QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I contribuenti possono ancora sperare in denaro aggiuntivo da Dexia e gli azionisti no

Il Belgio garantirà a Dexia quasi 40 miliardi di euro rimanenti per i prossimi 10 anni. Il regolamento afferma anche che gli ex azionisti non vedranno più l’euro, ma i contribuenti sì.

Fino al 2032, ci sarà una rete di sicurezza per i contribuenti belgi e francesi sotto l’egida della restante banca Dexia. I due governi hanno deciso ufficialmente questa settimana.

Dexia è la “bad bank” in cui sono stati raccolti tutti i crediti inesigibili dalla Dexia crollata nel 2011. Ciò era necessario per dare alle attività sanitarie rinnovate della banca e compagnia di assicurazioni belga Belvius una possibilità di una nuova vita. Ha funzionato. Anche nell’anno del disastro di Corona 2020, Belvius segna ancora Ha vinto 532 milioni di euroCinque, meno di un anno fa.

75 miliardi

Il Belgio e la Francia insieme garantiscono 75 miliardi di euro di costi di finanziamento per Dexia per i prossimi 10 anni.

La “bad bank” può essere licenziata solo perché il governo ha assicurato che Dexia Bank possa continuare a pagare i suoi conti. I finanzieri avrebbero dovuto rassicurarsi per mantenere a galla la banca degli zombi, in modo che Dexia avesse il tempo di morire in silenzio. Senza questo tempo supplementare, il portafoglio di prestiti ad alte perdite dovrà essere liquidato immediatamente.

Più piccolo, più costoso

Belgio e Francia garantiscono 75 miliardi di euro di costi di finanziamento con Dexia, meno di 85 miliardi di euro negli ultimi dieci anni. Per ora è abbastanza. Il 25 maggio, il debito garantito di Dexia era di 50 miliardi di euro.


Non solo la garanzia statale è diventata leggermente più piccola, ma è anche diventata più costosa.

Il Lussemburgo, che finora si è assicurato una piccola molecola, non è più coinvolto. Di questo importo, 75 miliardi di euro, il Belgio contribuisce per il 53% e la Francia per il 47%. Il Belgio era più debole al momento della caduta di Dexia a causa dei molti risparmi belgi in banca. In Francia questo collegamento era molto più piccolo.

l’essenza

  • I governi belga e francese hanno finalmente dato il via libera al nuovo regime di garanzia del governo per Dexia.
  • Entrambi i governi garantiranno congiuntamente 75 miliardi di euro per il fabbisogno finanziario di Dexia per i prossimi 10 anni.
  • La garanzia è di 10 miliardi in meno rispetto allo schema precedente, ma è anche leggermente più costosa.
  • Dexia continuerà a pagare annualmente lo stesso importo del regime precedente, ma i costi aggiuntivi della garanzia verranno detratti dallo smantellamento finale della banca rimanente.
  • Significa anche che alla fine del viaggio, nulla sarà lasciato ai collaboratori originali di Dexia.

Non solo la garanzia statale è diventata leggermente più piccola, ma è anche diventata più costosa. Negli ultimi 10 anni, Dexia ha pagato lo 0,05% delle garanzie collaterali a titolo di risarcimento. La Commissione Europea ha chiesto che questo aumento. Questo è stato difficile per Dexia, poiché ha esaurito la liquidità necessaria per completare le attività bancarie lentamente e senza incidenti.

READ  Azioni e Bitcoin in rosso a causa dell'imminente bancarotta del gigante immobiliare cinese Evergrande | Soldi

Commissione differita

Il compromesso è che alla fine della giornata, quando la bad bank sarà liquidata, Dexia pagherà una “commissione differita”. L’importo di questo pagamento è condizionato, ma viene creato in modo tale che non venga lasciato denaro ai vecchi azionisti di Dexia o ai creditori subordinati. Può raggiungere 27 volte superiore all’attuale 0,05 percento.

Questo perché dopo la crisi finanziaria, le regole europee sono cambiate per salvare le banche. Azionisti e finanzieri devono assorbire il primo colpo, e solo allora il governo interviene per evitare che porzioni disparate danneggino altre banche sane.

Per questo motivo, il denaro rimasto dopo la liquidazione di Dexia sarebbe affluito come una “commissione differita” in Belgio e Francia, che, attraverso le garanzie statali, si sarebbero assunte il rischio di una nuova miseria. Ciò conferma ancora una volta che le azioni di Dexia, che saranno già detenute nel 2019 silenzioso Scomparso dallo schema Euronext di Bruxelles, inutile.