QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il loro viaggio verso una vita migliore si è concluso in un camion soffocante e i loro parenti piangono gli immigrati morti

Il camion abbandonato è stato scoperto due settimane fa alla periferia della metropolitana di San Antonio. 46 persone sono state trovate morte in una roulotte surriscaldata. Sedici migranti sono ancora portati in ospedale, ma nel frattempo il bilancio delle vittime è aumentato.

Una delle vittime è Pablo, e sua sorella, Rosa Ortega, ha testimoniato. In particolare, vuole mettere in guardia gli altri sui trafficanti di persone che cercano solo soldi e non hanno pietà per i profughi.

“Prima di partire, Pablo ha chiesto al suo russo due favori: prendersi cura della moglie incinta e se gli succedesse qualcosa mentre si recava negli Stati Uniti, il suo corpo dovrebbe essere portato a casa.

molto incinta

Il disastro del camion è un’altra tragedia legata al traffico di esseri umani e al contrabbando tra il Messico e gli Stati Uniti, che si conclude con la morte. Da allora tre sospetti sono stati arrestati.

“Quando è entrato nella roulotte, gli ho detto di stare vicino alle porte per non essere schiacciato”, ha detto Rosa, che ora è impegnata a prepararsi per il funerale del suo unico fratello. Nel frattempo, deve anche prendersi cura di sua cognata, la moglie di Pablo, che è gravemente incinta. Si presumeva che una volta arrivato negli Stati Uniti, avrebbe portato sua moglie e il loro bambino.

Sapevamo che non saremmo stati in grado di contattarlo per un po’ perché i trafficanti hanno preso i telefoni e gli effetti personali di tutti quando sono entrati nella roulotte. “Lo riprenderanno allora”, dice Rosa. Ma non hanno ancora niente.

Quando la sua famiglia ha saputo del dramma dai media, ha finalmente avuto accesso agli uomini che hanno organizzato il trasferimento, hanno detto che Pablo non era in grado di parlare per “motivi di sicurezza”.

READ  Il ministero degli Esteri russo minaccia ancora una volta: "Tale aggressione contro la Russia non può rimanere senza risposta".

Dopo di che non c’è più contatto. Fino a quando la polizia non ha detto che è morto.

3000 dollari

Pablo si guadagnava da vivere come meccanico e vendeva zucchero filato alle fiere. Ha festeggiato il suo ventesimo compleanno trasferendosi negli Stati Uniti.

Lì, dice Rosa, voleva avviare un’attività di tatuaggi.

Era partito il 29 maggio con suo zio. Al terzo tentativo, riescono ad attraversare il fiume Rio Bravo su una piccola barca e incontrano i “lupi”, o trafficanti di esseri umani. Ho trascorso i sette giorni successivi in ​​un bunker a Laredo, in Texas, dove Pablo ha chiamato sua sorella per dirle di aver sentito dei coyote negoziare con gli ufficiali di frontiera americani: “Ha detto che chiedevano 3.000 dollari a persona”.

Anche Michael (16) e Geer (19) non sono sopravvissuti al loro viaggio di “vita migliore”.

“Sono tornati molto prima di quanto sperassimo. È stato rimpatriato su un aereo militare. I nostri figli sono morti. Cuciti. I colpevoli devono essere puniti”, hanno detto i parenti.

Tuttavia, il governo non fa molto per il lutto. Perché hanno poco rispetto e pietà per le persone, spesso giovani, che vogliono lasciare il Paese illegalmente.