QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

L’occhio elettronico non riceve più aggiornamenti: Jeroen minaccia di diventare di nuovo cieco

Jeroen Burke è uno dei tre olandesi con un occhio bionico di Second Sight, un’azienda statunitense che produce un chip che consente ai non vedenti di vedere di nuovo. Burke apprese quando aveva 11 anni di avere la retinite pigmentosa, che gli fece perdere lentamente la vista. Alla fine, Burke è diventato completamente cieco.

Fino al 2013, aveva un occhio robotico impiantato “Argus II”. Improvvisamente è stato in grado di vedere di nuovo immagini di circa 60 pixel. “Non puoi leggere le lettere con esso, anche se potrebbero esserci persone che possono farlo. Ora posso distinguere i contrasti, come la differenza tra chiaro e scuro. Questo mi permette di vedere le croci zebrate, ad esempio. Posso anche osservare i movimenti delle persone “, come ha detto Bright.

La tecnologia ha cambiato la sua vita. “Durante un concerto ho potuto vedere le luci sul palco. È stata una bellissima esperienza. È un miracolo quando puoi passare dal nulla a qualcosa. È una specie di pioniere”.

Potrebbe finire in qualsiasi momento

Più di 300 clienti in tutto il mondo hanno un impianto retinico secondo Sight. Ma nel 2020, subito dopo lo scoppio della pandemia di Corona, le cose sono andate bene. Ai clienti è stato detto che l’azienda stava riscontrando problemi finanziari e che il servizio non sarebbe più stato supportato. Sebbene la maggior parte degli impianti funzioni ancora, in qualsiasi momento qualcosa potrebbe andare storto, dopodiché l’Argus II sarà irreparabile.

“Ho parlato con Second Sight e mi hanno detto che non saranno in grado di salvarti più cose. Se le parti si rompono ora, non posso ottenere nuove parti. Non c’è più il supporto del paziente. All’inizio era solo prendere fiato, “dice Burke.

READ  Netflix offre la riproduzione casuale "Play Something" - IT Pro - Notizie

Non sarebbe la prima volta che qualcosa è andato storto. Ad esempio, la sua Vision Processing Unit (VPU) si è rotta nel 2020, causando l’interruzione del funzionamento del suo impianto. “Poi ho dovuto cercare io stesso le cose dai contatti in Europa. Ad esempio, sono finito con un chirurgo che aveva ancora una VPU. Ho anche ricevuto un sistema da un altro paziente. Con l’aiuto di Henk Stam e Serge Koning di Bartiméus I ha fatto funzionare di nuovo la VPU.” Come risultato di questa mossa, Perk ora ha due bicchieri e due VPU, ma nemmeno questi dureranno per sempre.

Le persone con Argus II possono tornare di nuovo in seguito Diventa cieco, chiude gli occhi a† Inoltre, gli impianti lasciati indietro possono causare complicazioni mediche o interferire con altre procedure come le scansioni MRI.

Burke dice che non è così male. “Puoi semplicemente rimuovere questo chip perché è sopra la retina. Ma non è necessariamente necessario. Puoi anche lasciarlo acceso. Se non ci sono problemi medici, non è d’intralcio”.

Sto cercando qualcosa di nuovo

Il chip Second Sight non può essere utilizzato con la tecnologia di altri produttori. “Questo chip nel mio occhio non può funzionare con una fotocamera o altri occhiali. Ecco perché sto davvero cercando altre feste che potrebbero essere attraenti”.

Burke riponeva le sue speranze su altre società. “Se Argus ha cessato l’attività e trovo un progetto a cui partecipare, sceglierò sicuramente quella scelta. Ad esempio, c’è un’azienda chiamata Bionic Vision che sta sviluppando impianti retinici”. La tecnologia Bionic Vision è stata descritta come una “svolta” dalle autorità di regolamentazione statunitensi la scorsa settimana menzionato

READ  La pandemia ha un forte impatto sull'aspettativa di vita

Nei Paesi Bassi, gli scienziati sono impegnati nello sviluppo di un chip cerebrale che ridarebbe la vista ai ciechi. secondo Pieter Roelfsema, direttore del Brain Institute di Amsterdam, può visualizzare questo chip fino a circa mille pixel. Questo è ancora piuttosto primitivo, ma per persone come Burke, che finora possono vedere solo 60p, questo è un enorme passo avanti.

Roelfsema spera di poter impiantare la tecnologia nelle prime persone intorno al 2023 o 2024. Sebbene la tecnologia sia promettente, gli impianti cerebrali richiedono un intervento chirurgico più serio. “Beh, è ​​ancora nel futuro”, dice Burke.

Fino a quando non trova un nuovo candidato, Burke dice di non avere sentimenti negativi su Second Sight. “Sono affari e l’azienda potrebbe fermarsi. Ma credo nel futuro della tecnologia”.