QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il colosso industriale svedese Atlas Copco festeggia i suoi 150 anni: “Wilrijk è il nostro fiore all’occhiello” (Wilrijk)

Il colosso industriale svedese Atlas Copco festeggia i suoi 150 anni: “Wilrijk è il nostro fiore all’occhiello” (Wilrijk)

Atlas Copco – all’epoca semplicemente “Atlas” – fu fondata nel 1873, nella capitale svedese Stoccolma. Inizialmente, l’azienda costruiva attrezzature per le ferrovie svedesi. Alla fine dell’Ottocento il sistema Atlas si espanse fino a includere gli “utensili pneumatici”: dispositivi che funzionavano ad aria compressa. Nel 1904 l’azienda iniziò a costruire compressori a pistoni.

Nel 1955, l’azienda, allora Atlas Diesel, aprì un reparto vendite a Bruxelles. Un anno dopo, viene acquistata Arpic Engineering, un piccolo produttore di compressori a Wilrijk. Nello stesso anno, la società ha rimosso “Diesel” dal suo nome e ha aggiunto “Copco” alla divisione vendite Compagnie Pneumatique Commerciale con sede a Bruxelles.

Un compressore Atlas Copco all’Esposizione Universale del 1958.© Gruppo Atlas Copco

“La storia del nostro sito di Wilrijk è iniziata con l’acquisizione di Arpic Engineering nel 1956”, afferma Alex Bongaerts, Group Chief Financial Officer responsabile delle attività in Benelux, Francia, Regno Unito e Irlanda. “Alcuni anni dopo, in Svezia si sono resi conto che sapevamo molto sui compressori in Belgio. Hanno trasferito l’intero reparto a Wilrijk nel 1963, perché la conoscenza è lì”.

Ancora oggi, il business mondiale dei compressori, che è la divisione più importante di Atlas Copco, è gestito da Wilrijk. Con circa 3.500 dipendenti, il sito è anche uno dei più importanti per l’azienda. “La strategia dell’intero gruppo è ambientata in Svezia, ma il Belgio è molto importante in termini di attività”, afferma Bongaerts. Il fatto che i belgi svolgano un ruolo chiave in Atlas Copco si riflette nell’elenco dei CEO. “Il precedente CEO, il belga Roni Litten, è stato il secondo CEO non svedese nei 150 anni di esistenza dell’azienda. E il primo, l’italiano Giulio Mazlubi, era a capo della divisione compressori qui a Wilrijk prima della sua nomina”.

READ  L'autorità di regolamentazione polacca indagherà sulla politica sulla privacy di Apple - Professionisti IT - Notizie

Università dell’aria compressa

Atlas Copco Wilrijk è molto più di un grande produttore. Il sito è completamente impegnato nella ricerca e sviluppo, con un centro di competenza pneumatica. “La chiamiamo ‘Università dell’aria compressa’. Vi lavorano più di 800 ricercatori e ingegneri”.

Al Center of Expertise, i ricercatori sperimentano per fornire le macchine più sostenibili, ad alte prestazioni e, soprattutto, ad alta efficienza energetica. “I compressori dovrebbero essere il più economici possibile, perché il consumo di energia rappresenta una parte molto maggiore del costo totale rispetto al prezzo di acquisto. Qui sono state realizzate molte invenzioni. Ogni anno nel nostro sito ci sono in media trenta persone a cui vengono rilasciati brevetti. “

Alex Bongerts, Chief Financial Officer del Gruppo, si erge davanti al gioiello della corona di Willrick.© Patrizio Derò

Perché il cervello di una multinazionale svedese si trova qui nelle Fiandre? “La R&S è fortemente stimolata nelle Fiandre. Quasi tutti i lavoratori qui sono più costosi che altrove. Ma 800 addetti alla R&S godono di vantaggi nelle Fiandre, grazie alla ritenuta d’acconto favorevole. Inoltre, abbiamo dipendenti di talento con eccellenti competenza Chi possiamo reclutare tramite università e college nelle Fiandre. Ecco perché ne abbiamo avuto un altro l’anno scorso piano principale Annunciare piani per espandersi ulteriormente. Ora spendiamo una media di 95 milioni di euro in ricerca e sviluppo solo a Wilrijk ogni anno. Wilrijk è il nostro fiore all’occhiello in termini di innovazione e vogliamo mantenerlo tale”.

Cosa fa Atlas Copco per noi?

Atlas Copco è un nome noto nella nostra zona, grazie anche alla famosa facciata dell’edificio principale lungo Boomsesteenweg. Ma cosa ci fa esattamente l’azienda svedese? A differenza di Ikea, l’altro colosso svedese lungo la A12 a Wilrijk, i consumatori di solito non trattano direttamente i prodotti Atlas Copco. “Vendiamo principalmente alle industrie, che a loro volta vendono ai clienti”, afferma Alex Bongaerts. “Con il nome Atlas Copco, ma anche attraverso diversi altri marchi all’interno del nostro gruppo”.

Atlas Copco ha sede in Boomsesteenweg a Wilrijk dal 1956.© Gruppo Atlas Copco

Il gruppo è suddiviso in quattro principali aree di business, la più grande delle quali è la divisione “Compressor Technology”. La divisione compressori, che rappresenta il 45% di Atlas Copco, è interamente gestita da Wilrijk, con il nome di Atlas Copco Airpower. Atlas Copco è leader di mercato nel segmento dei compressori.

READ  Il power bank IKEA con batteria da 6500mAh e ricarica wireless costa 25 euro - tablet e telefoni - news

Ma cosa fanno realmente i compressori? Ci sono piccoli compressori che usi per gonfiare le gomme delle auto, sparare ai chiodi o spruzzare la vernice. Ma Atlas Copco è specializzata principalmente in compressori più grandi per uso industriale. “In ogni settore che puoi immaginare, i compressori sono necessari”, afferma Bongaerts. “Produzione di cibo, abbigliamento, energia rinnovabile, purificazione dell’acqua, ecc. I compressori vengono utilizzati anche per aprire le porte di un vagone ferroviario”.

Oltre ai compressori, Atlas Copco costruisce una linea completa di altre macchine, tra cui pompe per vuoto, semiconduttori e dispositivi pneumatici. Non hardware di tutti i giorni, ma di grande effetto. “Ad esempio, almeno un veicolo su due che vedete circolare oggi è assemblato con macchinari Atlas Copco”, afferma Bongaerts.

© Patrizio Derò

Inoltre, i dipendenti Atlas Copco non sempre trovano facile spiegare cosa sta costruendo il loro imprenditore ad amici e familiari. “Il libro Atlas Copco aiuta 49.000 dipendenti in tutto il mondo a spiegare la nostra cultura e i nostri obiettivi. Così anche loro sanno: questo è ciò che rappresenta la mia azienda”.

Atlas Copco impiega circa 4.200 persone in Belgio. 3.500 di loro lavorano in loco a Wilrijk. Il fatturato mondiale del gruppo è stato di 13 miliardi di euro nel 2022. Di questi, 3,4 miliardi provenivano da attività in Belgio. Oltre alla sede di Wilrijk e all’ufficio commerciale di Overijse, esiste una filiale a Boom da cui vengono gestite tutte le attività di noleggio in Europa. Dagli anni ’90, Atlas Copco dispone di un centro di distribuzione internazionale a Hoeselt, vicino a Hasselt.