QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La navicella spaziale Dream Chaser di Sierra Space è ora in fase di preparazione per la sua prima missione spaziale

La navicella spaziale Dream Chaser di Sierra Space è ora in fase di preparazione per la sua prima missione spaziale

Voto dell’utente: 5 / 5

La NASA e Sierra Space stanno facendo progressi in vista del volo inaugurale della navicella spaziale Dream Chaser della compagnia spaziale statunitense verso la Stazione Spaziale Internazionale. L’aereo cargo senza equipaggio lancerà la sua missione di prova sulla stazione spaziale nel 2024 come parte dei servizi di rifornimento commerciale della NASA. Sierra Space, ex Sierra Nevada Corporation, è stata selezionata nel 2016 come terza navicella spaziale cargo della NASA nell’ambito del programma Commercial Resupply Services che seleziona società spaziali private per rifornire la Stazione Spaziale Internazionale.

Cacciatore di sogni e stella cadente

Il sistema di carico Dream Chaser, prodotto da Sierra Space a Louisville, in Colorado, è costituito da due componenti principali: la navicella spaziale Dream Chaser e il modulo di carico Shooting Star. Dream Chaser è un veicolo spaziale a corpo sollevabile progettato per essere riutilizzato fino a 15 volte e adattato dal veicolo spaziale HL-20 sviluppato presso il Langley Research Center della NASA a Hampton, in Virginia. Il modulo cargo che accompagna lo spazioplano, Shooting Star, è progettato per supportare la consegna e la rimozione di carichi pressurizzati e non pressurizzati da e verso la stazione spaziale. L’unità di ricarica può essere utilizzata solo una volta e verrà scartata prima che il Dream Chaser ritorni sulla Terra.

Il sistema Dream Chaser sarà lanciato con le ali ripiegate in una larghezza di cinque metri a bordo di un razzo Vulcan Centaur della ULA (United Launch Alliance) dallo Space Launch Complex 41 presso la Cape Canaveral Space Force Station in Florida. I pannelli della carenatura proteggono la navicella durante il lancio, ma vengono scartati in orbita. I pannelli solari sul modulo cargo e sulle ali del Dream Chaser vengono schierati durante un incontro autonomo con la Stazione Spaziale Internazionale. Nel caso dello Scrub, il Dream Chaser è progettato per essere pronto al lancio entro 24 ore.

READ  "Intel disabilita completamente il supporto AVX-512 per i processori Alder Lake" - Computer - Notizie

La navicella spaziale Dream Chaser è lunga 9 metri ed è progettata per trasportare merci e persone nello spazio. Sierra Space vuole anche utilizzare il Dream Chaser per trasportare persone su una stazione spaziale commerciale. Il design del Dream Chaser si basa su quello della navicella spaziale HL-20 della NASA degli anni ’80.

La navicella spaziale Dream Chaser viene sottoposta ai test finali – Immagine: NASA/Sierra Space

Panoramica delle attività

Durante il volo inaugurale, Sierra Space condurrà dimostrazioni in orbita per certificare il Dream Chaser per le missioni future. Le squadre del Kennedy Space Center della NASA in Florida, del Johnson Space Center della NASA a Houston e del Dream Chaser Mission Control Center a Louisville, in Colorado, monitoreranno da vicino il volo. I controllori di volo Sierra Space gestiranno la navicella spaziale Dream Chaser sulla rampa di lancio fino a quando la navicella non verrà consegnata al team delle operazioni di terra di Sierra Space presso la NASA Kennedy dopo l’atterraggio.

Le dimostrazioni in orbita verranno eseguite fuori dalle vicinanze della stazione spaziale prima che il veicolo spaziale entri nella zona di avvicinamento, un confine invisibile di 4 x 2 x 2 chilometri attorno alla stazione spaziale in orbita terrestre bassa. Queste dimostrazioni sono necessarie prima che Dream Chaser possa iniziare le operazioni congiunte con il team della NASA al Mission Control di Houston. Ciò include mostrare il controllo della situazione, delle manovre e dell’interruzione.

Le dimostrazioni da eseguire vicino alla stazione spaziale includono l’attivazione e l’utilizzo di sensori di luce e controllo remoto (LIDAR), la risposta ai comandi della stazione spaziale, il ritiro dalla stazione quando richiesto e il mantenimento dell’avvicinamento, prima a un’altitudine di 330 metri, poi a 250 metri. . Finalmente a 30 metri dalla stazione. Dopo aver completato con successo le dimostrazioni, il Dream Chaser si sposterà verso la stazione spaziale. Mentre il Dream Chaser si avvicina al laboratorio spaziale, rimarrà a circa 37 piedi (11,5 metri) dalla stazione spaziale per l’ultima volta, quando un membro dell’equipaggio della stazione utilizzerà il braccio robotico Canadarm2 per afferrare il braccio del modulo cargo dell’astronave prima delle squadre. sul ponte. Installa l’unità di ricarica con messa a terra in una presa rivolta al pavimento dell’unità Unity o Harmony.

READ  Gli sviluppatori di Call of Duty minacciano gli imbroglioni • Eurogamer.nl

Nel suo viaggio inaugurale verso la Stazione Spaziale Internazionale, Dream Chaser trasporterà più di 3,5 tonnellate di carico. Per le missioni future, il Dream Chaser è progettato per rimanere attaccato alla stazione fino a 75 giorni e trasportare fino a 5,2 tonnellate di carico. Il carico può essere caricato sulla navicella solo 24 ore prima del lancio. Il Dream Chaser può riportare sulla Terra più di 1,5 tonnellate di carico e campioni sperimentali, mentre più di 3,9 tonnellate di rifiuti possono essere rimosse durante il rientro utilizzando il modulo cargo.

Ritorno sulla terra

Dream Chaser rimarrà sulla stazione spaziale per circa 45 giorni prima di essere rimosso utilizzando Canadarm2. L’astronave può atterrare già dalle 11 alle 15 ore dopo la partenza, con opzioni giornaliere disponibili se vengono soddisfatti i criteri meteorologici. I criteri meteorologici per l’atterraggio di un Dream Chaser richiedono generalmente venti trasversali inferiori a 15 nodi, venti contrari inferiori a 20 nodi e venti in coda inferiori a 10 nodi. Temporali, fulmini e pioggia entro 20 miglia dalla pista o 10 miglia lungo la traiettoria di volo non sono condizioni accettabili per l’atterraggio. Regole di volo dettagliate guideranno i controllori nel determinare se le opzioni di atterraggio sono favorevoli.

Una serie di 26 sistemi di propulsione con controllo di reazione verrà lanciata dal Dream Chaser per lanciare la navicella spaziale in orbita. Il Dream Chaser rientrerà nell’atmosfera terrestre e scivolerà sulla pista del Kennedy Space Shuttle Launch and Landing Facility della NASA, il primo veicolo spaziale ad atterrare nella struttura dall’ultimo volo dello Space Shuttle nel 2011. Una volta che il Dream Chaser sarà disattivato dopo l’atterraggio, le operazioni Il terreno della Sierra Space verrà trasportato allo Space System Processing Facility per condurre le ispezioni necessarie, scaricare il rimanente carico utile della NASA e iniziare il processo di preparazione per la prossima missione.

fonte: NASA