QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

In realtà non è consentito, ma i pesticidi vengono utilizzati nelle aree di estrazione dell’acqua

In realtà non è consentito, ma i pesticidi vengono utilizzati nelle aree di estrazione dell’acqua

Secondo un rapporto di Nature & Environment, i Paesi Bassi non rispettano le norme europee sui prodotti fitosanitari. Anche in alcune località del nord la situazione sta andando storta.

Nei Paesi Bassi esistono aree di estrazione dell'acqua circondate da un'area di protezione delle acque sotterranee come zona cuscinetto. In tali aree si applicano rigide normative europee sull'uso di prodotti fitosanitari. Esistono anche norme nazionali e regionali, ma variano ampiamente e non sempre vengono rispettate, secondo un rapporto dell'organizzazione ambientalista Natuur & Milieu.

Il rapporto pubblicato sabato mostra che Drenthe ha un numero relativamente elevato di aree di protezione delle acque sotterranee dove vengono coltivate colture che richiedono molti pesticidi. Gli esempi includono gigli, bulbi da fiore (gigli, tulipani, giacinti, narcisi), patate da semina e cipolle.

Un esempio di ciò è Waltherbos a nord di Emmen. Lì il 45% della superficie protetta delle acque sotterranee è costituito da terreni arabili, nella maggior parte dei casi contenenti colture che vengono irrorate intensamente.

I raccolti continuano a essere coltivati

Le norme per le aree di estrazione dell'acqua nel sito in cui viene estratta l'acqua potabile sono più rigorose. A Groningen, Frisia e Drenthe l'uso di pesticidi in agricoltura è severamente vietato. Nonostante il divieto di tali sostanze, la registrazione dei tagli delle colture di base per il 2022 mostra che gli agricoltori stanno già coltivando colture in cui vengono utilizzati questi pesticidi.

Inoltre, l'Organizzazione per l'ambiente è giunta alla conclusione che nei Paesi Bassi utilizziamo in misura molto limitata le fasce tampone in prossimità delle trincee. Le normative olandesi spesso richiedono solo da un metro e mezzo a un metro e mezzo di nastro isolante, che può anche essere spruzzato.

READ  Le bambole Lego non sono più esclusivamente eterogenee

In una zona di protezione delle acque sotterranee è spesso necessaria una distanza maggiore. Drentsche Aa dispone di una zona senza spruzzi di 4 metri. Sembra un grosso problema, ma secondo una ricerca dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare, c’è solo l’80% in meno di flusso di tossine con le strisce tampone da 20 metri.

Natura debole

Un altro punto critico dell'Organizzazione per l'ambiente è che i pesticidi vengono regolarmente utilizzati anche nelle aree Natura 2000. Secondo l'Europa ciò è consentito, ma dovrebbe essere ridotto al minimo.

Secondo la ricercatrice Berthe Brouwer di Natuur & Milieu Groningen, l'attuale coltivazione di tulipani nell'Holtingerveld, nel Drents-Friese Wold e nel Leggelderveld non rientra in questo contesto. “A nostro avviso, l’agricoltura biologica dovrebbe essere consentita solo nelle aree Natura 2000, nelle aree di protezione delle acque sotterranee e nelle aree di estrazione dell’acqua”.