QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia deve estradare la società Falkbrook accusata di accoltellamento mortale

Agenzia di stampa metro

NOVITÀ

Il segretario di Stato van der Burgh (Asylum) afferma che un accoltellamento mortale a Falkbruck, Overijssel, non si sarebbe verificato se l’Italia avesse aderito agli accordi europei in materia di asilo. Secondo i trattati applicabili, se l’uomo fosse stato condotto nel Paese in cui aveva presentato la prima domanda di asilo, non avrebbe potuto accoltellare a morte un dipendente dell’ospedale psichiatrico Weltsicht e ferirne gravemente altri due. Successivamente l’imputato si è suicidato.

Il colpevole sarebbe un cittadino nigeriano arrivato nei Paesi Bassi attraverso l’Italia telegramma questa mattina È finito al Center for Transcultural Psychiatry (CTP) di Falkbrook perché aveva segni di aver bisogno di aiuto psicologico. Capito lì 5 novembre Eventi di morte. Secondo il giornale, l’imputato è sospettato di omicidio nel suo paese natale.

Secondo la ‘Convenzione di Dublino’, i richiedenti asilo devono tornare nel paese europeo dove hanno presentato domanda di asilo per la prima volta. Ciò impedisce ai richiedenti asilo di avviare la procedura in paesi diversi. Per i nigeriani è l’Italia.

‘Signore non qui’

“Questo signore non è qui. Questo è chiaramente stabilito”, afferma il segretario di Stato van der Burke. “Se fosse stato estradato in Italia, non avrebbe potuto commettere il reato qui”.

“Se qualcuno non ha il permesso di restare qui, devi assicurarti che possa tornare. In questo caso in Italia”, spiega van der Burgh. “Era molto difficile.” Ciò era probabilmente correlato alle restrizioni della corona all’epoca, che limitavano i movimenti di viaggio. Secondo De Telegraaf, ciò ha portato all’avvio di una procedura di asilo nei Paesi Bassi perché era scaduto un termine.

prendersi la responsabilità

Il Segretario di Stato chiede accordi migliori nel contesto europeo “E poi dobbiamo rispettare. Ora vediamo i paesi dell’Europa meridionale che lasciano andare le persone in Austria, Germania e Paesi Bassi invece di assumersi la responsabilità e occuparsi delle procedure lì”.

I paesi dell’Europa meridionale lamentano da anni di ricevere un numero sproporzionato di richiedenti asilo a causa della loro posizione geografica.