QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Francia vuole inasprire la legge sull’immigrazione, ma la superiorità sociale mette in luce le divisioni politiche

La Francia vuole inasprire la legge sull’immigrazione, ma la superiorità sociale mette in luce le divisioni politiche

Dopo l’attentato di Arras, in cui un ex studente estremista senza permesso di soggiorno ha accoltellato a morte un insegnante a metà ottobre, il governo francese si è affrettato ad approvare una nuova legge sull’immigrazione. Lunedì il Senato esaminerà i piani fortemente criticati.

Ellen Huisman

Qual è la storia di questa legge?

La riforma della legge francese sull’immigrazione attende l’esame del Parlamento da più di otto mesi. È stato costantemente rinviato. L’immigrazione è da decenni un tema scottante in Francia, soprattutto dopo mesi di proteste sulle pensioni all’inizio di quest’anno, e il presidente Macron non credeva che il clima fosse favorevole a un dibattito tranquillo.

L’attentato di venerdì 13 ottobre ad Arras, nel nord della Francia, ha cambiato l’umore dell’opinione pubblica. Il governo vuole essere fermo e i piani devono passare in Parlamento entro la fine dell’anno. Tuttavia, il consenso sembra ancora lontano.

Qual è il rapporto tra la nuova legge sull’immigrazione e l’attentato di Arras?

Il sospettato, Muhammad M., è un uomo di origine cecena noto ai servizi segreti come potenziale minaccia per lo Stato. Non aveva un permesso di soggiorno valido, ma non poteva essere espulso perché era immigrato in Francia prima dei 13 anni e godeva quindi di una protezione aggiuntiva.

La nuova legge dovrebbe facilitare l’espulsione dalla Francia degli immigrati che non hanno diritto al permesso di soggiorno se rappresentano una minaccia per l’ordine pubblico. La maggioranza del Parlamento è d’accordo.

La deportazione vera e propria di persone senza diritto di soggiorno è un tema caldo da anni. Di tutte le persone a cui è stato chiesto di lasciare il territorio francese negli ultimi anni, meno del 7% lo ha fatto. Ciò è dovuto in parte alle misure di protezione, ma anche al rifiuto di alcuni paesi di origine di consentire i rimpatri.

Dovrebbe anche essere più semplice espellere i migranti con permesso di soggiorno se rappresentano una “grave minaccia” per l’ordine pubblico. Ciò avviene se commettono un reato punito con la reclusione non inferiore a dieci anni (o cinque anni in caso di recidiva).

Il presidente francese Emmanuel Macron.Immagini di notizie di immagini

Di cosa si parla principalmente adesso?

La controversia più grande riguarda l’articolo 3. Secondo tale articolo, gli immigrati che risiedono illegalmente in Francia possono ottenere un permesso di soggiorno della durata di un anno se lavorano in un settore che soffre di carenza di manodopera. Ciò vale, tra gli altri, per il settore della ristorazione, dell’edilizia, dell’agricoltura e della sanità.

Gli immigrati che vogliono farlo devono aver vissuto in Francia per almeno tre anni e dimostrare di aver lavorato per almeno otto mesi in un’occupazione o in una zona con carenza di manodopera. Il governo vuole accogliere i datori di lavoro e allo stesso tempo fornire maggiore protezione agli immigrati che lavorano privi di documenti. Spesso lavorano senza contratto e per salari bassi, o con i dati personali di qualcun altro, a volte con la consapevolezza o l’incoraggiamento dei loro datori di lavoro.

Tuttavia, per il Partito Repubblicano di destra, l’Articolo III è una linea rossa. L’immigrazione clandestina sarà così incoraggiata e premiata. Il leader di LR Eric Ciotti ha minacciato un voto di sfiducia al governo se questo articolo non fosse stato cancellato.

Il governo non può abbandonare questo articolo controverso?

Il campo di Macron non ha la maggioranza assoluta in Parlamento Assemblea nazionale,Camera francese. Cerca quindi soprattutto il sostegno dei repubblicani, suoi alleati naturali. Nel frattempo, l’ala sinistra del partito Ennahda di Macron ha affermato che non approverebbe la legge se la misura fosse ritirata.

L’Articolo III è visto come l’aspetto più sociale della legge, incentrato principalmente sul rigore. La lotta contro l’immigrazione clandestina deve continuare attraverso una più dura repressione dei trafficanti, la possibilità di rilevare le impronte digitali dei migranti senza permesso e il controllo delle autovetture nelle zone di frontiera.

Yael Brown-Pivett, presidente del consiglio di amministrazione Assemblea nazionaleVuole che la legge venga approvata entro la fine dell’anno. È realistico?

Ciò sembra molto estremo, data la mancanza di consenso. Marine Le Pen del Rassemblement National, il partito di estrema destra la cui punta di diamante è una rigorosa politica sull’immigrazione, ha detto che può sostenere la legge a condizione che l’articolo 3 venga soppresso. Ma questa è una questione molto delicata nel campo di Macron.

Un’altra via d’uscita è aggirare il voto in Parlamento, attraverso il cosiddetto articolo 49.3. Questo è controverso: è la diciassettesima volta che questo governo usa questo farmaco. Durante la riforma delle pensioni, il primo ministro Elizabeth Bourne è sopravvissuto per un pelo a un successivo voto di sfiducia. Il GOP ha già minacciato un voto di sfiducia se il governo sceglierà nuovamente questa strada.

I migranti camminano lungo il Col de l'Echelle al confine tra Italia e Francia.  Foto dell'Agenzia France-Presse

I migranti camminano lungo il Col de l’Echelle al confine tra Italia e Francia.Foto dell’Agenzia France-Presse

READ  La Procura della Repubblica di Bergamo apre un'inchiesta contro l'ex presidente del Consiglio italiano Conte per negligenza durante la pandemia di Corona | al di fuori