QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il governo italiano ha espresso preoccupazione per la farina di grilli nell’impasto della pizza

Il governo italiano ha espresso preoccupazione per la farina di grilli nell’impasto della pizza

Il governo nazionalista di destra italiano è preoccupato per gli insetti macinati nell’impasto della pizza. È consentito da Bruxelles Dall’inizio di quest’anno, ma il ministro Lolobrigida (Agricoltura, sovranità alimentare e foreste) ha le sue riserve. Il declino della cucina tradizionale italiana può avere un ruolo: per questo il ministro vuole vietare la carne d’allevamento. Tuttavia, il governo ora richiede che l’uso di insetticidi sia chiaramente indicato sulla confezione.

I grilli e le locuste stanno diventando un problema politico? L’Italia non è l’unico paese in cui gli insetti hanno una cattiva reputazione. Critiche alla decisione europea si sono sentite anche in Francia e in altri paesi europei. In Germania e Polonia, sui social media sono emerse segnalazioni secondo cui sull’etichetta sarebbero stati utilizzati solo i nomi latini degli insetti: questo non era vero. Teorici della cospirazione Considera di permettere Si nutrono di insetti come prova di quella che pensano sia la politica climatica europea.

Sono supportati da suoni russi. Ad esempio, Vesti Neteli, il telegiornale della settimana della televisione di Stato russa, analizza così la decisione europea di consentire la farina di grilli: “Alle persone viene chiesto di fare meno il bucato, usare meno elettrodomestici, lavare meno e controllare la temperatura . . Ora si consiglia loro di mangiare insetti.

Un pasto delizioso

L’Osservatorio europeo dei media digitali (EDMO), con sede in Italia, che mira a contrastare le fake news, Chiamare gli insetti “Un’informazione per chi vuole diffondere informazioni false”. Secondo EDMO, da quando Cricket Food è stata approvata è stata pubblicata una “ondata di disinformazione”, gran parte della quale sembra aver avuto origine in Russia.

READ  Angelina Mango ha cantato per l'Italia all'Eurovision Song Contest

Il sistema di monitoraggio delle notizie vede il ritorno di circa tre ‘storie’. Primo: gli insetti sono velenosi. Secondo: i paesi occidentali costringono le persone a mangiare insetti, ad esempio nella lotta al cambiamento climatico. Terzo: le sanzioni contro la Russia minacciano la scarsità di cibo nei paesi europei, motivo per cui gli insetti sono ora nel menu.

Un sacchetto di cibo per insetti
Foto di Antonio Pate/EPA

Koos van Hamersveld, proprietario della Dutch Cricketfarm, vede molte segnalazioni di insetti spinti giù per la “gola” delle persone. Sciocco ovviamente, dice. “Gli insetti possono essere incorporati nei prodotti, ma non è necessario”. Lui stesso a volte “riceveva un’e-mail da qualcuno che guardava tutto il mio lavoro e mi chiedeva cosa stessi facendo”.

Fonti alimentari sostenibili

Nel 2050 il mondo avrà 9,1 miliardi di persone. Secondo FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, mira ad aumentare la produzione agricola globale del 70% per nutrire la popolazione mondiale. Ciò aumenta la necessità di un’alternativa sostenibile.

La decisione europea di consentire l’alimentazione degli insetti fa parte della ricerca di fonti alimentari più sostenibili. Gli insetti emettono molto poco, richiedono poca acqua o terreni agricoli fertili e aiutano a prevenire lo spreco di cibo. Ad esempio, i vermi della farina producono l’80% in meno di gas serra rispetto alle mucche. I grilli hanno dieci volte meno ammoniaca dei maiali, si scopre Ricerca dell’Università di Wageningen.

Uno dei ricercatori, il professore emerito Arnold Van Huis, specializzato in insetti come fonte di cibo, definisce “strana” la richiesta italiana di maggiori informazioni sugli imballaggi. Ora dovrebbe essere chiaramente indicato anche sulla confezione, dice. “Sono elencati anche i possibili allergeni.”

READ  Partecipa al Quiz del Giorno di Riposo del Giro d'Italia e vinci un abbonamento a RIDE Magazine!

Gli insetti contengono proteine ​​come molluschi o crostacei. Quindi le persone che sono allergiche ai frutti di mare possono anche essere allergiche agli insetti. La Commissione vuole quindi un chiaro avvertimento sull’etichetta. Anche la quantità di insetti in un prodotto è limitata al 5%.

Secondo Van Huis, è anche un coautore Ricettario per insetti, molti europei si stanno ancora abituando all’idea del cibo per insetti nella loro dieta. Dice che è “molto normale” ai tropici. “Non per sopravvivere, ma perché lo amano.”

Van Huis stima che un europeo su quattro sia aperto a questa alternativa. Secondo lui, produttori e responsabili politici dovrebbero concentrarsi prima su quel gruppo, purché si tratti di un mercato di nicchia. “Si tratta di educare le persone. Credo ancora che esistano Incendi in tutta l’Olanda Iniziare con. Quindi generalizzi questa idea.