QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il direttore della KVS in conflitto con Vlaams Belanger: “Non avrebbe mai dovuto far parte del consiglio d'amministrazione”

Il direttore della KVS in conflitto con Vlaams Belanger: “Non avrebbe mai dovuto far parte del consiglio d'amministrazione”

“I timori sono fondati”

Quando l'anno scorso il deputato Vlaams Belang si è unito al consiglio direttivo della KVS, tra le file del teatro cittadino è sorta rapidamente la preoccupazione. “Quest'uomo è omofobo e xenofobo. Non è molto amichevole con Bruxelles. Tutto ciò che dice va contro ciò che noi rappresentiamo come casa culturale”, ha detto De Kock all'epoca.

Si sono uniti artisti di KVS. In un comunicato stampa firmato da 36 artisti si legge: “Non ci interessa solo questa persona, ma piuttosto le idee di un partito che divide invece di comunicare e contraddice in ogni modo ciò che difendiamo e per cui combattiamo”.

Oggi de Kock sostiene che i timori legati all'arrivo di Bruxelles all'epoca erano chiaramente giustificati. “Sta abusando del suo ruolo di membro del consiglio per diffondere bugie. È all’opposizione interna e finora ha mostrato scarso interesse. Forse dovrebbe venire a vedere lo spettacolo?”

Carta Culturale

Come nel dibattito sulla sede di Bruxelles dell'anno scorso, il direttore della KVS ha citato la Carta della Cultura, la legge ormai più che cinquantennale che stabilisce che le istituzioni culturali pubbliche devono essere pluralistiche. Leggi: Tutti i movimenti politici devono essere rappresentati.

In questo caso i consigli di amministrazione dei centri culturali pubblici differiscono dai consigli di amministrazione delle istituzioni governative. Sono i partiti di governo che prendono le decisioni e determinano chi finisce dove. La Carta della Cultura garantisce che tutte le opinioni politiche siano “proporzionalmente rappresentate”, e la distribuzione dei seggi nel Parlamento fiammingo costituisce nella pratica il criterio più importante.

“Questa convenzione culturale viene interpretata in modo molto restrittivo”, afferma de Kock. “Faremmo bene a chiederci se il signor Bruxelles sta contribuendo al buon governo. Pensiamo a cosa faremo in futuro in termini di rappresentanza politica nei consigli di amministrazione. Invito il settore a parlare apertamente di questo tema e a tracciare un limite Qui.”

READ  Emily Ratajkowski ha smesso di recitare per sempre: 'Non sono un pezzo di carne' | L'Instagram di HLN