QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’immagine del telescopio Webb della NASA rivela la prima formazione stellare in una scoperta “rara”.

Telescopio spaziale James Webb Il team ha annunciato giovedì che gli scienziati hanno rilevato dozzine di getti e deflussi da giovani stelle precedentemente nascosti da nuvole di polvere in una delle prime iconiche immagini da 10 miliardi di dollari dell’osservatorio.

In una dichiarazione, la NASA ha affermato che la scoperta “rara” – incluso un articolo pubblicato negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society questo mese – segna l’inizio di una nuova era di ricerca sulla formazione stellare, nonché su come si irradiano le stelle massicce vicine. Può influenzare l’evoluzione dei pianeti.

Pendici cosmiche della Nebulosa CarenaAll’interno dell’ammasso stellare NGC 3324, visto a una nuova lunghezza d’onda utilizzando le capacità del telescopio Webb, consente ai ricercatori di tracciare il movimento di altre caratteristiche precedentemente catturate dal telescopio spaziale Hubble.

Analizzando i dati di una specifica lunghezza d’onda della luce infrarossa, gli astronomi hanno scoperto 20 esplosioni precedentemente sconosciute di stelle estremamente giovani, rivelate dall’idrogeno molecolare.

Splendide immagini della NASA rivelano la superficie di IO, che è associata al vulcano

Dozzine di getti e deflussi da giovani stelle precedentemente nascoste vengono rivelati in questa nuova immagine della discesa cosmica dalla Near Infrared Camera (NIRCam) del James Webb Space Telescope della NASA. Questa immagine separa diverse lunghezze d’onda della luce dalla prima immagine rivelata il 12 luglio 2022, che evidenzia l’idrogeno molecolare, un ingrediente essenziale per la formazione stellare. Il riquadro a destra evidenzia tre regioni dei pendii cosmici con correnti molecolari di idrogeno particolarmente attive. In questa immagine, il rosso, il verde e il blu dei dati NIRCam di Webb sono impostati su 4,7, 4,44 e 1,87 μm (rispettivamente filtri F470N, F444W e F187N).
(Crediti: NASA, ESA, CSA e STScI. Elaborazione immagini: J. DePasquale (STScI).)

READ  Le prime immagini del Samsung Galaxy A54 mostrano un design ulteriormente aggiornato

L’idrogeno molecolare è un ingrediente essenziale nella formazione stellare e un buon modo per tracciare le prime fasi di questo processo.

Man mano che le giovani stelle raccolgono materiale dal gas e dalla polvere che le circonda, la maggior parte di esse espelle anche parte di questo materiale dalle regioni polari in getti e deflussi. Questi getti agiscono quindi come spazzaneve, spazzando l’ambiente circostante. La NASA ha spiegato che l’idrogeno molecolare visibile si sta allontanando. Era alimentato da questi aerei nelle note di Webb.

Sono state scoperte cose, tra cui “piccole fontane” e un “gigante inquietante che si estende per anni luce dalla formazione stellare”.

Immagine delle scogliere cosmiche, una regione ai margini di una gigantesca cavità gassosa in NGC 3324, scattata dalla Near Infrared Webcam (NIRCam), con le frecce della bussola, la barra della scala e la chiave di colore come riferimento. La freccia della bussola nord e est indica la direzione dell’immagine nel cielo. Si noti che la relazione tra nord ed est nel cielo (vista dal basso) è invertita rispetto alle frecce direzionali sulla mappa della Terra (vista dall’alto). La barra della scala è indicata in anni luce, la distanza percorsa dalla luce in un anno terrestre. La luce impiega due anni per percorrere una distanza pari alla lunghezza del mirino. Un anno luce è di 5,88 trilioni di miglia o 9,46 trilioni di km. Questa immagine mostra le lunghezze d’onda del vicino infrarosso tradotte nei colori della luce visibile. La legenda colorata mostra i filtri NIRCam utilizzati per catturare la luce. Il colore di ogni nome di filtro è il colore della luce visibile usata per rappresentare la luce infrarossa che passa attraverso quel filtro. La NIRCam di Webb è stata realizzata da un team dell’Università dell’Arizona e dell’Advanced Technology Center di Lockheed Martin.
(Immagine: NASA, ESA, CSA, STScI)

READ  343 Industries risolve i problemi di matchmaking con il più grande Halo: Infinite Modes - Giochi - Notizie

Un funzionario ha affermato che la capsula spaziale russa probabilmente perdeva a causa di un impatto micrometrico

Le precedenti osservazioni dei getti e dei deflussi si sono concentrate principalmente sulle regioni vicine e sugli oggetti più avanzati già rilevabili nelle lunghezze d’onda di Hubble.

L’agenzia ha osservato: “La sensibilità senza precedenti di Webb significa che è possibile osservare anche le regioni più remote, mentre il miglioramento dell’infrarosso esamina anche le fasi più piccole del campionamento della polvere. Insieme, questo fornisce agli astronomi una visione senza precedenti di ambienti simili a dove si trovava il nostro sistema solare nato.” .. “”.

Quelle che sembrano montagne rocciose in una notte illuminata dalla luna sono in realtà il bordo della vicina giovane regione di formazione stellare NGC 3324 nella Nebulosa Carena.  Questa immagine, scattata alla luce infrarossa dalla Near Infrared Camera (NIRCam) sul telescopio spaziale James Webb della NASA, rivela regioni precedentemente oscurate della nascita delle stelle.

Quelle che sembrano montagne rocciose in una notte illuminata dalla luna sono in realtà il bordo della vicina giovane regione di formazione stellare NGC 3324 nella Nebulosa Carena. Questa immagine, scattata alla luce infrarossa dalla Near Infrared Camera (NIRCam) sul telescopio spaziale James Webb della NASA, rivela regioni precedentemente oscurate della nascita delle stelle.
(NASA, ESA, CSA e STScI)

Molte di queste protostelle diventeranno luminari, come il Sole.

Questo è il periodo della formazione stellareLa NASA ha aggiunto che è particolarmente difficile da catturare perché è relativamente effimero.

Clicca qui per l’app FOX NEWS

Le osservazioni di Webb stanno anche aiutando gli astronomi a far luce su quanto siano attive le regioni di formazione stellare.

Il confronto della posizione dei flussi precedentemente noti in questa regione con i dati di Hubble di 16 anni fa ha permesso agli scienziati di tracciare la velocità e la direzione in cui si muovevano i getti.