QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La catastrofe ambientale è reale, così come il rischio di una pandemia causata dal virus dell’influenza aviaria

La catastrofe ambientale è reale, così come il rischio di una pandemia causata dal virus dell’influenza aviaria

La questione non è se si verificherà una pandemia umana causata dal virus dell’influenza aviaria, ma quando accadrà, con le conseguenze della crisi del Corona. Gli scienziati rimangono ragionevolmente ottimisti sul fatto che le cose non progrediranno così rapidamente. Ma chi segue le notizie sulla recente epidemia di influenza aviaria non ha motivo di non vedere il crescente numero di infezioni locali come un presagio di catastrofe ambientale e forse umanitaria. L’allevamento intensivo di pollame è diventato una delle principali fonti di infezione.

Il virus dell’influenza aviaria continua a stupire gli scienziati. Puoi leggerlo e ascoltarlo in articoli e Podcast sulle conseguenze delle nuove infezioni. L’epidemia porta alla morte di decine di migliaia, centinaia di migliaia e milioni di animali. L’allevamento intensivo di pollame è la principale fonte di infezione da questo virus mortale e in rapida mutazione. Un’anatra selvatica malata che vola in alto e defeca nell’acqua potabile di un allevamento di oche o polli potrebbe facilmente infettare qualche migliaio di animali. Da lì, l’infezione progredisce drammaticamente. La malattia cessa quando tutti gli animali infetti muoiono, a causa della malattia stessa o perché migliaia di animali vengono abbattuti negli allevamenti. In quest'ultimo caso, mediante opportuno intervento delle autorità veterinarie.

I Paesi Bassi sono stati esposti più volte a gravi crisi di influenza aviaria. Recentemente, nel 2021, più di sei milioni di polli, anatre e tacchini sono morti inutilmente. L’influenza aviaria si è trasformata da un problema episodico e secolare in un problema strutturale a partire dal 1996, dopo la sua epidemia in Cina. Il virus si è insediato nelle popolazioni di uccelli acquatici selvatici e può emergere e attivarsi sempre e ovunque. “Non si sa ancora quanti uccelli selvatici siano portatori del virus. Non si sa ancora fino a che punto gli allevamenti di pollame infetti diffondano il virus nell'ambiente prima che tutti gli animali vengano uccisi”, ha detto il portavoce. Aggiorna la mappa con le infezioni dal sito web Levende Have.

Anche i mammiferi furono infettati dall'influenza aviaria

Ciò riguarda solo il pollame, ma il virus dell'influenza aviaria si diffonde anche tra le popolazioni di mammiferi. Soprattutto tra gli animali da produzione negli allevamenti intensivi come capre, pecore e mucche. La recente epidemia nelle aziende lattiero-casearie statunitensi ha provocato un’onda d’urto tra i consumatori. È ancora sicuro bere il latte vaccino americano? (Sì, se è pastorizzato). Le mucche in un allevamento da latte possono essere tenute sotto controllo, ma cosa succede se il virus si diffonde alle popolazioni selvatiche? Pertanto la mortalità su larga scala della fauna selvatica nordamericana è inimmaginabile.

Investi con Mywind

Nelle epidemie incontrollabili, il virus si diffonde nella popolazione fino a quando non rimangono più animali vivi da infettare. Ciò produce, ad esempio, a Articolo scioccante su Het Jeugdjournaal Il 29 ottobre dell’anno scorso: “Più di 1.300 elefanti marini sono morti di influenza aviaria”. Tre mesi dopo, riporta il sito Scienza di vita: “L’influenza aviaria uccide più del 95% dei cuccioli di elefante marino del sud, portando a una mortalità di massa “catastrofica””. I biologi marini che da anni monitorano la popolazione della costa meridionale dell'Argentina piangono sulla spiaggia perché non avevano mai sperimentato una cosa simile prima. Un'intera generazione di elefanti marini appena nati è morta durante la notte, circa 17.000. I cuccioli hanno contratto il virus attraverso il latte materno. Dopo essere arrivato nel sud dell’Argentina, il virus ha raggiunto la terraferma antartica e attualmente lì minaccia gli uccelli marini e i pinguini.

