QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Fondazione KEA vuole maggiore comprensione e conoscenza sull'eutanasia per i disturbi mentali – Omroep Zilt

La Fondazione KEA vuole maggiore comprensione e conoscenza sull'eutanasia per i disturbi mentali – Omroep Zilt

Il 31enne David Mulder ha completato il trattamento psichiatrico ed è morto in ottobre a causa dell'eutanasia. È stato un processo lungo e difficile. Sua madre, Caroline Mulder, si è unita alla Fondazione KEA per raccontare la storia di suo figlio. La Fondazione vuole aumentare la comprensione, la conoscenza e la possibilità dell'eutanasia per motivi psicologici.

David ha sempre trovato la vita difficile. Quando aveva 4 anni si gettò dalle scale due volte. Poi i suoi genitori hanno cercato aiuto da uno psichiatra infantile. Vide un bambino molto debole e triste. I test hanno dimostrato che era dotato.

David ha ricevuto la terapia del gioco e all'età di sette anni gli è stata somministrata una bassa dose di Prozac per curare la sua depressione. “Poi al mattino ho dovuto spremerlo nel suo porridge con una siringa. Abbiamo sentito che questo farmaco lo ha aiutato. “A metà della scuola elementare, David stava meglio e ha potuto smettere di prendere il Prozac.

Alla fine della scuola elementare, David divenne ancora più depresso. Aveva paura di andare al liceo. Ha smesso di mangiare e si è fatto male. Gli fu somministrato nuovamente il Prozac. E assistenza psicologica. Non è stato di grande aiuto. “All'età di 15 anni, aveva così tendenze suicide che fu ricoverato involontariamente”, dice sua madre, Caroline. “Anche per sollevarci come famiglia. Perché non ne possiamo più.” Successivamente ha ricevuto assistenza abitativa e ha iniziato a vivere da solo.

Ho provato di tutto
Nella sua vita, David ha provato di tutto nel campo della terapia, compresa la terapia cognitiva e la terapia della parola. Come affrontare pensieri depressivi, consapevolezza, terapia cognitivo comportamentale, terapia traumatica e terapia con ketamina. Ha anche ricevuto farmaci come litio e inibitori MAO.

READ  Nuove terapie antitumorali che utilizzano cellule immunitarie specializzate

Adesso aveva una ragazza, Marielle, e faceva di tutto per lei. “David ha detto: 'Non ho bisogno di migliorare finché la situazione diventa sopportabile'”, dice Caroline. “Allora vivrò.” Ma tutte le cure e i farmaci non hanno aiutato David.

È stato completamente guarito
Alla fine, il suo trattamento terminò e David volle l’eutanasia. Sfortunatamente, il suo psichiatra non ha voluto praticargli l'eutanasia quando l'ha richiesta. Poi a dicembre decise di smettere di mangiare e di bere e di morire in questo modo.

Con orrore di sua madre: “Avevamo paura della morte tutto l'anno come un blocco di cemento”. Come infermiera di comunità, Caroline visitava molte persone morenti sul letto di morte. “Erano tutti anziani già esausti. Si sono infilati bene. Ma per un uomo così giovane, ci vogliono settimane.”

Ma l’estate scorsa è diventato chiaro che ciò non era più possibile. David era molto depresso e non riusciva più a stabilire i collegamenti correttamente. È stato molto difficile per Mariel. Andavano ancora in vacanza insieme, ma lui era nervoso. A casa era sdraiato sul divano, incapace di dormire ed irrigidito dallo stress.

Mariel gli dice che non deve aspettare fino a dicembre. Questo conforta David. Si sentiva come se avesse ripreso il controllo e decise di smettere di vivere a settembre.

È pur sempre eutanasia
Poiché David voleva mostrare il processo di mortificazione e i problemi affrontati dalle persone mentalmente esauste, contattò lo psichiatra di Harlinger, Menno Oosterhoff. Oosterhoff aveva precedentemente dichiarato di non poter eseguire l'eutanasia perché era già troppo occupato con la questione. Ma non era quello l'obiettivo di David.

