QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il compagno di squadra Van Uht van Ayrt esulta subito dopo uno sfogo pazzo …

Jordi Mius ha perso la maglia gialla del suo leader venerdì al Tour Hungary (2.1). Il giovane Limberger di Bora-Hansgrohe è caduto nella terza tappa, ed è stato sconfitto dal tedesco Phil Bauhaus (vittorioso del Bahrain), che ha nuovamente preso il comando della classifica.

Nella tappa di 142 chilometri tra Veszprim e Tata, cinque concorrenti hanno scelto la sosta anticipata, ma alla fine sembrava una gara a squadre in Ungheria per il terzo giorno consecutivo. Tuttavia, il periodo precedente a questo è stato segnato da diverse cascate.

A poco più di un chilometro dalla fine, Giovedì Mios, che ha strappato la maglia gialla, è caduto con una rapida vittoria. È sceso senza gravi ferite. Presto il suo compagno di squadra Rüdiger Seles ha testato le reazioni del belga, il quale ha spiegato di “stare bene”.

Un gruppo limitato è stato sconfitto dalla caduta e si è precipitato alla vittoria nonostante il ritiro tardivo da Fred Wright. E lì, il Bauhaus, il vincitore della tappa di apertura, ha spinto una ruota in avanti davanti all’olandese, che è stata ripetuta da Mike Theionsen. L’olandese è riemerso applaudito, ma troppo presto. “Pensavo di aver vinto”, ha risposto in seguito il collega Wout van Aert.

Wright, un compagno del Bauhaus, è arrivato terzo, con i belgi Jordi Warlope e Timothy Dupont che hanno preso il sesto e il settimo posto.

Il Bauhaus non sembra avere molte possibilità di difendere con successo la sua maglia gialla sabato: la quarta tappa si conclude con un estenuante finale di 12 chilometri a Kikesto. Ben Hermans è uno dei favoriti.

READ  Frank Verkuteren non si arrende con Jordan Lukaku: "Nessun Campionato Europeo? Forse stavi parlando troppo presto" | Calcio belga