QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La figlia di Walter de Donder si occupa di anoressia con il video: “Mostra quanto sia dolorosa la situazione”

Due anni dopo aver testimoniato sulla sua battaglia contro l’anoressia, Julie de Donder, figlia diciannovenne del sindaco di Avlegim Walter de Donder, si trovava in una posizione migliore. Oltre 4 milioni di persone hanno guardato un video su Tiktok confrontando le immagini di oggi con quelle dell’epoca.

Un paio di anni fa, Julie De Donder, figlia dell’attore e attuale sindaco di Affligem Walter De Donder (CD&V), non stava bene. Era così magra quando si è seduta accanto a suo padre nello show televisivo Mostra Cooke & Verhulst Ha testimoniato su come l’anoressia ha preso il controllo della sua vita. Il disturbo alimentare è iniziato con lei a causa dei tanti bulli che ha dovuto sopportare da bambina, in parte perché diceva di essere “un po’ paffuta” e perché suo padre interpretava Capotter Blob.

4 milioni di visualizzazioni

L’immagine sembra completamente diversa oggi. Non c’è più una giovane donna malsana e insicura su Instagram e Tiktok. Al contrario: Julie de Donder ha guadagnato 17 chilogrammi e dice di sentirsi bene con la sua pelle. Con un video che confronta il suo essere ballerino di due anni fa con l’aspetto che ha oggi, negli ultimi giorni ha raggiunto quattro milioni di visualizzazioni su Tiktok. Ricorda a chiunque abbia un’estensione conflitto Con il suo corpo a perseverare. Puoi farcela.” Un video in cui prende in giro le persone che l’hanno maltrattata perché figlia di Kaptur Blob è già stato visto 3,7 milioni di volte.

“Sono così felice che qualcosa di positivo sia uscito da qualcosa di negativo”, dice dell’enorme successo su Tiktok. Questo è qualcosa per me. Ma sono ancora vigile: riguarda il messaggio che porto. È chiaramente utile.

READ  La registrazione di un nuovo spettacolo Roger Van Damme, Gilles de Greve e Wintel Cobbins è iniziata a Tomorrowland | estate festiva

mesi di attesa

Dice che il tuono è sopraffatto dai messaggi. Dai suoi colleghi che soffrono e dalle persone che trovano il suo coraggio in quello che ha passato ai parenti dei pazienti che le chiedono aiuto. “Mi dispiace di non avere le risorse per aiutare tutte queste persone. Mi piacerebbe farlo. Mi piacerebbe farlo”.

Descrive come “vulnerabile” il fatto che le lunghe liste di attesa per le cure specialistiche – il problema principale quando le è stata diagnosticata l’anoressia – debbano ancora essere risolte. “Ho dovuto aspettare per me stessa quattro mesi”, dice. “Deve davvero cambiare. Non è un grande segno che quattro milioni di persone potrebbero essere d’accordo con l’attrattiva di una ragazza con un disturbo alimentare?

La studentessa dell’asilo dice che mordicchia di non poter aiutare tutti i bisognosi. Sto ancora pensando a qualcosa. Ma vedremo.

‘Molto coraggioso’

Gli ultimi numeri sulle liste d’attesa per il ricovero in una struttura specializzata in disturbi alimentari sono di febbraio. All’epoca c’erano 187 minori in lista d’attesa e il tempo medio di attesa per l’ammissione era di quattro-dieci mesi.

Il ministro fiammingo per il benessere Hilda Krewitz (CD&V) sottolinea che si stanno compiendo sforzi per fornire assistenza a bassa soglia attraverso il centro di conoscenza Eetexpert, i lavoratori di prima linea e i centri di assistenza sanitaria mentale. Ha descritto la testimonianza di Julie de Donder come “estremamente coraggiosa”. È un segnale forte per condividere la sua storia. Anche altri che stanno lottando con se stessi possono sentire molto sostegno in questa materia.