QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il sospetto confessa di aver ucciso un giornalista britannico scomparso e di aver trovato resti umani

Uno dei sospettati della scomparsa del giornalista britannico Dom Phillips e dell’esperto brasiliano Bruno Pereira ha affermato di aver ucciso e smembrato i due uomini.

Resti umani sono stati trovati nel luogo in cui il sospetto ha affermato che si trovavano i corpi dei due uomini. La polizia non può confermare se sia per Dom Philips (57) e Bruno Pereira (41).

Il primo sospettato è un pescatore che è stato arrestato due giorni dopo la scomparsa. Martedì scorso è stato aggiunto un secondo sospetto. Sul fratello del primo sospettato. Qualcuno avrebbe confessato l’omicidio adesso. Lo ha annunciato la polizia federale brasiliana in una conferenza stampa mercoledì sera (ora locale).

Il giornalista britannico Phillips e il brasiliano Pereira, esperto indigeno e funzionario del Ministero dei Popoli Indigeni del Brasile, sono scomparsi dal 5 giugno. I due erano in spedizione nella Valle Do Javari, lungo il confine con il Perù. Tra le altre cose, hanno voluto intervistare gli agricoltori locali per un libro sulla conservazione. L’area è un punto caldo per attività illegali come il traffico di droga, la pesca clandestina, il disboscamento e l’estrazione mineraria.

In precedenza, ci sono state segnalazioni di ritrovamento dei loro corpi, ma la polizia brasiliana si è opposta. Tuttavia, sono già stati trovati “materiali biologici” e “proprietà” appartenenti all’uomo.

READ  Sparatoria mortale all'aeroporto di Kabul: le guardie afgane...