QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Matta (21 anni) voleva l'eutanasia ma ha trovato una nuova prospettiva: «Mi sono sentita vista» |  Notizie RTL

Matta (21 anni) voleva l'eutanasia ma ha trovato una nuova prospettiva: «Mi sono sentita vista» | Notizie RTL

Matthew Van Ham (21 anni) soffre di una forma molto rara di disturbo mentale ossessivo-compulsivo e la sua richiesta di eutanasia è stata esaminata l'anno scorso. Questo è esattamente ciò che gli ha fatto cambiare idea. “Finalmente mi sono sentito visto.”

Matthew Van Ham aveva 16 anni quando sviluppò una rara forma di disturbo ossessivo-compulsivo, un disturbo d'ansia accompagnato da pensieri ossessivi ripetitivi. “Mi è stato ufficialmente diagnosticato un disturbo d'ansia per il quale ero estremamente concentrato sul mio corpo. Sentivo un dolore fortissimo nel mio corpo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, quindi tutto quello che potevo fare era urlare,” spiega.

Il disturbo ossessivo compulsivo si manifesta in diverse forme. “Respiro costantemente, sbatto le palpebre e deglutisco consapevolmente. Ad esempio, penso che se non controllo il mio respiro, smetterò di respirare.”

I trattamenti non hanno funzionato

Matthew voleva fare tutto il possibile per imparare a convivere con i suoi problemi psicologici. “Poi ho seguito molti trattamenti e ho provato molti farmaci diversi.”

Ma senza risultati, perché nessuna cura ha funzionato. “Ho pensato: se devo convivere con questo per il resto della mia vita, non voglio più vivere, poi è iniziato il processo di eutanasia”.

Nel 2023, 322 persone di età inferiore ai 30 anni hanno presentato domanda di eutanasia. Di queste richieste, otto sono state approvate, ha aggiunto. Centro di consulenza sull’eutanasia nella sua relazione annuale. Ciò non significa che non siano più pendenti richieste di eutanasia per altri giovani. Il periodo di attesa per una decisione varia da poche settimane a più di due anni.

READ  Aumento del rischio di vari tipi di cancro

Trovare qualcuno che potesse aiutare Matthew a richiedere l’eutanasia non è stato così facile. “Sono molto giovane, quindi è stato difficile.” Finì in una valle profonda dove la sofferenza alla fine divenne troppo per lui. “Lo scorso dicembre ho tentato il suicidio.” È sopravvissuto a malapena al tentativo ed è finito in terapia intensiva in ospedale.

Poco dopo il tentativo, la richiesta di eutanasia di Matthew è stata esaminata. “Mi ha dato qualcosa a cui aggrapparmi. Mi sono sentita vista. La mia sofferenza psicologica era così grave che non potevo più conviverci e l'eutanasia era per me la via d'uscita.”

Hai domande sul suicidio?

Base 113: Chiama il 113 o 0800-0113 (numero verde)Oppure in forma anonima tramite chat sul sito 113.nl

Disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana

Mi sentivo debole per Matthew. Anche se voleva l’eutanasia, non voleva morire per la sua famiglia e i suoi amici. “Avevo bisogno di una vita significativa.”

Spazio per parlare

La richiesta di eutanasia di Matthew è stata trattata dallo psichiatra infantile e giovanile Menno Oosterhoff. “Poiché ho preso sul serio la sua richiesta di eutanasia, gli ha dato spazio per parlare della morte”, dice.

Lo psicoterapeuta Oosterhoff capisce perché le persone a volte non vedono altra via d'uscita. “Alcune persone devono aspettare molto tempo per richiedere l'eutanasia, a volte anni, perché non ricevono risposta e si sentono sole in psichiatria.”

Anche Matthew si sentiva solo. “Gli psichiatri non volevano parlarmi della morte. Non mi sentivo ascoltato e per questo ho tentato il suicidio. Meno fu il primo a dire: 'Ti capisco, voglio parlarti di questo. '”

READ  La vitamina K può aiutare a curare l’osteoporosi?
Matteo Van Ham

“Se le persone sanno che l'eutanasia è possibile, hanno il coraggio di provare a superare la depressione per l'ennesima volta, per esempio. Se questo non funziona, c'è un altro modo”, spiega lo psichiatra Oosterhoff.

Poiché Matthew ha potuto parlare della morte con lo psichiatra Oosterhoff, ha pensato anche ad una prospettiva diversa. “Sono diventato un po’ più grande e, nonostante il dolore, ho iniziato a studiare psicologia. È stato molto meglio di quanto mi aspettassi”. Aveva addirittura la sensazione di vivere di nuovo.

Lo psichiatra Oosterhoff sottolinea che molte persone che richiedono l'eutanasia smettono di farlo dopo. “Alcuni cambiano idea o viene trovata un'altra opzione terapeutica che consente loro di vedere di nuovo la luce”, spiega.

Aiutare gli altri con problemi di salute mentale

Come psicologo, Matthew vuole usare la sua esperienza per aiutare gli altri. “Sto studiando psicologia clinica e voglio specializzarmi in disturbi d'ansia. Voglio essere lì per gli altri e vedere davvero i loro problemi.”

Adesso è di nuovo in salute. Sull’eutanasia non si parla più di eutanasia: “Se mi sentirò abbastanza bene, prima o poi vorrò metter su famiglia e avere dei figli. Ho anche una grande passione per la musica e il canto”.

Hai già l'app RTL News & Entertainment?

SÌ? Siamo così felici!
Non ancora? Scaricalo qui Androide E Dipartimento di controllo interno.