QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Incertezza sul futuro della F1 in Italia: “Mesi dopo che i lavori di ristrutturazione non sono iniziati”

Incertezza sul futuro della F1 in Italia: “Mesi dopo che i lavori di ristrutturazione non sono iniziati”

Pressione alta per Stefano Domenicali all’Autodromo Nazionale Monza. L’amministratore delegato della Formula 1 afferma che si parla di un prolungamento del contratto per il Gran Premio d’Italia, ma sorprende che la ristrutturazione prevista non sia ancora iniziata. Domenicali parla con l’organizzazione dell’Emilia-Romagna.

In nessun altro luogo si svolgono le gare più importanti del motorsport come a Monza. Tempio della velocità. Il Gran Premio d’Italia si è disputato 73 volte. Il contratto con la Formula 1 scade dopo il 2024. La ristrutturazione era prevista dopo la gara di F1 dello scorso settembre e i lavori dovevano essere fatti subito, ma nonostante sia ormai quasi Natale, ancora non è arrivato nulla. La classe da corsa non sarà presente nel calendario di Monza fino alla fine di agosto 2024 e la F1 dovrà continuare a organizzarsi. Resta da vedere se l’Autodromo d’Imola, in Emilia-Romagna, otterrà un nuovo contratto dopo il 2025.

Negoziati

“Siamo ancora in trattative con Monza e Imola per un possibile prolungamento del contratto”, ha detto Dominicali. Roy. “Ho un buon rapporto con la federazione motorsport in Italia, ma i lavori di ristrutturazione a Monza sarebbero dovuti iniziare dopo il Gran Premio, non sono iniziati a dicembre. In futuro dovrebbero iniziare ora. La pressione che ho esercitato è costruttiva , ma le burocrazie interne non possono fermare alcuni progetti.”

Interessante anche: Dominicali sulla situazione di Schumacher: “Non lo augureresti al tuo peggior nemico”

Investimenti

“Dobbiamo stare al passo con i tempi e nel 2020 a Imola è stata data un’opportunità eccezionale [vanwege de coronapandemie] Erano pronti – ha continuato l’amministratore delegato della Classe Premier – Purtroppo quest’anno non abbiamo potuto correre lì a causa delle alluvioni. Non vediamo l’ora di correre di nuovo lì l’anno prossimo, ma devi anche capire che non possiamo più investire personalmente. Si tratta di comprendere la volontà del nostro Paese di investire nella F1 come piattaforma sportiva, di promozione e di business, poiché la Formula 1 non può più essere gestita privatamente.”

READ  Da Venezia al Lago di Como, le gemme turistiche italiane faticano a galleggiare