Foto: Miranda Spanger

Dopo la conversazione, Oosterhoff ha chiamato per dire che voleva ancora aiutare David. “Stavo impazzendo. Poi ho notato che gli avevo già dato un posto dove sarebbe morto. “Il 4 ottobre David ha ricevuto l'eutanasia che desiderava da tanto tempo, in presenza dei suoi cari.

READ  Settimana di raccolta fondi per il diabete - Notizie da Boonschoten-Spakenburg, Emdek e Zevenhuizen.

Spazio, pace e tristezza
Sua madre vede il processo di eutanasia con sentimenti positivi. “Sono sollevato che sia andata così. Ed è onesto che mi sento meglio di prima? Sono stato triste tutto l'anno. Abbiamo fatto tutto con David per l'ultima volta. Il Natale dell'anno scorso è stato molto impegnativo, proprio come quello di David lo scorso compleanno.” . Ora c'è così tanto spazio e pace dentro di me. E anche tristezza. Mi manca e piango molto. Ma mi sento ancora meglio rispetto allo scorso anno”.

Fondazione Kia Mission
La Fondazione KEA è nata lo scorso anno grazie al libro “Let Me Go” scritto dalla psichiatra Kate Vanmechelen insieme allo psichiatra Menno Oosterhoff. Il libro contiene anche parti delle memorie di Esther Bokema, che soffriva di gravi disturbi psicologici. Alla fine è stata sottoposta ad eutanasia dopo aver completato il trattamento.

“Le persone sono venute da noi dopo aver letto il libro per raccontare le loro storie”, afferma VanMechelen. “Sono stati respinti dall'Euthanasia Expertise (EE) e non sanno cosa fare. Oppure sono parenti di persone care morte per suicidio o per eutanasia.

“Ci siamo chiesti cosa potessimo fare per queste persone. Per questo è nata la Fondazione KEA e il sito è attivo dal 28 ottobre. https://stichtingkea.nl/ Collegato. La fondazione vuole aumentare la comprensione, la conoscenza e la possibilità dell'eutanasia per i disturbi mentali.

La fondazione non è solo per le persone con malattie mentali Sofferenza insopportabile e disperata Oppure ai parenti, ma danno indicazioni anche ai medici sulla possibilità di concedere l’eutanasia. “Abbiamo creato una rete di medici tramite un'app di gruppo per i medici che potrebbero voler aiutare, ma non sanno come iniziare”, afferma VanMechelen. “L'app ha anche esperti psichiatri che hanno già esperienza con l'eutanasia che poi dicono: 'Chiamami e basta.'

READ  "I pistacchi sono un ottimo spuntino prima del sesso" - Wel.nl

KEA non è una nuova efficienza energetica
VanMechelen conferma che l'istituto non pratica l'eutanasia. “Non vogliamo diventare la nuova EE. In questo modo avremo 300 persone in lista d'attesa in qualsiasi momento. Ciò che possiamo fare per le persone che si iscrivono è fornire informazioni, ad esempio, sul buddy system.

I volontari affiliati alla Fondazione sono quasi tutti persone che hanno perso qualcuno a causa di suicidio o eutanasia. Secondo VanMechelen, hanno una missione. “I parenti desiderano che i loro cari siano gli ultimi a morire per suicidio. I parenti che hanno perso qualcuno a causa dell'eutanasia dicono: è stato bello. Ma che fatica è stata arrivare a questo punto”.

“Hanno anche ricevuto una missione o un messaggio dal loro parente defunto: raccontare la mia storia in modo che non vada perduta. Sarebbe fantastico se la società comprendesse meglio l'eutanasia per la sofferenza psicologica”, dice VanMechelen. “Che le persone dopo di loro debbano lottare per meno tempo per raggiungere questo “limite”.