QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia e Intel sono in “colloquio serrato” sulla fabbrica di chip

Secondo fonti Reuters, i colloqui tra Italia e Intel riguardo a una fabbrica di chip sono “molto seri”. L’annuncio dei piani del produttore di chip sarà fatto all’inizio del prossimo anno.

Intel prevede di investire 80 miliardi di in fabbriche di chip in Europa nei prossimi dieci anni. Si tratta di molti luoghi, ma non è ancora chiaro in quali paesi verranno fatti gli investimenti. Germania e Francia sono state a lungo citate come grandi rivali. Ma Polonia, Paesi Bassi e Belgio sono in una lunga lista.

Da ottobre, anche l’Italia ha attirato l’attenzione come paese in competizione per una fab (fabbrica di chip). Ora due fonti dicono Reuters Quelle conversazioni stanno accelerando. Si tratterebbe di un investimento di otto miliardi di euro, il dieci per cento di quanto Intel vorrebbe spendere in Europa, spalmato su dieci anni.

Intel non ha commentato formalmente i colloqui. Dice che è in trattative costruttive con i governi di diversi paesi dell’UE. In precedenza, il CEO Pat Kelsinger ha affermato che la società prevede di annunciare le sedi all’inizio del 2022.

Cambio di strategia

Intel ha annunciato anche quest’anno che avrebbe investito pesantemente nelle fabbriche di chip, con la maggior parte di tale investimento in Europa. La società produrrà per la prima volta chip per altri.

Dall’Europa c’è una decisa richiesta di una produzione più locale. A causa del corona, la domanda di elettronica è aumentata ed è chiaro che questo settore è molto sensibile alle interruzioni della produzione e non c’è buffer. Ecco perché, a lungo termine, l’Europa vuole produrre di più sul proprio suolo, diventando così meno dipendente dai prodotti degli Stati Uniti o dell’Asia.

READ  L'Italia vieta le navi da crociera a Venezia

Intel prevede di investire 80 miliardi di in fabbriche di chip in Europa nei prossimi dieci anni. Si tratta di molti luoghi, ma non è ancora chiaro in quali paesi verranno fatti gli investimenti. Germania e Francia sono state a lungo citate come grandi rivali. Ma Polonia, Paesi Bassi e Belgio sono sulla lunga lista. Ora, due fonti dicono a Reuters che i colloqui stanno accelerando. Si tratta di investire otto miliardi di euro, che è il dieci percento di quello che Intel vuole spendere in Europa, spalmato su dieci anni. Dice che è in trattative costruttive con i governi di diversi paesi dell’UE. In precedenza, il CEO Pat Gelsinger ha affermato che la società prevedeva di annunciare le sedi già nel 2022. Intel ha annunciato che quest’anno investirà di più nelle fabbriche di chip, con la maggior parte dei suoi investimenti in Europa. L’azienda produrrà per la prima volta chip per conto terzi. Dall’Europa è necessaria una maggiore produzione locale. A causa del corona, la domanda di elettronica è aumentata ed è chiaro che questo settore è molto sensibile alle interruzioni della produzione e non c’è buffer. Ecco perché, a lungo termine, l’Europa vuole produrre di più sul proprio suolo, diventando così meno dipendente dai prodotti degli Stati Uniti o dell’Asia.