QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

La villa di Christian Van Tillo è stata pagata con denaro fraudolento?

La villa di Christian Van Tillo è stata pagata con denaro fraudolento?

Una persona si limita alla cucina e l’altra improvvisamente costruisce un’intera villa.

Christian Van Thilo è uno dei mascalzoni più ricchi delle nostre Fiandre. Non sorprende di per sé che il magnate dei media abbia già venduto una villa stabile con sette camere da letto e quattro bagni. A un altro ricco bastardo, ovviamente. L’essere umano medio potrebbe facilmente spendere circa mille anni per pagare un gioco del valore di sei milioni e mezzo di euro.

Ora, quest’uomo più ricco è un uomo davvero speciale. Forse più privato dello stesso Christian Van Thilo. Ed era appena riuscito a spiegare una cosa agli amici azzurri. Ritornando al titolo di questo pezzo: Villa Van Tillo è stata pagata con fondi fraudolenti? Spieghiamo.

Christian Van Thilo

Ma forse prima una parola di spiegazione su come Christian Van Thilo sia diventato un ricco bastardo. Torniamo indietro nel tempo fino al Medioevo. Circa quattrocento anni fa, gli antenati si trasferirono dal nord dei Paesi Bassi a Hilo nelle Fiandre. Oggi non esiste più, ma a quel tempo faceva parte di Kalmuthoot, che ancora oggi conosciamo come Kalmuthoot.

Ol Van Thilo – Là da Hilo, sai da dove viene il nome? – Chi ha una certa importanza è Jack Van Thilo. È un agente presso la corte del conte di Chastel de la Howardres. Sua moglie, Elizabeth Billinx, possiede un negozio nel villaggio di Bredabane, nel Westwhistle.

La coppia ha tre figli. Il maggiore si chiama Cyril Van Thilo, ma presto assume il soprannome di Bill. Bill studierà alla Antwerp Business School. Si scopre presto che Bill è un uomo molto intelligente.

Alla fine degli anni ’20 Bill lavorò nel settore bancario ad Anversa. Preferisce investire nelle piantagioni di caffè, gomma e palma nel Congo Belga. Lo fa però con la massima discrezione.

Nel 1948, Cyril “Bill” Van Thilo entrò nei media. Acquistò la tipografia Patria ad Anversa e la divise nella tipografia Astra e nella casa editrice Sparta, che in seguito divennero Magnet Magazines. Da qui il titolo che conosciamo ancora oggi: “Arrivederci a tutti”.

Negli anni ’60, Bill decise che aveva abbastanza lavoro e i suoi amici Ludo e Joris presero in mano le attività dei media. Nel 1963 si aggiunse Uitgeverij J Hoste. Ciò avrebbe portato al passaggio alla De Persgroep molto più tardi, nel 1987 per l’esattezza. 1987: questo è anche l’anno di fondazione di VTM.

READ  Oltre 200 box di streaming TV Android infetti da malware: una bufala?!

Van Thillos si concentra anche sulla Vallonia, sui Paesi Bassi e perfino sulla Danimarca. Ciò ha dato origine ad un altro nuovo nome nel 2019: DPG Media. Oggi DPG Media possiede più di venti marchi di notizie, circa ventiquattro riviste, una manciata di canali TV e persino servizi di streaming come Streamz e VTM Go.

Tuttavia, ci sono molti canali di notizie. Lo stesso Christian Van Thilo preferisce non apparire nelle notizie. A meno che non si tratti di una volta all’anno, per evidenziare l’enorme successo di DPG.

Tranne una volta, quando è rimasto coinvolto in uno scandalo che coinvolgeva anche me.

Essendo stato una roccia tra le onde accanto al suo compagno Paul Deneen, Jack Smits ha svolto un ruolo chiave nel regno mediatico fiammingo di Christian van Thilo all’inizio del millennio. Furono nominati “redattore capo illustre” e presero il controllo di testate come “Het Laatste Nieuws”, “De Morgen”, “Dag Allemaal” e VTM. Gli editori aspiravano all’indipendenza e all’estro giornalistico, che non sempre si accordavano con l’avidità aziendale per il profitto e la brillantezza del marketing. Smeets e Dhaenen si scatenarono per ristabilire l’equilibrio.

Da tipico allenatore, Van Thilo ha sostenuto chi era utile al gruppo, senza pietà per gli altri. Smits aveva il sostegno di Van Thilo, ma dietro la sua facciata calma e intellettuale c’era un approccio aggressivo nei confronti delle sue colleghe. Si chiedevano senza esitazione favori sessuali per avanzamenti di carriera.

Quando due vittime presentarono denunce formali, Smits fu esiliata nei Paesi Bassi, mentre le due donne furono costrette a lasciare silenziosamente l’azienda. Smits ha detto un addio formale per affrontare “nuove sfide”. La notizia non ha avuto ampia diffusione: ovviamente le stesse testate DPG non hanno riportato nulla al riguardo.

Il caso sembrava chiuso finché il blogger olandese Yves Gerath non ha riaperto il caso sul suo podcast, sei anni dopo i fatti. Sembra che Van Thilo, che era attivo nella diffusione delle storie “Me Too”, sia ora lui stesso una vittima. Ma il caso è rimasto intrappolato in una rete di errori di comunicazione e di accuse di silenzio da parte delle vittime. Poi l’immagine intoccabile di Van Thilo ha mostrato alcune crepe nella sua armatura di leadership.

