QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Il vaccino BCG rafforza l’immunità innata nelle persone che hanno cellule immunitarie “dormienti”.

Il vaccino BCG rafforza l’immunità innata nelle persone che hanno cellule immunitarie “dormienti”.

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding 10 gennaio 2024 – 18:41

Bacille Calmette-Guerin (BCG).) è un vaccino contro la tubercolosi che sorprendentemente riduce anche il rischio di numerose altre infezioni. Questa protezione più ampia avviene attraverso un meccanismo chiamato immunità addestrata. Tuttavia, il vaccino non fornisce una protezione più ampia per tutti. Mihai Nitti, Christoph Bock e colleghi hanno scoperto che lo stato epigenetico di alcune cellule del sistema immunitario innato predice se qualcuno trarrà o meno beneficio da un campanello d'allarme più ampio. La scoperta è stata pubblicata in immunità, Importante per le future terapie che stimolano l'immunità protettiva addestrata.

Il vaccino allena solo le difese dormienti

Stimolare l’immunità addestrata attraverso farmaci o vaccini può portare alla protezione nei momenti in cui il rischio di infezione è elevato, ad esempio dopo un intervento chirurgico importante o durante le epidemie prima che siano disponibili vaccini specifici. Ma l’immunità addestrata varia notevolmente da individuo a individuo e non è chiaro chi potrebbe trarre beneficio dalla stimolazione dell’immunità addestrata.

Per indagare su questo problema, un team guidato da Mihai Nitti (Radpodomek) e Christoph Bock (Università di Medicina di Vienna) ha vaccinato 323 volontari sani con il vaccino BCG e ha analizzato gli effetti sul sistema immunitario. Hanno scoperto che l’immunità addestrata funziona meglio negli individui con immunità innata dormiente. Questa situazione può essere letta attraverso il caratteristico stato epigenetico delle cellule, che prevede in modo molto accurato la risposta ai vaccini.

Il vaccino ha portato a una risposta da parte del sistema immunitario addestrato in 213 persone, mentre in 78 persone non è stata riscontrata alcuna risposta. Coloro che hanno risposto al vaccino avevano più cellule immunitarie innate inattive rispetto a coloro che non hanno risposto. In breve, l’accresciuta vigilanza immunitaria suscitata nei risponditori è già presente in coloro che non rispondono.

READ  I pesticidi sono innocui? Portano a più leucemia nei bambini in Brasile

Regolazione epigenetica dell'omeostasi immunitaria

Sia i fattori genetici che quelli ambientali contribuiscono a questa variazione, ma le differenze più interessanti si osservano nello stato epigenetico delle cellule immunitarie. Lo stato epigenetico della cellula – i cambiamenti nella cromatina che rendono più facile o più difficile l’attivazione dei geni – riflette la capacità della cellula di rispondere rapidamente ai cambiamenti nell’ambiente. In questo modo è possibile regolare l'immunità addestrata. I ricercatori hanno effettivamente osservato questo in entrambi i gruppi. Il gruppo che non ha risposto alla vaccinazione aveva già una cromatina aperta e accessibile sui geni coinvolti nell’immunità innata. L'altro gruppo non ha contratto la malattia, ma l'ha contratta dopo la vaccinazione. Ciò spiega come i cambiamenti epigenetici consentono alle cellule immunitarie di passare da un livello di allerta all’altro. È un meccanismo che contribuisce a raggiungere un buon equilibrio nel sistema immunitario. Né iperattivo né assopito.

Stimolare il sistema immunitario addormentato al risveglio

I risultati non solo forniscono nuove informazioni sulla biologia immunitaria e sul ruolo della genetica, ma forniscono anche indicazioni per il futuro sviluppo di farmaci. “Possiamo immaginare una nuova classe di farmaci che risvegliano specificamente un sistema immunitario dormiente”, afferma Nitti. “In questo modo, gli anziani possono rafforzare il loro sistema immunitario prima di una degenza ospedaliera programmata e forse possiamo riattivare il sistema immunitario soppresso nei pazienti affetti da cancro. Molte aziende farmaceutiche stanno già cercando modi per stimolare l'immunità addestrata senza utilizzare il vaccino BCG .”

Il nuovo studio fornisce indicazioni importanti per tali sforzi. Ad esempio, una migliore comprensione dei percorsi biologici dell’immunità addestrata potrebbe rivelare nuovi bersagli terapeutici. Inoltre, lo studio dimostra che questi agenti sono potenzialmente benefici per gli individui con immunità innata dormiente, identificata attraverso l’analisi della cromatina o i test di immunità funzionale. Non è stata osservata una risposta immunitaria eccessiva nelle persone con elevata immunità innata prima della vaccinazione; Un buon auspicio per la sicurezza futura dei farmaci immunostimolanti.

READ  Potremo avere di nuovo gli impianti dentali presto?

Bock: “Il nostro studio evidenzia la stretta relazione tra gli stati epigenetici delle cellule immunitarie e l'immunità addestrata, consentendo al corpo umano di passare dall'immunità innata attiva a quella passiva. Questo processo varia da persona a persona e può essere sfruttato dalla medicina di precisione.”

Immunità: un'analisi multi-omica delle risposte innate e adattive alla vaccinazione BCG rivela stati cellulari epigenetici che predicono l'immunità addestrata.y – Simon J. C. F. M. Morlag, Lukas Volkmann, Rob ter Horst, Thomas Krausgruber, Daniel Barreca, Linda C. Schuster, Victoria Fife, Vasiliki Mazzaraki, Wenchao Li, Stefan Reichl, Vera B. Moritz, Valerie A. C. M. Kukin, L. Charlotte J. De Bry, Helga Dijkstra, Heidi Lemmers, Braam van Kranenbrouck, Esther van Rijsen, Hans J. B. M. Koenen, Irma Joosten, Cheng Jianxu, Yang Li, Liu A. B. Joosten, Renot van Crevel, Mihai J. Niete, Christoph Bock
https://doi.org/10.1016/j.immuni.2023.12.005

Editoriale sui fatti medici / Janine Budding

Siamo specializzati in notizie interattive per gli operatori sanitari, in modo che gli operatori sanitari siano informati ogni giorno sulle notizie che potrebbero essere rilevanti per loro. Entrambi presentano storie e notizie specifiche per operatori sanitari e prescrittori. Social media, salute delle donne, tutela dei pazienti, empowerment dei pazienti, medicina personalizzata, assistenza sanitaria 2.0 e social sono alcuni dei punti chiave a cui dovrei prestare maggiore attenzione.

Ho studiato fisioterapia e gestione aziendale sanitaria. Sono anche un difensore dei clienti indipendente registrato e un intermediario di sponsorizzazione informale. Ho molta esperienza in diverse posizioni nei settori sanitario, sociale, medico e farmaceutico a livello nazionale e internazionale. Ho una vasta conoscenza medica della maggior parte delle specialità sanitarie. e le leggi sanitarie in base alle quali l’assistenza sanitaria è regolata e finanziata. Ogni anno partecipo alla maggior parte delle principali conferenze mediche in Europa e in America per aggiornare le mie conoscenze e tenermi al passo con gli ultimi sviluppi e innovazioni. Attualmente sto conseguendo la laurea magistrale in psicologia applicata.

READ  Cosa sai dell'insufficienza cardiaca? Questo piano dei medici dovrebbe aumentare la consapevolezza

I miei messaggi su questo blog non riflettono la strategia, la politica o la direzione del mio datore di lavoro, né sono gestiti da o per un cliente o datore di lavoro.