QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il professor Angus Dalglish mette nuovamente in guardia dal cancro dopo la vaccinazione con mRNA

Il professor Angus Dalglish mette nuovamente in guardia dal cancro dopo la vaccinazione con mRNA

medico. Angus Dalglish è Professore al St George’s University Hospital di Londra, Fellow del Royal College of Physicians di Gran Bretagna e Australia, Fellow del Royal College of Pathologists and Medical Sciences, MD, PhD con 563 pubblicazioni con oltre 25.000 citazioni e lavora come medico Consulente Oncologo. Noi siamo colloquio Con il Dott. Il video YouTube di John Campbell ha ricevuto 422.000 visualizzazioni in tre giorni.


Il professor Angus Dalglish durante la sua intervista con il Dr. John Campbell.

Cancro esplosivo

Nell’intervista ha menzionato che in un certo numero di pazienti affetti da cancro della pelle, il cancro è improvvisamente andato in remissione e si è riattivato. Dalla sua esperienza ventennale con pazienti affetti da melanoma, sapeva che questi tipi di recidive improvvise di cancro dopo anni di remissione spesso coincidono con la soppressione del sistema immunitario innato. Collega quindi i vaccini contro il coronavirus mRNA, che possono anche sopprimere temporaneamente il sistema immunitario innato. I colleghi segnalano un aumento significativo del numero di casi di cancro al colon tra i giovani, che di solito è molto raro.

Prima Articolo di opinione Descrive le sue preoccupazioni sui vaccini a mRNA e sul cancro.

Alla fine dell’anno scorso, ha riferito di aver visto pazienti con melanoma che erano rimasti stabili per anni e avevano avuto una ricaduta dopo la prima dose di richiamo (terza iniezione). Mi è stato detto che era solo una coincidenza e che avrei dovuto tacere, ma è diventato impossibile. Da allora il numero dei pazienti infetti è aumentato. Ho riscontrato altri due casi di recidiva del cancro nei miei pazienti dopo la vaccinazione di richiamo la scorsa settimana.

Altri oncologi mi hanno contattato da tutto il mondo, anche dall’Australia e dagli Stati Uniti. Esiste un consenso sul fatto che l’aumento non è più limitato al cancro della pelle, ma piuttosto è stato osservato un aumento dei casi di linfomi, leucemia e cancro del rene dopo le iniezioni di richiamo. Inoltre, i miei colleghi che si occupano di cancro del colon-retto hanno segnalato un’epidemia di cancro (con molteplici diffusioni metastatiche nel fegato e altrove). Tutti questi tumori (con alcune eccezioni) si verificano in pazienti che a volte erano costretti a farsi un vaccino di richiamo Covid, che lo volessero o no, per poter viaggiare.

È naturale che il professor Dalglish si chieda perché si verificano questi tumori.

Perché si verificano questi tumori? La soppressione delle cellule T era la mia prima spiegazione possibile, data l’efficacia dell’immunoterapia nel trattamento di questi tumori. Tuttavia, ora dobbiamo considerare anche la combinazione di plasmidi di DNA e SV40 nel promuovere lo sviluppo del cancro, una caratteristica resa più preoccupante dai rapporti secondo cui l’mRNA proteico si lega a p53 e ad altri geni soppressori del cancro. È molto chiaro e molto spaventoso che questi vaccini contengano molti elementi che possono causare una “tempesta perfetta” – un completo disastro nello sviluppo del cancro. Questo vale per quei pazienti che hanno avuto la fortuna di non subire infarti, coaguli di sangue, ictus, malattie autoimmuni e altri effetti collaterali comuni dei vaccini Covid.

e allora?

READ  Cinque scenari per il futuro di Corona: “Old normal” sembra fuori vista

Per combattere il cancro e l’infiammazione, il professor Dalglish sostiene la scelta di uno stile di vita che supporti il ​​sistema immunitario innato. In primo luogo, attraverso gli integratori di vitamina D3. La vitamina D3 è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario innato e bassi livelli di vitamina D3 sono fortemente associati al rischio di morte per Covid. In secondo luogo, si consiglia di utilizzare antinfiammatori naturali, come la curcuma. Inoltre, è importante seguire una dieta neutra contro l’infiammazione: cibi non trasformati, poveri di zuccheri. L’infiammazione cronica di fondo contribuisce alla soppressione del sistema immunitario innato, motivo per cui uno stile di vita sano e neutrale all’infiammazione aiuta a prevenire il cancro e le malattie infettive.

Una stimolazione più diffusa del sistema immunitario innato può essere ottenuta mediante immunoglobuline adiuvanti micobatteriche, che possono essere somministrate per via orale o endovenosa (1, 2).

Il gruppo di medici concorda con le preoccupazioni del professor Dalglish e ritiene che raccomandare vaccini di richiamo, come avviene attualmente, sia irresponsabile a causa di questi tipi di effetti indesiderati e inaspettati, di incognite a lungo termine, di effetti collaterali gravi noti, di bassa efficacia e di eccessi ingiustificati. tasso di mortalità.

Riferimenti

  1. Cardillo F, Bonfim M, da Silva Vasconcelos-Souza P, Mengele G, Ribeiro-Castillo-Branco LR, Pinho RT. Immunoterapia antitumorale con Bacillus Calmette-Guérin. Vaccini. 2021; 9(5):439. https://doi.org/10.3390/vaccines9050439
  2. Pickering S, Domínguez-Andrés J, Joosten LAP, Ricksen NP, Nitti MJ. Immunità addestrata: riprogrammare l’immunità innata nella salute e nella malattia. Anu Rev Immunol. 26 aprile 2021;39:667-693. doi: 10.1146/anoriv-immunol-102119-073855. Epub 2021 febbraio 26. PMID: 33637018.

Sostienici, sii nostro amico!
Trovi preziosi gli articoli di Artsen Collectief? Poi è diventato un amico. gratuito! Come amico riceverai la nostra newsletter mensile, potrai dare suggerimenti alla nostra redazione e rimanere informato su tutti gli sviluppi!
Insieme siamo più forti. Dalla paura alla fiducia!

Disclaimer: The Doctors Group non è responsabile del contenuto delle pagine esterne menzionate e richiamate. Condividere una pagina non significa che il gruppo di medici condivida tutte le visualizzazioni. Il Gruppo dei Medici sostiene la raccolta e la condivisione senza censure di informazioni (mediche) per stimolare conversazioni aperte/discussioni scientifiche.