QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il primo ministro Netanyahu sulla violenza a Gaza: “L’obiettivo dell’attacco israeliano rimarrà il più a lungo possibile dopo quello”. all’estero

Israele spera, dopo un attacco durato più di una settimana contro la Striscia di Gaza, di ottenere “il periodo di riposo più lungo possibile”. Allo stesso tempo, lo Stato non esclude completamente la possibilità di una vera vittoria sul movimento islamico di Hamas. Lo ha affermato oggi il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, durante una visita di circa 70 diplomatici stranieri al quartier generale militare di Tel Aviv. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto oggi durante una telefonata con Netanyahu che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden vuole una “riduzione significativa” del conflitto tra Israele e Hamas.




Dall’inizio della nuova escalation di tensione tra Israele e Palestina quasi nove giorni fa, più di 3.700 razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza in Israele, mentre l’esercito israeliano ha dichiarato di aver bombardato più di 1.000 obiettivi nella Striscia di Gaza.

Più di 200 civili sono stati uccisi nella stretta fascia costiera, secondo il locale Ministero della Salute, in Israele, mentre più di una dozzina di ospedali e centri sanitari nella Striscia di Gaza sono stati danneggiati. Inoltre, ci sono stati attacchi contro gli uffici di giornalisti palestinesi e stranieri.

Un alto ufficiale dell’esercito ha detto ai giornalisti di “successi critici” che hanno contribuito a stabilizzare il sud di Israele. Ora si sta esaminando se questo sia sufficiente: “Sappiamo di dover combattere di tanto in tanto”.

Hamas

Netanyahu ha aggiunto che stavano cercando di “fermare il terrore di Hamas e ridurre la loro determinazione”. Speriamo di ristabilire la calma il prima possibile. Vorrei anche dire che lo facciamo facendo ogni sforzo per evitare la morte di civili “.

READ  Il litigio diplomatico tra Praga e Mosca: scade il termine ceco per la Russia | all'estero


citazione

Una vittoria di Hamas sarebbe una grande sconfitta per tutti noi.

Benjamin Netanyahu, Primo Ministro israeliano

L’ultimo scontro duro e prolungato tra Tel Aviv e Hamas risale all’estate del 2014. “Stiamo cercando di prolungare il periodo di riposo per Israele”, ha detto Netanyahu, che ha detto di vedere solo due opzioni nel combattere con Hamas. Disse: “O li invadi – è sempre una possibilità, oppure puoi spaventarli”. Con l’attuale attacco a Gaza, vuole scommettere su un importante deterrente. “Ma devo dire che non escludiamo nulla”, sembra.

La gente protesta contro l’aggressione israeliana. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Una vittoria di Hamas sarebbe “una sconfitta per tutti noi”. In tal modo, ha detto che si riferiva a tutte le democrazie, ai palestinesi moderati e ai paesi arabi con i quali ha recentemente fatto la pace. Questo è il motivo per cui mercoledì ha chiesto ai diplomatici di dare un forte sostegno all’offensiva israeliana.

“Non abbiamo cercato questo conflitto”, ha detto Netanyahu mercoledì. La nuova violenza, secondo il primo ministro, il cui recente tentativo di formare un governo è nuovamente fallito, ha qualcosa a che fare con il rinvio delle elezioni palestinesi. La prima urna in 15 anni è prevista per il 22 maggio.

Biden insiste per una riduzione immediata dell’escalation

Nella quarta telefonata tra Biden e Netanyahu da quando il conflitto è scoppiato di nuovo il 10 maggio, il presidente Usa ha sollecitato oggi “una forte allentamento” nel conflitto con Hamas palestinese. Un comunicato stampa diffuso oggi dalla Casa Bianca ha affermato che la riduzione dell’escalation non è ancora avvenuta e dovrebbe aprire la strada a un cessate il fuoco. Con questo, Biden ha cambiato il suo tono un po ‘conservatore.

Gli Stati Uniti sono il principale alleato di Israele e hanno costantemente affermato che Israele ha il diritto di difendersi. Tuttavia, Biden ha subito crescenti pressioni negli ultimi giorni per aiutare a disinnescare il conflitto.

Leggi anche

Missili o no, la vita quotidiana continua a Tel Aviv e Gaza: “Ci viene la pelle d’oca quando dobbiamo nasconderci di nuovo” (+)