QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

John Travolta guarda l’iconico ballo con la principessa Diana: “Like a Fairytale” | Famoso

FamosoLe immagini si sono diffuse in tutto il mondo: John Travolta (67), che ha attraversato la pista da ballo con la principessa britannica Diana nel 1985. Un momento speciale anche per l’attore, anche se non era affatto preparato. Lo dice Esquire Mexico. Parla anche della morte di sua moglie Kelly Preston: “Il dolore è molto personale”.




“Non pensavo che mi avrebbero chiesto di ballare con lei”, dice John Travolta. Gli fu permesso di ballare con la principessa a una cena alla Casa Bianca nel 1985. “Ma ho avuto quell’onore. Ecco perché ho pensato:” Ci deve essere una ragione per questo, quindi è meglio che dia il massimo “. dirigendo il ballo. Ben fatto, ma anche assicurandoci che ci siamo divertiti. Quella era la parte facile. Ma salutare Diana nel modo giusto, essere sicura di sé e chiederle di ballare erano compiti più difficili “.

fiaba

Così Travolta definisce l’evento una “favola”. “Considera l’impostazione. Siamo alla Casa Bianca, a mezzanotte. Sembra davvero un sogno. Mi sono avvicinato, le ho toccato il gomito e l’ho invitata a ballare. Si volta e mi mostra un sorriso affascinante – un po ‘triste – e accetta il mio invito. Ed eccoci qui, a ballare insieme come se fosse una favola. “Il cantante non dimenticherà presto il loro ballo.” Chi avrebbe mai pensato che qualcosa del genere potesse accadere in qualsiasi momento? Sono stato abbastanza intelligente da ricordarmelo. , Un momento magico. ”

John Travolta e la sua defunta moglie Kelly Preston nel 2018 © Notizie fotografiche

Nell’intervista, Travolta ha parlato anche della morte della moglie Kelly Preston lo scorso anno. “Ho imparato che il dolore è una cosa molto personale. Questo è diverso per tutti. La cosa più importante che puoi fare per aiutare una persona in lutto è dare loro lo spazio per farlo a modo loro, non sovraccaricarli con il tuo dolore. Supponiamo che tu lo sia a un funerale e sei molto triste. Poi qualcuno che ne ha di più ti si avvicina: “Tristezza. Allora non avrai il tempo di entrare nel tuo dolore. Almeno, è così che ci ho provato”, sembra.

Bambini

“Non vuoi sapere quante persone mi hanno chiamato per il loro dolore estremo. Non sapevo cosa farne, perché ho già molto da trattare me stesso”, continua Travolta. “Ovviamente non era una cattiva intenzione, ma alla fine consoli gli altri. Ecco perché penso che sia importante avere un posto dove posso stare da solo con il mio dolore, senza che nessuno interferisca.”

Travolta spiega anche che ora si concentra principalmente sui suoi due figli, Ella (21) e Ben (10). “Mi assicurerò il loro futuro e li aiuterò a fare quello che vogliono fare della loro vita. Lo faccio adesso in Ella: le insegno a lavorare nell’industria cinematografica. Ben ha appena dieci anni. Voglio aiutarlo a crescere. , perché ha ancora tutta la sua vita davanti “.

Leggi anche:

Dopo nove mesi di isolamento solitario: la figlia Ella aiuta John Travolta ad affrontare il suo dolore (+)

Guarda dentro: John Travolta vende la casa in cui era così felice con la moglie: “Ha sofferto così dalla sua morte”

READ  Quindi il principe Harry tornò comunque negli Stati Uniti, prima del compleanno reale della regina