QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Disney descrive l’accusa di Scarlett Johansson per il film come un mondo dello spettacolo triste e inquietante

AggiornareScarlett Johansson, 36 anni, ha fatto causa alla Disney. L’attrice, che reciterà nel nuovo film Disney “Black Widow”, è furiosa per il fatto che il film sia uscito sul servizio di streaming dell’azienda e nei cinema contemporaneamente. Secondo lei, questo non era l’accordo, ma la Disney lo nega. Nel frattempo, l’attrice sta ottenendo molto supporto sui social media.




Nella causa intentata giovedì alla Corte Superiore di Los Angeles, gli avvocati dell’attrice hanno spiegato che la decisione della Disney ha causato un drastico calo delle vendite dei biglietti finali del film. “Disney ha violato intenzionalmente il contratto e in questo modo ha fatto sì che Scarlett non potesse godere appieno dei termini precedentemente pattuiti”, si legge nell’atto d’accusa. Secondo la Johansson, il suo contratto prevede anche che il film di Black Widow sarà proiettato esclusivamente nei cinema.

Di conseguenza, l’attrice ottiene meno soldi sul suo conto, perché i fan possono anche guardare il film su Disney+, il fatturato è molto più basso. Una mossa consapevole della Disney, o almeno così sostiene il team legale dell’attrice. Dicono che la Disney abbia inviato intenzionalmente gli spettatori alla propria piattaforma di streaming. Sono stati autorizzati a mantenere quei profitti da soli. Inoltre, il numero di abbonati Disney + è aumentato in modo significativo in questo modo, il che a sua volta ha portato a un aumento delle azioni Disney. “La Disney non ha onorato i suoi accordi con Johansson per mettere più soldi nelle proprie tasche”.

Estratto da “Black Widow” con Scarlett Johansson. © Foto Notizie

Il miglior weekend di apertura

Scarlett afferma inoltre di aver ricevuto alcuni premi associati alla vendita dei biglietti del cinema. Nelle loro stesse parole, si tratta di circa 50 milioni di dollari (circa 42 milioni di euro).

Il weekend di apertura di “Black Widow” non è stato male. Il film ha attirato parecchie persone nei cinema americani e canadesi. Con un fatturato di 80 milioni di dollari (circa 68 milioni di euro), Black Widow ha anche realizzato il miglior weekend di apertura per un film dall’inizio della crisi di Corona.

La reazione della Disney

Disney ha descritto la causa contro la società come “triste e inquietante”. Secondo il regista, il lavoro di Johansson è un “disprezzo insensibile per gli orribili effetti globali a lungo termine della pandemia di COVID-19”.

La società sostiene che il contratto non prevede un’uscita cinematografica esclusiva. Inoltre, l’attrice ha già ricevuto 20 milioni di dollari (17 milioni di euro) per il suo lavoro e, secondo la società, stava già ricevendo “un pesante compenso” per l’uscita del film su Disney+.

Rossella “tesa”

Laddove la nostra collega Scarlett Johansson è molto tranquilla al momento, molte persone sui social media stanno sostenendo l’attrice. E i fan non sono gli unici a dire che la sua decisione di fare causa alla Disney è “completamente giustificata”.


“Non mi interessa quanti soldi Scarlett Johansson ha effettivamente nel suo conto in banca. Era solo ubriaca per violazione del contratto. Ha tutto il diritto di fare causa, come azienda non puoi fingere di supportare le donne professioniste e poi dire ‘ tranne Scarlett, perché ne ha avuto abbastanza'”, ha detto il critico cinematografico Tomris. Adorabile: Non puoi.

Un altro ha scritto: “Scarlett non è avida, sta chiedendo ciò a cui ha diritto in base al suo contratto. E quando la Disney tratta qualcuno che ha lavorato con loro per 10 anni in modo raccapricciante, puoi immaginare come trattano i nuovi attori”.

Leggi anche:

“Black Widow” batte il record al botteghino per il miglior weekend dalla crisi di Corona

Scarlett Johansson è incinta del suo secondo figlio

Scarlett Johansson su Black Widow Sex: “Probabilmente sembrava un complimento in quel momento”

READ  Studio 100 con le mani nei capelli intorno a Hanne e Marthe di K3