QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Lo sentirai anche tu?

Lo sentirai anche tu?

La scorsa settimana la Banca centrale europea ha annunciato che non sarà redditizia nel 2022 per la prima volta da molto tempo. La situazione della nostra Banca nazionale è ancora peggiore: prevede una perdita tra i 600 e gli 800 milioni di euro. Come contribuente, non devi pagarlo direttamente, ma c’è ancora il problema dei trasferimenti alle banche private.

Dimitri Thijkins

Perché la Banca nazionale subisce una perdita?

Per anni i tassi ufficiali sono stati eccezionalmente bassi, persino negativi. Questo tasso ufficiale determina quanto possono ottenere le banche se depositano denaro nella banca nazionale. Quando l’economia aveva bisogno di stimoli, era importante mettere in circolazione quanto più denaro possibile. Questo per scoraggiare le banche dal depositare denaro presso la Banca centrale europea. Al contrario, sono stati incoraggiati a prestare denaro il più possibile ai loro clienti per investire, ad esempio, nelle loro attività o case. Così le banche venivano, per così dire, penalizzate se depositavano denaro nella Banca nazionale al tasso dello 0,5 per cento sul denaro depositato.

Ma nel 2021, l’iperinflazione inizia improvvisamente, in parte a causa della guerra in Ucraina. Tutti i prodotti stanno diventando più costosi. Per garantire che questi prezzi non continuassero a salire, era importante ridurre la domanda di beni e servizi. Quindi, meno soldi in circolazione. Questo può essere controllato dalla Banca centrale europea aumentando il tasso di interesse principale. Passa da -0,5 a 2,5 percento gradualmente. Ad esempio, è diventato improvvisamente interessante per le banche depositare denaro presso la Banca centrale europea: ora hanno ottenuto il 2,5% invece di doverlo pagare. Ciò ha comportato anche tassi di interesse più elevati per i consumatori che desiderano acquistare una casa. E così l’economia è stata costretta a rallentare.

Gli interessi che le banche ricevono per depositare il loro denaro devono essere pagati dalle banche nazionali degli Stati membri dell’UE. Le obbligazioni che possedevi e acquistavi quando i tassi di interesse erano bassi non sono più sufficienti per pagare quegli importi di interesse. Ciò ha comportato un disavanzo sul conto economico. Per la prima volta nella sua storia, la Banca nazionale del Belgio ha dovuto registrare una perdita del genere: da 600 a 800 milioni di euro.

Come dovrebbe la Banca nazionale pagare questi soldi? Viene dai contribuenti?

Non all’inizio. Negli ultimi anni la Banca nazionale ha distribuito la metà dei suoi utili sotto forma di dividendi agli azionisti. La metà di questo stato belga e l’altra metà sono individui. Ma in via precauzionale, la banca ha deciso di modificare la sua politica di prenotazione nel 2016 e da allora in poi di accantonare metà dell’utile come riserva finanziaria in caso di perdite. Nel frattempo, questa riserva è cresciuta fino a 7,08 miliardi di euro. È stato elaborato per la prima volta nel 2022. Restano ancora 6 miliardi di euro.

Quanto può durare la Banca nazionale se i tassi d’interesse rimangono troppo alti?

La stessa Banca nazionale prevede di subire perdite fino al 2027, dopodiché tornerà in utile. In tale scenario, la perdita totale rischia di salire a 9 miliardi di euro, quindi le riserve finanziarie non saranno sufficienti. In uno scenario del genere, la banca deve affrontare un patrimonio netto negativo. Se questo è il caso di un’azienda normale, il fallimento minaccia a meno che non vi venga versato del denaro. Ma poiché metà della Banca nazionale è di proprietà di privati, ciò è praticamente impossibile.

Fortunatamente, NBB non è un’azienda ordinaria. Se queste riserve non sono sufficienti, questo non è un problema immediato per la stabilità della banca centrale. Può agire in modo passivo, almeno quando si tratta di una situazione temporanea. Quindi non c’è alcuna possibilità che noi contribuenti dovremo pagare per questo. Ma non dovremo contare su ulteriori entrate per l’erario nei prossimi anni. In un certo senso, stiamo pagando questo trasferimento a banche private.

Pertanto, le banche private ricevono denaro dalla banca centrale semplicemente perché non se ne fa nulla. Quanti soldi e perché?

Secondo Paul de Grauwe, professore di economia alla London School of Economics, l’importo raggiungerà almeno 92 miliardi di euro per l’intera zona euro nel 2023, e ci sono buone probabilità che l’importo salga a 140 miliardi. Se lo guardiamo a livello belga, ogni aumento di 0,25 punti percentuali del tasso ufficiale costa alla banca nazionale 310 milioni di euro all’anno. In altre parole, l’aumento di 3 punti percentuali equivale a un costo annuo di 3,7 miliardi di euro.

Ecco perché il professor de Grauwe si oppone fermamente a questo sistema. “140 miliardi di euro, che equivalgono all’incirca alla somma di tutte le spese dell’UE nel 2023, che ammontavano a 168 miliardi di euro”, afferma in una colonna su la mattina. Quindi parla di sussidi per le banche e sostiene un sistema diverso: richiedere alle istituzioni finanziarie di detenere più depositi.

Solo la Banca nazionale del Belgio sta affrontando questo problema?

No, il tasso di interesse principale è fissato dalla Banca Centrale Europea ed è quindi fissato al 2,5 per cento per tutti i paesi dell’Eurozona. L’economista Daniel Gross, direttore del Centro europeo di studi politici, prevede una perdita di 26 miliardi di euro per la Banca tedesca nel 2023, per la Banca di Francia 17 miliardi, per la Banca d’Italia 9 miliardi e per la Banca centrale olandese. Banca da 5 miliardi.

READ  Una nuova casa d'aste incendia i pezzi grossi