QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia continua a ridurre la sua dipendenza dal gas russo con le spedizioni dall’Angola | all’estero

Dopo Algeria ed Egitto, anche l’Italia ha firmato un accordo con l’Angola per la fornitura di gas. Con questo, il paese dell’Europa meridionale vuole ridurre ulteriormente la sua dipendenza dal gas russo. Secondo il ministro dell’Energia Roberto Cingolani, tra un anno e mezzo l’Italia potrebbe essere lontana dal bisogno di gas russo.

Al momento, l’Italia riceve ancora circa il 40 per cento del suo fabbisogno di gas dalla Russia. Anche l’Algeria rappresenta una quota importante del fabbisogno totale di gas dell’Italia. Questo paese aumenterà rapidamente le sue spedizioni, il che è possibile perché il gasdotto attraverso il Mediterraneo ha una capacità aggiuntiva. Ulteriori spedizioni dall’Egitto sono gas naturale liquefatto (GNL).

Il GNL è coinvolto anche in Angola. Questo Paese potrebbe fornire 1,5 miliardi di metri cubi di gas all’anno all’Italia, dicono gli addetti ai lavori a Bloomberg News. Cingulani e il suo collega per gli affari esteri Luigi Di Maio si recheranno nella Repubblica Democratica del Congo, dove verrà raggiunto un accordo su 5 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Il viaggio potrebbe poi continuare in Mozambico. L’Africa è una nuova fonte interessante per l’Italia perché il grande gruppo petrolifero e del gas Eni è già attivo in molti paesi.

Poiché molti paesi vogliono sbarazzarsi del gas russo, la domanda globale di gas naturale liquefatto è aumentata notevolmente. Pertanto, i principali fornitori addebitano fino a tre quarti di gas in più con contratti di dieci anni rispetto all’anno scorso. I contratti sono ancora molto più economici rispetto all’acquisto di contratti individuali, ma la differenza sta diminuendo.

READ  nella foto. Una favola con i fiocchi: il primo c...