QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Marco Langbroek lotta contro l’inquinamento luminoso causato dai satelliti

Marco Langbroek lotta contro l’inquinamento luminoso causato dai satelliti

“Guarda, è qui che metto la mia macchina fotografica”, spiega Marco Langbroek. Siamo davanti alla finestra a bilico nella soffitta del suo appartamento nel centro di Leida. Quando la finestra è orizzontale, la sua telecamera per il cielo si inserisce perfettamente al suo interno. “È un po’ angusto, ma hai una bella vista verso sud.”

La maggior parte degli astronomi utilizza apparecchiature più avanzate e, soprattutto, più sensibili, per scoprire fenomeni celesti che potrebbero essere invisibili nel centro cittadino con tutte le sue luci. Ma Langbroek, docente di consapevolezza situazionale spaziale (SSA) presso la Scuola di ingegneria aeronautica e astronautica dell’Università di Delft, voleva mostrare quanto può essere luminoso un oggetto celeste.

BlueWalker 3, un satellite sperimentale lanciato nel 2022, ha raggiunto la magnitudine 0, paragonabile alle stelle più luminose, hanno scritto Langbroek e altri 39 ricercatori. In un post In natura.

Punto mobile luminoso

Secondo Langbroek questo è motivo di grande preoccupazione per gli astronomi, perché il satellite della società americana AST Spacemobile è solo un satellite sperimentale. «L’idea è che ne vengano lanciati almeno 243. Sono pensati per permettere di effettuare chiamate dirette al satellite utilizzando un normale cellulare, e questo richiede una grande antenna di 64 metri quadrati.

L’antenna riflette la luce solare catturata dal satellite ad un’altitudine di circa cinquecento chilometri, mentre sulla Terra è già buio, provocando un punto luminoso in movimento nel cielo. “È fastidioso”, dice Langbroek. “Le immagini astronomiche possono diventare inutilizzabili a causa della comparsa inaspettata di satelliti. In alcuni casi, i sensori dei telescopi possono essere danneggiati temporaneamente o permanentemente.

READ  Denuvo-DRM Maker introduce SecureDLC-drm per DLC e microtransazioni - Giochi - Notizie

Questo problema può ancora essere risolto con uno o più satelliti, ma se il cielo si riempie di migliaia di stelle artificiali, le osservazioni astronomiche dalla Terra diventeranno impossibili.

Ma questo non interessa solo agli astronomi, dice Langbroek. “Avete cambiato l’aspetto del cielo stellato, e appartiene a tutti noi. Molte culture hanno storie, canzoni e leggende legate al cielo stellato. Quel paradiso viene preso senza che nessuno chieda nulla e nessuno può uscirne .”

Gli astronomi sono rimasti sorpresi dalle enormi stelle artificiali nel 2019, quando la società spaziale americana SpaceX ha lanciato i suoi primi satelliti Starlink, con l’obiettivo di fornire Internet globale. Alla fine dovrebbero essere 42.000.

Quando gli astronomi hanno lanciato l’allarme, SpaceX ha promesso di indagare su cosa avrebbero potuto fare riguardo all’inquinamento luminoso. Il rivestimento scuro riduce leggermente la riflessione. Tuttavia, queste sembrano essere solo misure temporanee, poiché anche altre società come OneWeb, Amazon e alcune aziende cinesi hanno in programma di creare più costellazioni satellitari per un totale di decine di migliaia di satelliti.

“La legislazione è in ritardo rispetto ai fatti”, afferma Langbroek. L’Unione Astronomica Internazionale (IAU) formula raccomandazioni per la massima luminosità, ma BlueWalker la supera di un fattore cento.

Macchina per fare il caffè

Langbroek afferma che il coinvolgimento delle parti interessate è essenziale. “Sono astronomi, ma in realtà lo siamo tutti. Il problema è che un accordo sul diritto internazionale spesso richiede decenni, e poi è davvero troppo tardi. Allora quei satelliti esistono già. C’è più speranza per una legislazione nazionale negli Stati Uniti. “, dove si trovano la maggior parte delle aziende divorziate.

READ  La NASA testa con successo un pallone per misurare i tremori su Venere - IT Pro - Notizie

Ciò che potrebbe anche aiutare è rendere noti i parametri dell’orbita dei satelliti. “Quindi gli astronomi possono bloccare la luce o spegnere i sensori sensibili al momento giusto.” Ma la componente militare statunitense che mantiene un database satellitare pubblico è spesso indietro di giorni. E i parametri pubblicati dalla stessa SpaceX spesso sono errati. “Poi hanno manovrato di nuovo i loro satelliti.”

Quindi gli astronomi vogliono osservare i satelliti stessi. “Ciò richiede più traccianti”, afferma Langbroek. Nel suo appartamento a Leida c’è un prototipo di un gadget del genere: una macchina fotografica delle dimensioni di una macchina da caffè, che sarà posizionata sul tetto dell’Aerospace College di Delft.