READ  Perché gli adulti non ricevono il vaccino HPV (anche se può essere utile)?

Il virus dell’influenza aviaria “altamente patogeno” si chiama H5N1. Ciò non ha nulla a che fare con cinque atomi di idrogeno e un atomo di azoto, ma piuttosto con le cosiddette proteine ​​di superficie emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N), che si trovano sui virus. Questi garantiscono l'adesione e il danneggiamento delle cellule dei tessuti dell'animale preda. Esistono 18 possibili siti dell'emoagglutinina e 11 siti della neuraminidasi. In linea di principio potrebbero derivarne decine di varianti e non tutte sono ugualmente patogene. I virus dell’influenza umana sono di tipo H1.

I virus dell’influenza degli uccelli acquatici sono di tipo H5. La maggior parte causa influenza (lieve), infezioni delle vie respiratorie superiori o semplicemente dolore agli occhi. Ma uno di questi colpisce tutti i tipi di tessuti. Il nuovo tipo di virus H5N1 è apparso nel 1996 in Cina, vicino a Hong Kong, in un gigantesco allevamento di oche. Un bambino è stata la prima morte. Il timore di un contagio diffuso tra le persone non si è concretizzato, in parte a causa dell’intervento del governo che ha contenuto il virus.

È normale che un uccello acquatico selvatico contragga il virus da un altro animale che non ha difese contro il virus in questione. L'animale in questione è sfortunato se il virus è H5N1. A differenza di altri tipi di virus, l'H5N1 infetta non solo il sistema respiratorio o l'intestino, ma tutti i tipi di tessuti. Anche il sottotipo H7N7 è altamente patogeno. L'animale infetto viene infettato dal virus, muore irreversibilmente e costituisce una fonte di infezione per ogni animale con cui entra in contatto.

Fonte di fuoco nella bioindustria

La gravità della diffusione del virus H5N1 è già abbastanza spaventosa. Diventa pericoloso quando gli uccelli infetti infettano altri uccelli, come polli, anatre o oche, che si trovano ammassati in una fattoria (pollame). Il virus H5N1 ha bisogno di umidità per muoversi, motivo per cui gli uccelli acquatici sono particolarmente, ma non esclusivamente, colpiti. Le cose peggiorano quando i mammiferi ingeriscono il virus: gatti, cani, volpi e orsi che catturano un animale infetto. Gli scienziati sono rimasti sorpresi dal fatto che anche le mucche (americane) potessero essere infettate. Ma ancora una volta no, visti i precedenti imprevedibili passi del virus.

READ  L'esposizione alla pertosse migliora la risposta al vaccino di richiamo

“Un'epidemia di virus dell'influenza aviaria altamente patogeno si è diffusa dagli uccelli al bestiame nelle ultime settimane, con diverse aziende agricole che hanno mostrato tracce del virus nel latte”, ha scritto la rivista specializzata. Bestiame Il 22 aprile. “Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) ha ora confermato che anche la trasmissione da mucca a mucca gioca un ruolo nella diffusione del virus. L’USDA sta ancora studiando esattamente come funziona.

Come potrebbe essere esattamente? Come ogni organismo vivente, un virus ha un solo scopo nella vita (anche se non è così). Gli organismi viventi nel caso dei virusNé lo è l’obiettivo dell’evoluzione: la sopravvivenza della specie. Non credere a tutto ciò che dicono sul significato della vita. Siamo sulla Terra solo per una ragione: riprodurci per garantire la nostra continua esistenza. I virus sono alcuni degli organismi viventi più antichi e sono stati in grado di sopravvivere a lungo perché si adattano alle condizioni. Ora si sospetta come il virus si sia diffuso tra le mucche: attraverso le mungitrici. Trasmettono il virus da mammella a mammella.

