QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Intestino su un chip per la ricerca e i test

Intestino su un chip per la ricerca e i test

La ricerca presso l'UMCG prevede il lavoro con versioni in miniatura dell'organo. Ad esempio, durante un esame dell'intestino. Come si chiama “Intestino su vetrino” In realtà è un intestino tenue e funziona proprio come un pezzo di intestino negli esseri umani. Tuttavia, si tratta di un piccolo dispositivo non più grande di un'unità USB. Nell'intestino su un chip i ricercatori possono indagare su diverse malattie e testare farmaci, senza che i pazienti ne siano colpiti.

Mini organi

L'azione degli organi sul chip è simulata con precisione. I ricercatori Joram Moyer e Hannah Simpson del Dipartimento di genetica spiegano come funziona questo metodo di ricerca: “Su un chip coltiviamo cellule e tessuti umani che vivono, crescono e rispondono al loro ambiente. Ad esempio, otteniamo un pezzo di intestino tenue o un piccolo fegato sono alloggiati in piccoli tubi in Slide.

I piccoli organi sono posti in una pompa che fornisce la stessa pressione del corpo umano, come durante i movimenti intestinali. L'intestino tenue viene posto in una cabina riscaldante a 37°C, che è la temperatura corporea. In questo modo le cellule capiscono come comportarsi in modo normale. I fluidi possono anche fluire attraverso gli organi in questi tubi. Consideriamo, ad esempio, il sangue, il cibo umano o i batteri.

Pazienti giovani

Nell'intestino su un chip i ricercatori possono indagare su diverse malattie e testare farmaci, senza che i pazienti ne siano colpiti. Gli intestini tenui sul chip sono in realtà piccoli pazienti. In questo modo i ricercatori imparano di più su come nascono le malattie, quali cellule svolgono un ruolo e come queste malattie possono essere prevenute o curate. L'intestino sul chip può fare quello che può fare anche un vero intestino. Come nel vero intestino, anche nella parete intestinale si trovano i villi intestinali e le cellule immunitarie. Questi fiocchi intestinali sono piccole protuberanze che garantiscono la corretta digestione del cibo.

READ  Associazione per la cura della persona - Arts en Auto

Mimi intestinali con la celiachia

Moyer e Simpson stanno entrambi conducendo ricerche sulla celiachia, una malattia autoimmune ereditaria in cui i pazienti sviluppano reazioni infiammatorie nell'intestino tenue quando mangiano glutine. Utilizzando l'intestino tenue, imitano l'intestino di un paziente affetto da celiachia. Successivamente, indagano su cosa succede esattamente nell’intestino e cosa causa l’ipersensibilità dei pazienti al glutine.

Il nostro intestino contiene tutti i tipi di batteri che ti garantiscono di rimanere in salute, questo è chiamato microbioma. Nelle persone affette da celiachia, la composizione dei batteri nell’intestino è diversa, causando lo sviluppo della malattia. Indagando sulle cause che provocano la malattia di una persona, potrebbero diventare possibili interventi preventivi somministrando probiotici (batteri sani) ai pazienti.