QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

I Paesi Bassi avranno un governo? CDA, PvdA e GroenLinks vogliono provare a formare

I Paesi Bassi continuano a cercare un nuovo governo. Ma dopo che la formazione si è bloccata mesi fa, sembra che con la ripresa dei negoziati questa settimana siano stati compiuti progressi immediati.

Martedì sera, i leader del partito di sinistra Lillian Blumen (BFDA) e Jesse Claver (Groen Links) erano entusiasti del documento che formava i due principali partiti liberali in VD66. Alla fine di giugno, sono stati istruiti dall’informatore Mariette Hammer per iniziare proprio su quello che allora fu chiamato “Coalition Agreement Test”.

I due partiti di sinistra sottolineano le differenze con i liberali vincitori delle elezioni, ma allo stesso tempo vedono “molti punti di contatto” e parlano di “una buona base che possa essere un punto di partenza per i colloqui”.

Positivo il Partito Cristiano Democratico Cristiano. Il leader Wopke Hoekstra ha definito il documento un “buon primo esercizio” per avviare trattative sostanziali su un accordo di coalizione cinque mesi dopo le elezioni. “Ci sono certamente cose che mi piacciono e cose che non mi piacciono”, ha detto martedì.

È lasciato ai leader di VVD e D66 se il pezzo ha dato abbastanza fiducia per entrare in ulteriori discussioni. È il loro movimento, anche se pensa che debbano accelerare ora. “Ho sempre detto che siamo costruttivi in ​​questo e penso che tutti dovrebbero avere un senso nella formazione che va avanti da molto tempo ormai”.

I Democratici Cristiani (CDA) ei Liberali (VVD) non sono interessati ad allearsi con PvdA e GroenLinks da mesi. Non è necessario che due partiti di sinistra abbiano la maggioranza alla Camera dei rappresentanti, ma i loro leader non intendono separarsi l’uno dall’altro.

READ  Il prezzo di Bitcoin (BTC) conferma supporto e hack, Solana (SOL) e questo Altcoin supera le prestazioni » Crypto Insider

VVD preferisce riavviare l’attuale alleanza con ChristenUnie. Ma il D66, che favorisce PvdA e GroenLinks, ha ribadito sul quotidiano di lunedì anno Domini Quel “a questo punto” della formazione non si vedeva.

Le parole del leader dei D66 non sono nuove, ma il loro tempismo sembra importante per ChristenUnie. “Se lo ripeto dopo una pausa, un periodo di riflessione, dopo cinque mesi, è molto difficile per me ignorarlo”, ha detto il leader del CSP Gert Jan Segers. Poi si fermerà. Vedo che gli altri non vedono alcun ruolo per noi. Allora sarò pronto al più presto”.

Se Segers si attiene a tale posizione, CDA, PvdA e GroenLinks possono ancora fornire la maggioranza richiesta alla Camera. Se VVD e D66 conducano anche loro stessi questa analisi, non hanno ancora detto.