QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La ricerca mostra in quale stagione e parte della giornata le persone hanno più spesso pensieri suicidi

La ricerca mostra in quale stagione e parte della giornata le persone hanno più spesso pensieri suicidi

Giornate brevi, tempo grigio, ti aspetteresti che le persone si suicidino più spesso in inverno, ma niente potrebbe essere più lontano dalla verità. È proprio nella frivola primavera che finisce la maggior parte delle loro vite. È un fatto che sconcerta gli scienziati.

Al di fuori Nuova ricerca Non solo sembra che le persone si suicidano più spesso in primavera e all’inizio dell’estate, ma è stato anche dimostrato che il seme viene seminato in inverno. Questo è quando spesso iniziano i pensieri suicidi, secondo i ricercatori dell’Università di Harvard e dell’Università di Amsterdam, tra gli altri. Hanno scoperto che i pensieri suicidi sono più comuni tra le quattro e le sei del mattino, specialmente a dicembre, diversi mesi prima dell’effettivo picco di suicidi.

Dicembre cupo
Per sei anni, i ricercatori hanno raccolto dati da oltre 10.000 persone provenienti da Regno Unito, Stati Uniti e Canada, che hanno riferito i loro stati d’animo, pensieri e pensieri sul suicidio e l’automutilazione. Hanno completato diversi questionari su questi argomenti. Ciò ha dimostrato che i pensieri oscuri sono più comuni a dicembre. Solo le persone non continuano a implementare queste idee. C’è un punto di svolta in questo processo di pensiero, poiché la maggior parte dei suicidi si verifica effettivamente nel mese di maggio. Queste persone sembrano avere maggiori probabilità di suicidarsi tra le 4 e le 6 del mattino.

buio invernale
Sebbene l’inverno non sia la stagione in cui le persone finiscono più spesso, è il periodo in cui le persone con problemi di salute mentale sono più infelici. “L’inverno è chiaramente la stagione in cui le persone soffrono di più. Il loro umore peggiora man mano che le giornate diventano più grigie e più corte. Di conseguenza, aumenta il rischio di sintomi depressivi”, inizia il ricercatore capo Brian O’Shea. “Molte persone hanno familiarità con la depressione invernale. Questa è una malattia mentale ben nota che di solito inizia in autunno e in primavera, quando gli uccelli cinguettano e il sole splende molto, e di solito passa di nuovo, e poi torna di nuovo il l’anno seguente,”

READ  LOOK 10/2022 è ora sugli scaffali!

Più potenza in primavera
Sembra quindi paradossale che le persone con pensieri suicidi siano maggiormente a rischio in primavera e all’inizio dell’estate. Le ragioni di ciò sono alquanto complesse, ma almeno ciò che possiamo dedurre dalla nostra ricerca è che i pensieri e gli stati d’animo suicidari sono più pesanti a dicembre e più leggeri a giugno. Nel mezzo, c’è un aumento del rischio di comportamento suicidario. Riteniamo che ciò sia dovuto al lento miglioramento del loro umore e dei loro livelli di energia, che dà a queste persone la forza e la determinazione per elaborare un piano e portare a termine il tentativo di suicidio.

Sono stati confrontati tre diversi gruppi: persone che avevano già tentato il suicidio, persone con pensieri suicidari o autolesionismo non suicidario e un gruppo di controllo con persone senza pensieri suicidari. In particolare, il gruppo di persone che aveva già tentato il suicidio in passato è peggiorato ulteriormente in media nel corso dello studio. Gli sbalzi d’umore, gli effetti stagionali e gli impulsi di morte sono diventati più gravi nei sei anni dello studio.

climax chiaro
La differenza tra ideazione suicidaria invernale e tentativi di suicidio primaverili e suicidi è evidente dai dati. Innanzitutto, a dicembre c’è stato un picco improvviso di pensieri suicidi palesi. Questo è seguito dal picco di autolesionismo a febbraio, dopo il quale la maggior parte dei suicidi e dei tentati suicidi si verificano in primavera e all’inizio dell’estate. Simili effetti di ritardo possono essere osservati durante il giorno, con palesi pensieri suicidi che raggiungono il picco tra le 4 e le 5 del mattino e culminano successivamente in autolesionismo o pensieri di autolesionismo.

“Questo è il primo studio che esamina le tendenze stagionali e 24 ore su 24 degli sbalzi d’umore e dell’ideazione suicidaria su così vasta scala. Di conseguenza, siamo stati in grado di individuare con precisione i momenti in cui l’intervento è più necessario per le persone con tendenze suicide”, O. «Conclude Shea.

READ  In viaggio o in vacanza in Turchia? Devi pensare a questo

Quindi le conclusioni possono essere molto utili ai servizi di emergenza, che possono tenere d’occhio le cose in primavera per evitare che le cattive idee diventino realtà.

Vuoi chattare in risposta a questo articolo? Quindi puoi contattare Stichting 113 Suicide Prevention allo 0800 0113 o MIND Correlation allo 0900 1450.