READ  Eerste door studenten gemaakte robot reist dit jaar naar de maan: 'We hebben alles ggeven'

Wim van der Burgh

La storia imprenditoriale di Wim inizia come distributore di giornali all’età di 12 anni, si sviluppa attraverso una vita studentesca diversificata e alla fine lo porta a posizioni senior in grandi aziende.

Dopo la sua esperienza in aziende multinazionali, Van der Borght ha deciso di entrare in una piccola agenzia pubblicitaria chiamata Bananas nel 2000 per trasformarla con la sua mentalità aziendale. Ciò ha portato a un’incredibile crescita, fusioni e infine alla vendita a GIMV nel 2008. Dopo aver riacquistato GIMV nel 2013, Square Melon è diventata un attore globale con un fatturato di 85 milioni di euro.

Nel 2017 Van der Borght lascia il settore pubblicitario per entrare nel mondo della ristorazione. La sua azienda, Shrimp Tempura, conta ora più di due dozzine di luoghi di ristorazione attivi e distinti, che vanno da ristoranti e bar a luoghi per eventi e locali notturni.

corona

Alla fine del 2019 Wim van der Borght ha preparato il suo budget per il 2020. All’epoca pensava ancora che quell’anno avrebbe realizzato un fatturato di circa 21 milioni. Dopo due chiusure si è scoperto che alla fine di quell’anno 2020 c’erano solo 8 milioni di euro. Ha ritenuto di aver perso 13 milioni di euro nel 2020 “grazie” al governo fallito. Ora ha assolutamente ragione su questo, ovviamente. L’intera politica Corona è stata una grande farsa. E da dove è venuta l’idea a Kathy Birx di chiudere nuovamente l’area di lavoro Anversa – Van der Burgt – Kokenstad in estate e di invitare la televisione nazionale a non venire più ad Anversa?

Ora Wim van er Borght è stato arrestato… Nel bel mezzo del dramma investigativo condotto dall’Ufficio centrale anticorruzione (CDBC) attorno all’uomo d’affari, tutto ruota attorno a una domanda provocatoria: l’uomo si è lasciato spudoratamente seppellire sotto il sostegno illegale dell’organizzazione Festivals durante la pandemia?

Nella calda primavera del 2021, il governo fiammingo sperava che l’estate sarebbe stata ricca di festival. Per motivare gli organizzatori nonostante le condizioni turbolente, sono stati distribuiti dei sussidi. L’accordo era semplice: se il concerto fosse andato avanti, i soldi del sostegno dovevano essere restituiti entro tre mesi; Se la festa viene annullata, è consentito trattenere il denaro per coprire i costi che non possono essere rimborsati.

READ  Mario Golf: Super Rush - L'elenco completo e le modalità di gioco sono state rivelate

Wim Van der Borght aveva grandi progetti per il 2021 con il suo “Summer Festival”, “Zebrugge Beach” e il trendy “Fire Is Gold”. Purtroppo il primo passo falso è avvenuto a causa del Corona, poiché lo spettacolo “Zeebrugge Beach” è stato limitato a una sera e il numero dei partecipanti alla festa “Fire Is Gold” è stato molto inferiore a causa della pandemia. Tuttavia, secondo l’Agenzia fiamminga per l’innovazione e l’imprenditorialità (Flayo), Van der Borght ha ricevuto dei sussidi per coprire costi che avrebbe potuto facilmente recuperare, il che agli occhi dell’agenzia equivale a svuotare le casse dello Stato. D’altra parte, l’entourage di Van der Borght sostiene che i costi, come i progetti architettonici e la stampa dei biglietti, sono già stati irrimediabilmente persi, e quindi i sussidi meritano la loro benedizione.

Ma c’è di più. La procura generale ha messo alla prova Van der Burght anche per un possibile flirt con la frode fallimentare. Questo caso sospetto è legato alla scomparsa di Peg United, la società ombrello di “Fire is Gold” e “Zeebrugge Beach Festival”. Secondo l’entourage di Van der Borght, questo fallimento è semplicemente il risultato di festival che possono svolgersi solo parzialmente o che hanno attirato troppo pochi festaioli a causa del Corona. Ma Flayo ora vuole sapere con certezza dove sono finiti esattamente i soldi di sostegno a questa azienda e se il fallimento è stato eseguito secondo le regole dell’art.

I fuochi d’artificio dell’indagine della CDBC riveleranno se Van der Borght aveva torto. Per ora, senza dubbio, mantiene le apparenze e si gode la libertà. Il Festival della Verità non è ancora iniziato. Ma è possibile che Wim van der Borght abbia guadagnato denaro illegale per la sua attività nel settore della ristorazione.

Ora arriviamo alla morale della favola. L’elegante Villa Chirstian Van Thillo è stata ora venduta. Wim van der Borght è il nuovo e senza dubbio fiero proprietario della magnifica villa in stile country. È quindi possibile che Van Thilo abbia pagato la sua villa con denaro fraudolento.