QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il legame spesso mancato tra disturbi d’ansia e disturbi del sonno: ‘C’è ancora molto da classificare’

Il cervello rimane vigile tutta la notte.

“Vogliamo sapere due cose”, afferma Eos van Sommeren, capo del Dipartimento del sonno e della cognizione presso l’Istituto olandese di neuroscienze. “Perché le persone dormono male in primo luogo, e perché le persone che dormono male hanno maggiori probabilità di sviluppare un disturbo d’ansia?”

Van Sommeren sospetta che ciò sia dovuto al fatto che il loro sonno è così interrotto. “Non dormono fino a quelle poche ore in cui sommi tutto, ma il loro cervello continua a svegliarsi e rimanere vigile per tutta la notte”.

attivo e inattivo

La nuova ricerca mira a trovare risposte a ciò che sta accadendo esattamente nel cervello e dove si incontrano problemi di sonno e disturbi d’ansia.

“Tra le altre cose, esamineremo da vicino le onde cerebrali. Vogliamo identificare quali parti del cervello sono attive durante il sonno interrotto e quali parti sono inattive”, afferma Van Sommeren.

Il legame tra scarso sonno e depressione è stato dimostrato

Van Sommeren e il suo team hanno già condotto ricerche negli ultimi anni sul legame tra scarso sonno e sviluppo della depressione. “Ora sappiamo che esiste un collegamento diretto. Le persone che dormono male hanno il doppio delle probabilità di essere depresse rispetto alle persone che dormono bene”.

“E ha anche senso: se ti senti bene con te stesso e sei stressato o stressato, dopo una buona notte di sonno spesso non è così male. Se, invece, hai dormito male la notte, l’effetto opposto potrebbe Poi le paure diventano Oscuri, i pensieri crescono.

“Un sacco di pensiero e trattamento nelle scatole”

Sembra esserci una relazione simile nei disturbi d’ansia. Di tutti i pazienti con un disturbo d’ansia, almeno l’80% sembra avere un sonno scarso. “Lo sappiamo già, ma con quella conoscenza lavoriamo molto poco”, afferma van Sommeren.

READ  Scopri migliaia di nuovi batteri e virus

“C’è ancora molto da pensare e da elaborare nelle scatole. Le persone stanno ricevendo cure per un disturbo d’ansia o per la mancanza di sonno. Mentre si tratta dell’uno e dell’altro”.

“Le persone sono alla fine del loro ingegno”

La mancanza di interesse per i problemi del sonno ha un grande impatto, afferma il ricercatore sul sonno Van Someren: “Vedo persone molto intelligenti e dobbiamo fare qualcosa al riguardo”.

“Esistono terapie cognitive e comportamentali che possono alleviare i problemi del sonno e talvolta anche i farmaci possono aiutare. Penso che siamo diventati molto riluttanti a prendere i sonniferi. Dovremmo aspettare che l’insonne diventi depresso o ansioso e poi dare loro le pillole? “