QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La forza silenziosa dietro il Rock Werchter: ‘Oso cancellare un gran numero di bottiglie di vino sul cavaliere’

Il prato di Werchter sembra elegante in verde con una matita. Nessun taglio d’erba e le pareti nord-ovest – un’opera d’arte curata da Arne Queens – sono completamente silenziose. Un netto contrasto con il primo fine settimana di luglio, quando (in un anno “normale”) si radunano qui 88.000 persone. Quattro giorni, quattro tappe. Manifesto vario, pubblico frenetico. Sotto la pioggia battente o sotto il sole cocente, con il fumo della birra e i frequentatori di festival che non vedono il sapone da un po’. “Negli ultimi anni, abbiamo fornito a molti bagni e servizi igienici l’acqua dello sciacquone. Tutto viene pulito ogni notte”, aggiunge rapidamente Yu van Sait.

Lei e il suo team stanno preparando ancora una volta una versione protettiva contro il coronavirus con Werchter Parklife quest’anno. A casa – non lontano dal prato – racconta come è riuscita a fare il passaggio da visitatore del festival a direttore del festival, in completo silenzio. “Rimanere in disparte è la mia scelta. L’umiltà è nel mio carattere. Non ho mai voluto essere il volto del Rock Werchter. Altri erano più adatti a questo.”

Torna indietro nel tempo: come è iniziato tutto per te?

“Nel 1979 ho visitato per la prima volta la Rock Werchter School. Vivevo a Onze-Lieve-Vrouw-Wavre, vicino a Werchter. Avevo ventun anni e volevo andarci molto prima. (Il festival esiste dal 1975, ndr.) Ma i miei genitori non me lo permisero. Hanno visto le foto di Jazz Plzen in TV e non gli sono piaciuti i festival”. (Ridere)

Foto di Jan Vandevyver

Cosa ricordi?

“Pioggia forte. Grande blocco. Ed ero lì con mia sorella. A quel tempo adoravo andare ai concerti, ma i biglietti costano ovviamente. Ad un concerto nella Lux Hall di Herenthout ho parlato con Herman Schueremans (Organizzatore di concerti e volto di Rock Werchter, editore). Ho chiesto se potevo aiutare qualcosa, per ottenere quel modo gratuitamente. Così ho iniziato. Pochi mesi dopo, nel 1981, lavora a tempo pieno. Oltre a Rock Werchter, Hermann ed io abbiamo anche organizzato concerti da solista: Talking Heads in Vorst e Grace Jones in tournée teatrali. (Hermann e Yu sono stati brevemente sposati e hanno avuto una figlia insieme, editore.) La musica dal vivo era ancora agli inizi. Hai visto la nostra industria crescere da “estremamente hobbista” a livello professionale oggi. Ho avuto delle opportunità e le ho sfruttate. Ci sto ancora lavorando con la stessa passione e grinta, orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato”.

Cosa fa esattamente un direttore di festival?

Dico il direttore – il direttore mi ricorda la scuola – e il mio biglietto dice il direttore del festival.Spesso ricevo posta con il nome ‘Mr. (Ridere) Il mio team è responsabile degli aspetti operativi: biglietteria, marketing, sponsorizzazione, salute e sicurezza, campeggi, logistica e tecnologia. nazione viva (Organizzazione di concerti e festival, editore) Impiega cinquanta persone. Sono responsabile del team del festival: un nucleo permanente, affiancato da professionisti indipendenti, come il Coordinatore Sicurezza e Ambiente. Durante la settimana del festival lavorano 8000 persone: un impiegato ogni dieci visitatori. Fin dall’inizio, c’è stata anche un’organizzazione senza scopo di lucro, Altsien, che coordina il lavoro di volontariato. Sono un partner importante nella storia di Rock Werchter. Cemento, per così dire. L’associazione senza scopo di lucro partecipa a centosessanta associazioni, reclutando principalmente nel quartiere: Rottselaer, Waukerzel e Hacht, dove sono più colpite dai disagi di un grande festival”.

Non tutti sono felici il primo fine settimana di luglio, vuoi dire?

“Non è male. Il festival è nel mezzo di una zona residenziale. Molta gente vive in periferia. Ti porta lontano dal mondo esterno. Questa è, per usare un eufemismo, una dura verità. È come spingere un grande elefante in un armadio dalla Cina e non rompere nulla. Ogni anno i vicini più stretti sono invitati, pubblichiamo un giornale festivo e cerchiamo di comunicare bene con loro. ”

null Immagine Jan Vandevevere
Foto di Jan Vandevyver

Qual è l’aspetto più difficile del tuo lavoro?

