QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Alta Corte della Nuova Zelanda respinge il ricorso contro l’estradizione di Kim Dotcom – IT Pro – Notizie

La Corte Suprema della Nuova Zelanda ha respinto un ricorso contro l’estradizione di Kim Dotcom negli Stati Uniti. Dotcom è accusata di pirateria diffusa negli Stati Uniti. Ha detto su Twitter di essere “inalterato” dalla sentenza.

L’ex CEO di Megaupload negli Stati Uniti può essere condannato a un massimo di venti anni di carcere, scrive yahoo news. Secondo l’accusa, almeno 500 milioni di dollari di diritti d’autore sono stati elusi tramite file condivisi su Megaupload. Dotcom accusata di ricattofrode e riciclaggio di denaro.

La disputa legale è iniziata nel 2012, quando gli Stati Uniti hanno chiesto l’estradizione di Dotcom insieme ad altri due. 2015 La corte della Nuova Zelanda ha deciso Tale estradizione potrebbe aver luogo, Dotcom ha quindi fatto appello all’Alta Corte della Nuova Zelanda. Il verdetto è stato successivamente confermato, dopo di che la dotcom è passata alla Corte d’Appello. Anche qui è stato giudicato La dotcom potrebbe essere consegnata, dopodiché la dotcom è passata alla Corte Suprema.

Quel tribunale ha ora stabilito che Dotcom e gli altri imputati non possono impugnare aspetti della precedente sentenza. in un dichiarazione pubblicata La Corte rigetta la tesi secondo cui la corte d’appello ha pronunciato una sentenza illegittima. Tre giudici della Corte Suprema hanno concluso: “Riteniamo che non ci sia altro da fare per la Corte rispetto ai ricorsi proposti, data la nostra conclusione che non vi è alcun errore nell’amministrazione della giustizia”. Nella sua sentenza, la Corte ha affermato che gli altri argomenti citati “non hanno sufficienti possibilità di successo per giustificare un ricorso in Cassazione”.

READ  nella foto. Dietro le quinte delle registrazioni di 'Tien om te Zien': 'Potrebbe sicuramente tornare' | dieci da vedere

punto com risponde su twitter Egli è “inalterato” dalla sentenza. “Andrò in diretta a gennaio. Il 2022 sarà divertente. Goditi le vacanze”. Dotcom non ha risposto sostanzialmente alla decisione della corte. Non è chiaro se la dotcom possa o intraprenderà altre azioni legali.