QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La partenza di Draghi è una grave perdita per la stabilità in Italia e in Europa

EPA

NOVITÀ

Il voto di fiducia del Senato che ha chiesto, sopravvissuto Mario Draghi. Ma non è bastato a impedire la caduta del suo regime. Anche in questo caso Draghi ha presentato al presidente Mattarella la sua lettera di dimissioni questa mattina È stato accettato. Una crisi politica italiana, quindi, ha conseguenze per l’intera Eurozona.

Per cominciare dall’Italia: Mario Draghi, 74 anni, è conosciuto anche come il salvatore del Paese. Ha portato stabilità e attuato un piano di rilancio. “Draghi è lì per raccogliere soldi per l’Italia da tutti i fondi per l’Europa”, dice Arnaud Boot, professore di mercati finanziari all’Università di Amsterdam. Con questo, tra gli altri, l’European Corona Recovery Fund, l’Italia può aspettarsi 205 miliardi di euro.

“Ispira fiducia con la sua reputazione e il suo atteggiamento, il che fa sì che altri partiti del governo nazionale vogliano aiutare l’Italia”, aggiunge Boot.

Anche questo è ovvio Interesse sui titoli di stato italiani. Dopo l’uscita di Draghi, i pagamenti degli interessi del Paese sui titoli di stato aumenteranno notevolmente. L’interesse italiano su un prestito decennale è ora intorno al 3,6 per cento. Ieri il tasso di interesse ha oscillato intorno al 3,2%.

Senza supporto

All’interno dell’Eurozona, l’Italia è la terza economia più grande e quindi importante per gli input e gli output dell’intera zona. “L’Italia è importante per la politica della Banca centrale europea e per il raggiungimento dei suoi obiettivi. Sotto la guida di Draghi, le riforme possono essere attuate nell’interesse dell’Italia, ma anche nell’interesse della zona euro e quindi dei Paesi Bassi”, afferma l’economista Martje Wijfelars. , che segue gli sviluppi in Italia a Rabobank, tra gli altri.

READ  Peugeot dopo la sconfitta contro i pallavolisti: 'Dobbiamo partire aggressiva contro l'Italia' Sport Altro

Pensa che l’uso dell’euro da parte dell’Italia sia fuori discussione per la partenza di Draghi. Ma il suo successore non è di buon auspicio per la stabilità finanziaria dell’Eurozona. Perché sono soprattutto i partiti populisti a segnare alti nei sondaggi: “Una cosa è certa: nessuno porterà la recente calma, che si vede riverberare sui mercati finanziari”.

“Se ci sono governanti in Italia che non tentano di possedere l’Europa, l’incertezza aumenterà. La Banca centrale europea (BCE) dovrebbe tenere finanziariamente l’Italia fuori dai giochi, ma in un momento del genere non ha alcun sostegno. In definitiva significa un crisi dell’euro”, afferma Arnaud Boot.

Incertezza degli investitori

La questione se siamo sull’orlo di una crisi dell’euro è dovuta al debito nazionale italiano alle stelle. Questo è più di una volta e mezza il prodotto nazionale lordo. A causa dell’aumento dei tassi di interesse, ripagare quel debito sta diventando più difficile. Tuttavia, la BCE ha recentemente deciso di accogliere paesi fortemente indebitati come l’Italia.

Aiuta anche il fatto che Draghi sia l’ex amministratore delegato della BCE. Gli investitori si fidano di lui e del suo gabinetto di affari per gestire saggiamente il debito in tempi di aumento dei tassi di interesse. Ma senza di lui, l’incertezza degli investitori aumenta.

Tuttavia, Wijfelars non si aspetta una crisi dell’euro nell’immediato, anche se l’Italia subirà ulteriori perdite a causa dell’aumento dei tassi di interesse sui suoi debiti o sceglierà di tagliare maggiormente la spesa. “Certamente non è piacevole, ma non significa che il debito nazionale italiano non possa essere sostenuto da un giorno all’altro. Ci vorranno alcuni anni con i necessari interventi politici”.

READ  L'olandese Box vince la prima vittoria in carriera su Valverde in Italia | Ciclismo

La disgregazione dell’euro ha conseguenze importanti. I Paesi Bassi e la Germania sopravviveranno, ma resteranno con noi per molto tempo.

Arnott Boot, professore di mercati finanziari

Se si guarda ai mercati finanziari, l’euro non sembra essere ancora in pericolo: sono ancora calmi. “I mercati sono abituati a qualcosa. Se guardiamo agli ultimi dieci anni: quando arriva il momento critico, si presume sempre più che il governo agirà. E recentemente varie crisi hanno paralizzato le parti del mercato. Possiamo aspettarci più movimento”, afferma Professor Boot.

Ma gli investitori potrebbero essere turbati dall’incertezza della politica italiana in vista delle nuove elezioni. E poi le cose possono andare male nei mercati. Apertura: “L’implosione dell’euro ha conseguenze enormi. I Paesi Bassi e la Germania sopravvivranno, ma ci accompagneranno per molto tempo”.