“Nessuna legge è mai stata scritta pensando ai festival. Werchter è una città temporanea di 100.000 persone che costruisci e demolisci. Letteralmente tutto deve essere fornito. In quest’area dobbiamo soddisfare tutti gli standard che una vera città deve soddisfare. Non è semplice”. Ci ho lavorato molto negli ultimi anni: sono in gruppi di lavoro con il governo, e siamo impegnati nella fase iniziale di nuovi schemi”.

Suona meno rock ‘n’ roll di quanto pensassi.

(Ridere) “Poche persone possono apprezzare cosa significhi organizzare un grande festival. E poi ricevo la domanda: ‘Lavori davvero a tempo pieno?’ Sto cercando di chiarire che è un compito enorme. Attualmente stiamo lavorando sulla definizione delle stagioni 2022 e 2023”.

Noto che non ti piace parlare di “stelle del mondo”.

“Non mi riguarda. Non c’è niente di magico nel nostro lavoro. Hai i fan che comprano i biglietti e hai gli artisti. Noi, come organizzatori, siamo tra i due. Il nostro ruolo? Servire fan e artisti allo stesso modo”.

Sono appena andato a fare un sondaggio sui Cavalieri, pieno di richieste impossibili da parte di star mondiali.

“Esistono. Se si tratta di un gruppo numeroso in un tour, il passeggero verrà ampliato. Queste persone devono mangiare, bere e passare la notte da qualche parte, sì. Ma raramente vedo cose estreme. Attenzione, succede: una lista con un un gran numero di bottiglie di vino o “Molte bottiglie di liquori della marca più costosa”. Ma vi sfido a ometterlo, lo sapete. C’è una differenza, sospetto, che il direttore voglia fondamentalmente riempire la sua cantina. Se gli artisti bevevano tutto da soli, non ci sarebbero più spettacoli. (Ridere)

In Belpop su VRT, Jim Kerr dei Simple Minds e Bono degli U2 hanno elogiato Werchter: il luogo dove tutto è iniziato per loro.

“Prima di Rock Werchter c’erano pochissimi concerti. Le band non venivano in Belgio. Hermann ha avuto l’idea di chiedere alle band di suonare in piccoli club. Ha preso di mira giovani artisti emergenti dal Regno Unito. È così che i Simple Minds e gli U2 sono arrivati qui. Per la prima volta. Continuavano a tornare, e infatti sono diventati famosi in tutto il mondo. ”

In quel documentario televisivo sulla storia del Werchter, non si può parlare.

(un sorriso) “Hai capito bene. Come ho detto, non ho davvero bisogno di tutta quell’attenzione. ”

Il mondo dei festival è più maschile?

“Sta migliorando, ma abbiamo ancora molta strada da fare. Nei miei primi anni c’erano parecchie donne. Quando erano lì, avevano lavori ausiliari. Conosco anche parecchi altri direttori di festival. Il mio team permanente è composto da nove persone, di cui cinque di donne».

Com’è un fine settimana nel Worcestershire?

“Il mio lavoro è fondamentalmente svolto durante il fine settimana. Tutti pensano che stiamo urlando e urlando dietro le quinte e che succedono tutti i tipi di cose inaspettate. Non è vero. Se dovessimo recuperare lo stesso giorno, è troppo tardi. Il periodo frenetico di maggio e giugno. Dovremmo. Irradi pace soprattutto durante il fine settimana stesso piuttosto che girovagare come una gallina esausta. ”

Qualche volta puoi andare a un concerto?

Certo, ma dopo qualche canzone torno al mio posto di lavoro. Il festival è il momento perfetto per fare rete. Quando i ministri vengono in visita di lavoro, è un’opportunità per discutere problemi specifici relativi alla mobilità o alle norme sul rumore”.

null Immagine Jan Vandevevere
Foto di Jan Vandevyver

Qual è la magia di Werchter?

“Per i giovani arriva subito dopo gli esami. Qui possono bere pinte per quattro giorni. Altri vengono per i buoni poster. Feste all’aperto nelle migliori condizioni? Imbattibile per i veri amanti della musica. Poi abbiamo i posteri: vediamo i genitori vieni con i loro figli”.

Da che tipo di nido vieni?

