone 15 Pro e iPhone 15 Pro Max. TrendForce Crede Apple ha realizzato 80 milioni di unità per la serie iPhone 15. Ciò rappresenta una crescita del 6% anno su anno.

La serie Pro, con una lente periscopica esclusiva del Pro Max, dovrebbe diventare un’attrazione per i consumatori. Si prevede che i modelli Pro più costosi rappresenteranno il sessanta per cento della produzione Apple.

Tuttavia, TrendForce non è del tutto convinto.
Il cupo sentimento del mercato e il ritorno di Huawei potrebbero avere un impatto sulle vendite totali di iPhone di Apple per l’anno, che dovrebbero essere comprese tra 220 e 225 milioni di unità, in calo del 5% su base annua.

I dispositivi che verranno lanciati domani sono in realtà a dir poco sorprendenti. Il rispetto delle normative UE ha portato Apple quest’anno a saltare sul carro dell’USB Type-C. Molti altri dispositivi Apple sono già migrati.

iPhone 15 e iPhone 15 Plus sono dotati di importanti aggiornamenti della fotocamera, come un sensore principale da 48 megapixel. Inoltre, includerà anche Dynamic Island di Apple, una schermata informativa intelligente nella parte superiore del dispositivo.

Resta da chiedersi se Apple possa fornire tutti i dispositivi contemporaneamente. Si dice che iPhone 15 e iPhone 15 Plus manchino di fotocamere da 48 megapixel.

Nel complesso, TrendForce prevede un panorama dei prezzi stabile per iPhone 15, iPhone 15 Plus e iPhone 15 Pro. Ma il Pro Max è una storia diversa. Dotato di un’esclusiva e costosa lente periscopica, questo potrebbe essere l’iPhone più costoso di sempre.

READ  L’India parla con Intel, Tower e IBM di chip e intelligenza artificiale