QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia collabora con il governo del Sindh per restaurare siti archeologici di fama mondiale

I membri della missione diplomatica italiana in visita che indossano lo scialle del Sindhi Ajrak sono ritratti con il ministro della cultura e dell’archeologia del Sindh Syed Sardar Ali Shah.
Credito immagine: rilasciato

Karachi: l’Italia ha espresso la volontà di collaborare con il governo dell’Indo per creare un’istituzione per il patrimonio a Panpur, il famoso sito archeologico della provincia.

La delegazione italiana ha incontrato Syed Sardar Ali Shah, Ministro della Cultura, del Turismo e dell’Archeologia dell’Indo. Il vice ambasciatore italiano a Karachi Danilo Giordanella ha guidato una delegazione di membri del Programma di sviluppo italiano. L’incontro si è svolto mercoledì, un giorno dopo che la delegazione diplomatica ha visitato i famosi siti archeologici del Sindh. I membri della delegazione hanno ispezionato gli sforzi del Dipartimento Archeologico per recuperare entrambi i siti. Sono stati soddisfatti di tali sforzi.

La delegazione era anche interessata a lavorare con il Dipartimento di Cultura e Archeologia dell’Indo per esplorare e restaurare ulteriormente i siti archeologici di fama mondiale di Ranikot Fort, Mohenjo Daro e Makli.

Il ministro della Cultura del Sindh ha spiegato ai delegati che il Dipartimento di Archeologia con sede a Karachi e l’Istituto di Scienza e Tecnologia Shahid Zulfikar Ali Bhutto hanno fatto passi da gigante nella creazione di un’istituzione del patrimonio nel sito storico di Banbor nella provincia.

Ha detto che il prossimo bilancio del governo del Sindh avrebbe fondi per avviare la società.

Ha detto che esperti italiani potrebbero fornire competenze tecniche al governo dell’Indo per fondare l’istituto e che tale collaborazione straniera andrebbe a vantaggio degli studenti provinciali interessati a studiare storia e cultura.

I delegati hanno ringraziato il ministro della Cultura dell’Indo per l’opportunità.

L’Ambasciata d’Italia, Generale Sindhi, era interessata a promuovere l’artigianato in tutto il mondo.

Le rovine di Banbore, un’antica città del Sindh, risalgono al I secolo a.C. Le rovine si trovano a 65 km a est di Karachi. Nel 2004, il Pakistan ha intentato una causa contro l’UNESCO per dichiararlo patrimonio dell’umanità.

READ  Il turista belga che ha causato l'incidente mortale della barca ...