“È un nido accogliente. Io e mia sorella siamo stati educati rigorosamente. Questa era la norma all’epoca. Dopo il liceo ho scelto “Lingue di segreteria”. Ma non ero un bravo studente. Desideravo imparare, ma non riuscivo a trovare la mia specializzazione a scuola. Era un tempo diverso. Le ragazze sono state spinte verso un buon matrimonio, non una carriera. Quando avevo 20 anni, non sapevo cosa volevo, ma sapevo che non lo sapevo. Quando ho iniziato a lavorare con Rock Werchter, i miei genitori avevano dei dubbi: “Questo fornisce sicurezza?” Ma non mi hanno mai fermato. Questo non avrebbe funzionato. (Ridere)

Mio padre aveva un laboratorio di lavorazione dei metalli. Era l’operaio e mia madre ha fatto il parto. Ha guidato in giro per il Belgio e il nord della Francia con un camion pieno di costruzioni metalliche. Io e mia sorella abbiamo avuto il permesso di venire durante le vacanze. Io e lei eravamo molto legati. Nel 2016 mia sorella è morta improvvisamente dopo aver subito un infarto. Ha trascorso un altro mese in terapia intensiva ed era in via di guarigione quando purtroppo ha avuto un secondo ictus. Nello stesso anno mio padre morì. Un altro grande successo. Mia madre è sana e sta bene, vive in una struttura assistita e ha un atteggiamento molto positivo”.

Tua figlia ha un debole per i festival?

“È sempre andata alla Werchter il più velocemente possibile. Sono così orgoglioso di chi sono diventato e di come guardi la vita. Ho anche due nipoti e adoro il ruolo. Anche mia figlia lavora a Live Nation. Il mio marito, Walter DeHaes, è il direttore di produzione di PRG: forniscono suoni, luci e video in occasione di grandi eventi, sfilate di moda e produzioni televisive. È anche direttore di produzione di Rock Werchter. A volte scherza: “Siamo una famiglia di circo ‘ – tutte le persone provengono dalle stesse cerchie.” (Ridere)

Stai davvero lavorando il giorno in cui il “lavoro” si ferma?

“Voglio lasciare alle mie spalle un festival della salute per coloro che dovrebbero farlo. Non è un lavoro che fai fino a quando non hai 80 anni. Lascialo a qualcuno più giovane”. (crede) Sono sicuro che troverò altre cose per tenermi occupato. Walter e io condividiamo l’amore per i viaggi. La subacquea e la fotografia subacquea sono una passione. Di solito andiamo in Asia due volte l’anno. Lavoro anche come volontario presso il centro di vaccinazione”.

Per quanto tempo risuonerà l’eco di Corona nel mondo dei festival?

Temo che le conseguenze continueranno per molto tempo a venire. Il nostro settore è stato il primo a fermarsi e probabilmente sarà l’ultimo a poter tornare a correre a tutta velocità. Sono lieto che i colleghi di Pukkelpop e Tomorrowland continueranno a essere a tutto gas. Dovranno eseguire una serie di procedure, come l’utilizzo di un certificato corona che indica se hai ricevuto la vaccinazione o se hai superato un test PCR negativo. Questa, secondo me, è la chiave per poter continuare di nuovo gli eventi”.

Cosa ti dà più soddisfazione?

“Quando è tornato a casa l’ultimo camp ed è andato tutto bene? Poi sono stanco, ma soddisfatto. Poi questa pesante responsabilità ricade su di me. Perché le cose possono sempre andare male, nonostante tutte le precauzioni. Guarda la tempesta a Pukkelpop nel 2011. Dopo questi disastri, il protocollo di sicurezza è stato modificato. Così è stato dopo il dramma dell’Heysel negli anni ’80 e dopo gli attentati al Bataclan. (Sala da concerto a Parigi, editore). ”

Se dovessi nominare tu stesso un ballo memorabile…

“… e poi Prince, nel 2010. La sua ultima partita al Worchter. Durante la pioggia viola ha iniziato a piovere a dirotto. L’intero prato cantava: la pelle d’oca.”

Chi vedrai quest’anno?

Bart Peters. Ma anche Evjee de Visser, Balthasar, Jose, Arsenal… (Veloce) Anche se sono lì per lavoro, ehi. Devo assicurarmi che tutto vada come dovrebbe, sia per gli artisti che per i fan”.

Non lo metto in dubbio. Grazie.

READ  Una rivista che da vent'anni è completamente assente dall'argomento...