QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La generazione Z non osa ordinare al ristorante.  “Non mi piace chiacchierare con gli sconosciuti” |  Nina

La generazione Z non osa ordinare al ristorante. “Non mi piace chiacchierare con gli sconosciuti” | Nina

Paura di pronunciare male un piatto sofisticato, troppe opzioni nel menu o un ristorante sofisticato: questi sono alcuni dei motivi per cui la Gen Z e i Millennials non hanno voglia di avvicinarsi a un cameriere. Anche Jolie, 22 anni, e Charlotte, 27 anni, riconoscono il fenomeno della “vergogna sistemica”. Fortunatamente esiste una soluzione per superare questa paura.

Dopo l’“interesse”, sembra che ora sia diventata una questione anche la “vergogna”. Tuttavia, se possiamo credere a un sondaggio condotto dalla catena britannica Prezzo. Anche se alcune persone riescono a chiacchierare con il cameriere senza imbarazzo, altre hanno un handicap. In particolare la generazione Z sta attraversando un periodo difficile: il 34% degli intervistati britannici di età compresa tra 18 e 24 anni ammette di chiedere ad altri di parlare con il cameriere.

Anche il gruppo leggermente più anziano dei Millennial non ama ordinare e si sente sempre più ansioso quando visita i ristoranti. Il menù ricco è il motivo principale per il 38% di loro. C'è semplicemente troppo nel menu e rischi sempre di fare la scelta sbagliata. Ecco perché la maggior parte dei millennial preseleziona tramite foto su Instagram. Altri insistono nel mettere le loro richieste per ultime sul tavolo.

Se c'è un cameriere laborioso che aspetta con impazienza, lo applaudo. Proprio come quando un cameriere sembra scortese

Carlotta (27)

E i costi, che negli ultimi anni sono aumentati notevolmente, rendono l'ordinazione meno divertente. Infine, c’è il timore di essere completamente ridicolizzati se dici di nuovo “moeljeej” quando ordini moelleux (La pronuncia corretta: Moi: · Liu).

READ  verifica reale. Dottorato honoris causa per Mathilde, abito giallo fluo per Victoria e campioni per Philippe | Proprietà
Immagini Getty
© Getty Images

Tra i follower di NINA su Instagram ci sono anche alcuni deboli di cuore che sono nervosi all'idea di mangiare fuori durante le vacanze. Julie (22) si sente particolarmente a disagio in un ristorante molto elegante. “Allora è spaventoso avvicinarsi al cameriere. Noto anche che inciampo nelle parole quando ordino, soprattutto se non conosco il cibo.” (Lui ride). Al momento di pagare faccio un grande gesto, ma il cameriere mi guarda. Ecco.”

Charlotte (27): “Soffro sempre la pressione della scelta. Quando un cameriere diligente aspetta con impazienza, lo saluto. Proprio come quando un cameriere sembra poco amichevole. A volte non ho voglia di chiacchierare con uno sconosciuto, stessa cosa quando chiamo “Perché il tuo commensale non dovrebbe semplicemente ordinarli entrambi? È più facile e veloce.”

Non si tratta di una paura profonda, si tratta di una sensazione di disagio

Professore di psicologia Bram Vervliet

Il professore di psicologia Bram Vervliet (Università di Leuven) vede alcune spiegazioni: “Proprio come accade per la difficoltà di contattare qualcuno, questo fenomeno può essere legato al fatto che ordiniamo quantità minori dal cameriere. Spesso ci sono codici QR che permettono di scegliere bevande o cibo. Il vantaggio è che tutto avviene più velocemente e per alcune persone non è necessario parlare con perfetti sconosciuti. Ma ciò garantisce una minore esperienza. Questo a lungo andare porta ad un certo disagio.

C’è stata anche la crisi del Corona. Da allora, le persone lavorano sempre più spesso da casa, il che significa che hanno sempre meno contatti con gli altri. “Ci si sviluppa acquisendo gradualmente esperienze. Se non lo fai, alcune cose rimarranno sempre emozionanti. È lo stesso per chi ha paura di guidare un'auto. Il modo migliore per liberarsene è l'abitudine di “fare e basta” Esso.'

READ  Il regista Paul Verhoeven torna a Hollywood nel thriller politico 'A Little Sex' | Film

Bram Vervliet
Bram Vervliet ©rastrelliera

“È confortante, ovviamente, lasciare che qualcun altro decida o non salire in quella macchina. Ma non è così che impari. E avere troppe scelte è sempre stressante, giusto? Quindi capisco che l'aspetto del menu sia così ampio.”

Il professor Vervliet sottolinea che non bisogna esagerare la “questione della vergogna”. “Non si tratta di una paura profonda, si tratta di una sensazione di disagio. I giovani possono sempre impararlo più tardi, ad esempio, quando hanno più contatti sociali in ambito professionale. Funziona anche al contrario: le persone anziane possono facilmente ordinare dal cameriere .” , ma non sempre possono utilizzare i codici QR.

Leggi anche:

Questi i risultati di una ricerca sulla felicità che segue le persone da 85 anni: “Sottovalutiamo l’importanza di interagire con qualcuno in treno” (+)

Sei una di quelle persone che indirizzano sempre la conversazione a se stessi? Ecco cosa puoi fare se sei un “narcisista conversazionale” (+)

Il segreto di Beyoncé per essere sexy e sicura di sé? “Ti fa distaccare da chi sei e ti mostra chi puoi essere” (+)