QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’Italia resta in stallo, “ma l’accordo sulla migrazione con l’Ue si farà”

L’Italia resta in stallo, “ma l’accordo sulla migrazione con l’Ue si farà”

Internazionale29 settembre 23 alle 09:05Autore del libro: Samuel Hanegreifs

Sembrava che gli Stati membri dell’UE avessero quasi in mano un nuovo accordo sull’immigrazione, ma all’ultimo minuto l’Italia ha affermato che “ha bisogno di più tempo”. Secondo il corrispondente dall’Europa Stephen de Vries, un accordo prima o poi verrà raggiunto. “Mi sembra che questo sia uno stratagemma negoziale di Roma per dimostrare che vuole regole più severe.”

Ieri i paesi dell’UE si sono nuovamente trovati in disaccordo su un nuovo accordo sull’immigrazione. Quando si intravide una svolta, l’Italia era nei guai.

“Si tratta della questione di tenere i migranti nei centri di detenzione quando le normali strutture di accoglienza non riescono più a farcela”, spiega de Vries. Inizialmente era di 24 settimane e sarà esteso a 40 settimane nel nuovo programma. Ma verranno rafforzati anche i requisiti minimi per tale detenzione.

Quest’ultima soluzione si è rivelata difficile per il governo di destra del primo ministro Georgia Meloni. È preoccupato per i finanziamenti tedeschi alle ONG che salvano i migranti nel Mediterraneo.

“L’Italia dice di ritenere di avere il problema più grande e di vedere poca solidarietà da parte degli altri paesi europei”

Stephen de Vries, corrispondente dall’Europa

L’Italia, come sempre, si sente lasciata indietro durante la crisi, a causa della posizione geografica del Paese, secondo il Corrispondente per l’Europa, che sottolinea anche che molti migranti entrano nell’UE via mare. “Ma l’Italia ritiene di avere il problema più grande e afferma di vedere poca solidarietà da parte degli altri paesi europei”, afferma de Vries. “Certamente con un governo di destra il tema è diventato molto importante.”

“Si tratta principalmente di una tattica negoziale per dimostrare che Roma vuole regole più severe”, afferma de Vries. (ANP / Imago Stock and People GmbH)

“È soprattutto una manovra negoziale”

Tuttavia, de Vries ritiene che un accordo europeo verrà raggiunto. “Si tratta principalmente di una tattica negoziale per dimostrare che Roma vuole regole più severe”, dice. “La prossima settimana si terrà un vertice in Spagna e per allora potranno raggiungere un accordo.” Secondo lui dovrebbe essere possibile, “il contenuto del progetto corrisponde a ciò che vuole l’Italia”.

Leggi anche | Il presidente del Parlamento Ue è “ottimista” riguardo all’accordo sulla migrazione dell’Ue

La Germania, un paese precedentemente ostile, ha allentato la sua resistenza. “Il partner verde del governo ritiene che le regole siano troppo disumane”, ha detto de Vries. Ma il cancelliere Olaf Scholz ha prevalso sul suo ministro e ha parlato della sua autorità. Nel frattempo, aumentava la pressione sulla Germania affinché abbandonasse la resistenza.’

READ  Groningen CIG è autorizzata a costruire due yacht elettrici per l'Italia