“L’Erasmus MC è nelle notizie di tutto il mondo perché i ricercatori hanno sviluppato un virus dell’influenza aviaria che si diffonde attraverso l’aria tra i mammiferi”. M., 2011

pollo su pollo, Visone su visoneMucca su mucca: questo è ciò che preoccupa di più i virologi. Se un virus mortale può infettare un mammifero della stessa specie in una stalla densamente popolata senza l’intervento di un uccello acquatico infetto, allora il virus è mutato. Nei “passaggi” di cui sopra, il virus si adatta e diventa sempre più bravo a infettare (=sopravvivere) un altro organismo.

Nel 2011 M ha scritto: “Il programma Erasmus MC fa notizia in tutto il mondo perché i ricercatori hanno sviluppato un virus dell’influenza aviaria che si diffonde attraverso l’aria tra i mammiferi”. Il virologo Ron Fouchier ha successivamente infettato i roditori con un virus mutante che ha mutato il suo predecessore, ottenendo così, dopo un piccolo numero di passaggi intermedi, un virus altamente infettivo, che poteva infettare le persone anche attraverso la trasmissione aerea. Il virus è stato distrutto e tali test non vengono più eseguiti per motivi di sicurezza. È stato dimostrato che un tale virus può essere creato in laboratorio. E forse anche in natura.

READ  Verso un trattamento personalizzato per le donne con carcinoma ovarico

Basso rischio, alto tasso di mortalità

In effetti, nessuno si è sorpreso che un dipendente di un caseificio americano si sia infettato attraverso un contatto prolungato con le mucche. Perché l'influenza aviaria è solo una Malattia zoonotica, che è una malattia contagiosa Che può essere trasmesso anche dagli animali all’uomo Anche il COVID-19, la malattia di Lyme, la febbre Q, la toxoplasmosi e la salmonellosi sono contagiosi da persona a persona. Esiste però una differenza importante tra il decorso della malattia dovuto ad altri agenti patogeni: il rischio di morte. Degli oltre ottocento casi umani di infezione da H5N1 registrati, circa la metà di essi si è conclusa con la morte. Altre malattie zoonotiche non si avvicinano nemmeno a questo risultato.

Il diffuso ottimismo tra gli scienziati riguardo al rischio di trasmissione da uomo a uomo si basa sulla diffusione limitata del virus H5N1. Il fatto che ci siano così poche vittime umane dimostra che il tasso di trasmissione da uomo a uomo è basso. A differenza dei virus influenzali umani, non si trova nel tratto respiratorio superiore, dove può raggiungere la vittima successiva ad ogni starnuto. Il virus H5N1 si deposita più in profondità nei polmoni.

Va notato quanto siano contagiose le varianti attuali. È molto probabile che l’infezione si diffonda da uomo a uomo, ma dipende dall’adattamento del virus mutato. Per non dare al virus la possibilità di mutare – e lo abbiamo visto con il coronavirus – è necessario reprimere il più rapidamente possibile la prima epidemia tra gli animali. Il rilevamento rapido porta a un intervento globale, come l’abbattimento preventivo degli allevamenti di pollame. Questo orrore è il pericolo dell’agricoltura intensiva. Sono disponibili anche antivirali e vaccini generici che possono ridurre la gravità dell’infezione.

Se si verificassero diffuse infezioni da uomo a uomo con la variante H5N1 altamente patogena, ci vorranno diversi mesi prima che venga sviluppato un vaccino specifico per quella variante, come abbiamo visto con la pandemia di coronavirus. Ciò ha dimostrato cosa poteva fare nella comunità. Malati e morti, panico ovunque, persone costrette a rifugiarsi sul posto, crisi economica e grandi disordini sociali. La divisione tra anti-vaxxer e lealisti a cui è stata data ogni opportunità e grandi dubbi sull’attuale gestione degli animali da produzione. Iniziamo migliorando quest'ultimo.

Heop Stam