QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Le microplastiche si trovano nel 90% della carne di manzo e di pollo

Le microplastiche si trovano nel 90% della carne di manzo e di pollo

Una ricerca statunitense ha rilevato particelle microplastiche nell’88% dei campioni testati su frutti di mare, maiale, manzo, pollo e sostituti della carne.

È noto da tempo che il pesce e i frutti di mare sono spesso contaminati dalle cosiddette microplastiche, che sono piccoli pezzi di plastica. Tuttavia, sono state fatte molte meno ricerche sulla carne.

I ricercatori dell’Università di Toronto hanno esaminato sedici tipi di proteine, tra cui carne di maiale, manzo, pollo, tofu e tre tipi di alternative alla carne a base vegetale. Hanno trovato particelle microplastiche nell’88% dei campioni esaminati e le concentrazioni erano simili a quelle trovate nei pesci.

Trasformazione dei prodotti alimentari

La ricerca sull’inquinamento ambientale indica che la lavorazione degli alimenti è la fonte più probabile di contaminazione da microplastica, con prodotti altamente trasformati come bastoncini di pesce o crocchette di pollo che contengono concentrazioni molto più elevate rispetto a prodotti minimamente trasformati come pollock o filetti di pollo crudi.

“Si è tentati di trarre conclusioni del tipo ‘mangia meno di questo e più di quello’ per evitare le microplastiche nella dieta, ma attualmente sappiamo ancora molto poco sulla quantità di microplastiche negli alimenti”. Madeleine Milne, un biologo dell'Università di Toronto. “Il nostro studio fornisce nuove intuizioni, ma soprattutto mostra la necessità di ulteriori ricerche per comprendere meglio il quadro più ampio: da dove provengono queste microplastiche e quali sono i potenziali rischi per la salute pubblica”.

nessuna via d'uscita

Sulla base di studi precedenti, gli scienziati stimano che un adulto medio negli Stati Uniti ingerisce 11.500 pezzi di microplastica all’anno.

“Sembra che non ci sia via di scampo, qualunque cosa si mangi. L'inquinamento da plastica colpisce tutti noi e dobbiamo agire per contrastare le sue molteplici forme.

“Ciò ci mette ancora una volta di fronte alla realtà dell’entità dell’inquinamento causato dalla plastica”, afferma. Britta Beachler, un biologo marino presso la Ocean Conservancy. “Sembra che non ci sia via di scampo, qualunque cosa si mangi. L'inquinamento da plastica colpisce tutti noi e dobbiamo agire per contrastare le sue molteplici forme.

READ  Marcella (25) sul nuovo piano di cura per l'anoressia nervosa: “Il vecchio metodo ha ostacolato la mia guarigione”

Acqua in bottiglia

È apparso all'inizio di questa settimana Un'altra indagine Inoltre, l’acqua minerale contiene più microplastiche di quanto si pensasse in precedenza. Gli scienziati hanno contato fino a 240.000 pezzi di micro e nano plastica in una bottiglia. Si tratta di un centinaio di volte superiore a quanto si pensasse in precedenza.

Le nanoplastiche misurano meno di 100 nanometri e sono appena visibili anche con i microscopi più recenti. Sono così piccoli che possono passare direttamente nel flusso sanguigno attraverso l’intestino e i polmoni, e da lì agli organi come il cuore e il cervello.