QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia ora guarda al Sud America per l’aglio

L’Italia ora guarda al Sud America per l’aglio

Continua la febbrile ricerca da parte dei commercianti italiani di fornire loro aglio di qualità almeno accettabile. Non sono previsti grandi cambiamenti prima di Natale. L’Argentina dovrebbe caricare i primi lotti nei prossimi giorni, per poi arrivare in Europa a gennaio.


Aglio argentino di raccolto fresco

“Dato che molti agricoltori e commercianti spagnoli hanno esaurito le scorte, ci sono poche quantità per soddisfare la domanda del mercato. Ora tutta l’attenzione è focalizzata sul Sud America, in particolare Cile e Argentina. La febbrile ricerca del prodotto continua. Sebbene i prezzi siano già alti, mostrano ancora una tendenza al rialzo”, afferma Agrimbex. Il direttore dell’agricoltura è Antonio Tucillo.


Aglio argentino di raccolto fresco

“Tutto è iniziato con condizioni meteorologiche sfavorevoli, che hanno ridotto notevolmente la disponibilità del prodotto in Cina, ma soprattutto in Spagna, il più grande esportatore di aglio al mondo. Quindi il mercato globale è stato inevitabilmente influenzato”, continua Tussillo. “Fortunatamente, al momento il clima è favorevole in Sud America. Quindi ci aspettiamo una qualità migliore da quella fonte, anche se a un prezzo più alto”.


Aglio spagnolo in trecce

Secondo il direttore dell’azienda, questa tendenza “potrà essere controllata solo quando avremo nuovamente nuovi raccolti dal Mediterraneo. Si tratterà di aglio dall’Egitto da marzo e da Spagna, Italia e Francia da maggio. Purtroppo abbiamo già avuto problemi con semina degli ultimi mesi: forti piogge in Italia e forti piogge in Spagna, a causa della siccità. Sembra quindi che stiamo affrontando una stagione variabile a causa dell’impatto delle condizioni meteorologiche”.


Aglio turco riconfezionato presso la stazione di imballaggio dell’azienda agricola Agrimbex

“Infine, va notato che paesi come l’Egitto e la Turchia sono molto interessati al commercio dell’aglio, e i costi di coltivazione in quei paesi sono molto più bassi che in Italia, Spagna o Francia”, conclude Tussillo.

READ  Tanti incendi appiccati dalla mafia nel sud Italia: 'Sostituite i proiettili con il fuoco'