QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sacerdote confessa cosa significa ascoltare la confessione

Il sacerdote confessa cosa significa ascoltare la confessione

Carlo Papa È il pastore della parrocchia Holy Comforter a Washington, DC. Ha studiato teologia e teologia ed è stato ordinato sacerdote nel 1989. Oltre ad essere pastore, è anche animatore di ritiri, direttore spirituale, scrittore, editorialista e blogger.

Aleteia Gli ho chiesto com'era essere confessore per 24 anni. È cambiato in quel momento?

“La cosa più importante è che ho imparato a incoraggiare le persone ad approfondire le loro confessioni”.

Il sacerdote dice: va bene che le persone parlino di ciò che hanno fatto o non hanno fatto, ma la domanda più profonda è: perché? Quali sono le motivazioni più profonde?

Quando gli è stato chiesto cosa avesse imparato ascoltando per anni i peccati delle persone, ha risposto:

Mi hai insegnato ad essere paziente con la condizione umana. Tutti abbiamo le nostre debolezze e le nostre difficoltà”. L'ironia è che “le lotte e le forze delle persone sono spesso strettamente collegate”.

Ascoltare la confessione ha anche un impatto emotivo e psicologico?

“La mia prima esperienza quando qualcuno si confessa è di sollievo”, dice sorpreso padre Charles.

Hanno ascoltato il Vangelo e questo li conduce al pentimento, ma anche alla speranza e alla grazia.

“Sono così felice che siano qui, e questo è il momento di essere gentili e ascoltarli.”

È anche importante “cercare di rimanere nel momento”. Si tratta di cercare di stare con la persona in quel momento. Per me quella giornata potrebbe essere stata la confessione numero 30, ma per la persona seduta di fronte a me non è così.

La sua preparazione alla confessione consiste principalmente nel confessarsi ogni settimana. “I sacerdoti devono confessarsi spesso, altrimenti non saremo confessori efficaci. Considero questa preparazione importante.

READ  Il loro viaggio verso una vita migliore si è concluso in un camion soffocante e i loro parenti piangono gli immigrati morti

Dopo tutti questi anni, padre Charles considera l'ascolto delle confessioni un dono grande e umiliante. “È speciale sedersi lì e fare quello che Paolo chiamava il ‘ministero della riconciliazione’”.

“Non lo so, è davvero il Signore e questo è molto umiliante”.

“Gesù assume la persona del sacerdote. L'umanità del sacerdote è il pane essenziale del sacramento del sacerdozio. Gesù ci prende e ci usa. Alzatevi!”

Un buon confessore è colui che ascolta bene. Ai giovani preti dice che “il 90% sta ascoltando”.

“Alla fine, si tratta del dono di ascoltare con empatia.”

fonte: Aleteia (Inglese)