QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il debutto del razzo Vulcan rappresenta la sfida tanto attesa al dominio di SpaceX: 10 gennaio 2024 alle 18:38.

Il debutto del razzo Vulcan rappresenta la sfida tanto attesa al dominio di SpaceX: 10 gennaio 2024 alle 18:38.

Il lancio di questa settimana di un nuovo razzo Vulcan da parte di una joint venture tra Boeing e Lockheed ha segnato l'apertura di un formidabile concorrente per SpaceX di Elon Musk, un'impresa che il governo degli Stati Uniti ha cercato a lungo di stabilire un elenco di fornitori di lancio per costruire i suoi satelliti.

Boeing e United Launch Alliance di Lockheed Martin hanno inviato lunedì nello spazio per la prima volta un razzo Vulcan, un primo passo per riconquistare quote di mercato di SpaceX, il cui razzo riutilizzabile Falcon 9 è stato per anni la scelta principale per i paesi in cui inviare i propri satelliti spazio. Il carico utile, un lander lunare finanziato privatamente, non riuscì a completare la sua missione a causa di problemi tecnici, ma il lancio di Vulcan in Florida fu un successo.

“Questo lancio pone ULA in una posizione di leadership per sfidare il monopolio virtuale di SpaceX sui lanci”, ha affermato Caleb Henry, analista spaziale di Quilty Analytics. “Se ULA riuscirà a dimostrare che Vulcan può raggiungere rapidamente una cadenza di lancio rapida, fornirà al mercato un altro percorso verso lo spazio”.

La dipendenza da SpaceX è stata una preoccupazione per il Pentagono, che vuole fornire molteplici fornitori di viaggi spaziali.

“Se SpaceX dovesse avere una brutta giornata in futuro, abbiamo ancora un percorso verso lo spazio per soddisfare le nostre esigenze di sicurezza nazionale con Vulcan”, ha affermato Michael Lembeck, consulente spaziale e direttore dell'Advanced Space Systems Laboratory presso l'Università dell'Illinois.

La domanda di lanci è aumentata vertiginosamente, principalmente a causa dei piani di paesi e aziende come Amazon di mandare nello spazio migliaia di satelliti Internet. Ma le forniture all’Occidente sono diminuite poiché l’accesso sovrano dell’Europa allo spazio è interrotto dai ritardi nello sviluppo missilistico e mentre l’Occidente isola il programma missilistico russo a causa della guerra in Ucraina.

READ  Il nuovo smartwatch può farlo

I razzi statunitensi più grandi, come la Starship di SpaceX e il New Glenn di Blue Origin, sono a mesi o anni di distanza dal raggiungere l’orbita.

“Ci vuole molto tempo per sviluppare un nuovo veicolo di lancio di classe pesante, quindi la scarsità durerà circa 10 anni”, ha detto il CEO dell'ULA Torey Bruno in un'intervista sulla piattaforma di lancio di Vulcano prima del lancio.

Con il primo lancio di Vulcan, ULA potrebbe iniziare a svolgere circa 70 missioni per un valore di miliardi di dollari, grosso modo divisi tra missioni governative e commerciali. Il progetto satellitare Kuiper di Amazon raccoglie la maggior parte delle prenotazioni commerciali.

Missioni di sicurezza nazionale

Il prezzo di partenza per un lancio su Vulcano è di circa 110 milioni di dollari, la metà del prezzo del suo predecessore, l'Atlas V, che ha consolidato il dominio di ULA sui lanci di satelliti per la sicurezza nazionale sin dalla sua fondazione nel 2006. Il razzo riutilizzabile Falcon 9 di SpaceX costa circa 62 milioni di dollari al mese. processo di lancio, ma a volte di più per le missioni del Pentagono.

ULA e SpaceX competono per missioni di sicurezza nazionale. Il Pentagono nel 2020 ha selezionato ULA per il 60% delle sue missioni di sicurezza nazionale fino al 2027 e SpaceX per il resto. Tre veicoli di lancio nucleari saranno selezionati nel prossimo ordine di lancio del Pentagono, dando a SpaceX e ULA una sfida ancora più grande.

Vulcan può utilizzare fino a sei motori a razzo a propellente solido per una spinta extra, consentendogli di trasportare fino a 27.000 kg di satelliti in orbita bassa o fino a 14.500 kg su altre orbite. I razzi Falcon 9 e Falcon Heavy di SpaceX, tre booster Falcon legati insieme, possono trasportare fino a 63.500 kg (140.000 lb) in orbita terrestre bassa o 26.700 kg (58.860 lb) in altre orbite.

READ  I nuovi sensori nell'Apple Watch predicono l'ovulazione, ma è affidabile?

ULA ha utilizzato motori RD-180 di fabbricazione russa nel suo Atlas V, che sono diventati un rischio per la sicurezza nel 2014 dopo l'invasione russa della Crimea. Questo, e l’emergere del più economico razzo Falcon 9 di SpaceX, hanno portato allo sviluppo di Vulcan.

L'Atlas V ha ancora 17 missioni prenotate prima di essere ritirato. ULA aveva ordinato i suoi motori RD-180 in grandi quantità prima del crollo delle relazioni USA-Russia in seguito all’invasione russa su larga scala dell’Ucraina nel febbraio 2022.

La compagnia spaziale Blue Origin di Jeff Bezos ha effettivamente sostituito un motore russo RD-180 e ora sta consegnando i motori gemelli BE-4 di Vulcan, che hanno ripreso vita lunedì, segnando la prima incursione di Blue Origin in orbita. Blue Origin sta costruendo il proprio veicolo di lancio, New Glenn, un concorrente più potente di Vulcan utilizzando 7 motori BE-4.

Bruno ha affermato che l'ULA prevede di aumentare la produzione a 25 veicoli di lancio all'anno entro la fine del 2025. Impiega circa 100 ingegneri per progettare futuri aggiornamenti per ridurre i costi di produzione.

Questi aggiornamenti includono un piano per recuperare e riutilizzare i motori Vulcan BE-4 – circa il 65% del costo del booster – utilizzando uno scudo termico, paracadute e un elicottero per estrarli. Il veicolo di lancio più piccolo di Rocket Lab ha una strategia simile.

Gli aggiornamenti di Vulcan inizieranno nel 2025 e successivamente avverranno ogni due o tre anni, ha affermato Bruno. ULA testerà e implementerà la strategia di riutilizzo di Vulcan durante le missioni Amazon Kuiper.

“Dipende in un certo senso da Amazon”, ha detto Bruno.

READ  Due partite di squadra per iniziare bene l'estate