QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La Polonia firma un accordo “storico” sulla chiusura delle miniere di carbone |  all’estero

La Polonia firma un accordo “storico” sulla chiusura delle miniere di carbone | all’estero

La Polonia chiuderà tutte le sue miniere di carbone entro il 2049. Il governo ha acconsentito a questo con i sindacati in un accordo “storico”. I 120.000 minatori hanno diritto all’indennità di licenziamento e il denaro viene rilasciato alla regione mineraria della Slesia.




La questione è molto delicata in Polonia, dove i politici temono la perdita dei voti dei minatori. L’accordo non è ancora diventato ufficiale. L’autorizzazione deve essere ottenuta anche dalla Commissione europea, che deve valutare se gli aiuti di Stato sono giustificati.

L’Unione europea vuole chiudere tutte le miniere di carbone dell’UE entro il 2050 a causa degli impatti negativi sul clima. Gli Stati membri hanno deciso di essere neutrali dal punto di vista climatico, ma c’è molta opposizione in Polonia, in parte a causa delle conseguenze per l’occupazione. L’Unione Europea ha creato un fondo per questo.

La Polonia attualmente dipende dal carbone per oltre il 70% del proprio fabbisogno energetico. Il paese aveva già in programma di ridurre tale percentuale all’11% entro il 2040. Dieci anni dopo, l’attività mineraria era terminata. I gruppi ambientalisti hanno esortato il governo ad accelerare questo processo e porre fine a una delle maggiori fonti di inquinamento d’Europa il prima possibile.