QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Corea del Sud vuole lanciare il suo satellite spia nello spazio  al di fuori

La Corea del Sud vuole lanciare il suo satellite spia nello spazio al di fuori

L’esercito sudcoreano vuole mettere in orbita il suo primo satellite spia alla fine di questo mese per monitorare la vicina Corea del Nord. Il Ministero della Difesa sudcoreano ha annunciato lunedì che un razzo Falcon 9 della compagnia spaziale commerciale SpaceX lancerà il satellite dalla base militare di Vandenberg, nello stato americano della California. La data prevista è giovedì 30 novembre.

Ha aggiunto che il lancio fa parte di un progetto per sviluppare i propri satelliti da ricognizione per monitorare obiettivi strategici nella Corea del Nord e rispondere meglio a potenziali minacce. Per la sorveglianza militare dallo spazio, la Corea del Sud si affida principalmente ai dati del suo alleato, gli Stati Uniti. Seoul prevede di lanciare nello spazio altri quattro satelliti spia entro i prossimi due anni. Sia la Corea del Sud che gli Stati Uniti ritengono di essere minacciati dal programma nucleare e missilistico della Corea del Nord.

Pyongyang vuole anche mettere in orbita i satelliti per scopi militari. L’esercito sudcoreano ritiene che la Corea del Nord si stia attualmente preparando per un terzo tentativo di lancio di un satellite da ricognizione. Due tentativi precedenti quest’anno sono falliti e gli esperti affermano che il lancio di ottobre è stato annullato per motivi tecnici.

Supporto russo

La Corea del Sud teme che Pyongyang riceva sostegno dalla Russia nel suo prossimo tentativo di lanciare missili in cambio della fornitura di munizioni e armi per la guerra russa in Ucraina. Si dice che Mosca abbia ricevuto fino a un milione di proiettili di artiglieria e altro equipaggiamento militare dall’inizio di agosto. Ciò dovrebbe risultare chiaro dal monitoraggio delle spedizioni di container via mare tra il porto Rajin della Corea del Nord e i porti russi.

READ  Quattro agenti di polizia accusati della morte dell'afroamericana Briona Taylor all'estero