QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il club di pallavolo italiano fa causa all’ex giocatore per gravidanza

Un club di pallavolo italiano ha accusato il suo ex capitano della squadra di “nascondere il suo desiderio di essere una madre” e sta cercando un’azione legale. (Oliver Hart / Boncards / Getty Images)

Un club di pallavolo italiano ha intentato una causa contro il suo ex capitano della squadra, accusandolo di aver violato il suo contratto concependo. Secondo The Guardian.

Wally Maniaco Porton dice nel suo caso che l’ex giocatore e capitano della squadra Laura Luqli, 41 anni, non ha detto loro che intendeva rimanere incinta quando ha firmato un contratto per giocare per loro nella stagione 2018-19.

Nonostante abbia avuto un aborto spontaneo un mese dopo, è stata licenziata nel marzo 2019 dopo aver informato il club della sua gravidanza.

Luke ha chiesto al club di pagarlo quasi $ 3.000 per il tempo che ha giocato, ma ha rifiutato e ha intrapreso un’azione legale. Secondo il rapporto, il tribunale l’ha accusata di “vendere la sua esperienza proporzionalmente” e di “nascondere il suo desiderio di essere madre”.

“Quando ho letto il documento legale, ero molto arrabbiato”, ha detto Luke Ha detto al Guardian. “Gioco a pallavolo da 25 anni e ho dato tutto me stesso – lo sanno. Una donna di 38 anni deve sapere se vuole avere un bambino, quindi avrebbero dovuto dire qualcosa. Materia”.

Il presidente del club, Franco Rosado, ha dichiarato di aver scelto di intraprendere un’azione legale contro Lukli dopo aver chiesto il pagamento. Ha anche detto che l’accordo è stato concluso di comune accordo.

“Improvvisamente, diversi mesi dopo, abbiamo ricevuto un reclamo dal suo avvocato”, ha detto Rosado. Via The Guardian. “È stato allora che ci siamo opposti, quindi abbiamo implementato le clausole dell’accordo”.

Altro da Yahoo Sports:

READ  L'Italia garantisce 86 86 milioni di prestito a Sanjeev Gupta Steel