QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Martinez parla del suo “segreto” e della sua promessa di non bere | Campionato europeo di calcio 2020

In una lunga intervista con Spurza, Roberto Martinez (47) ha parlato della sua laurea in fisioterapia. “Segreto mantenuto” ride il ct della nazionale. Della mancanza di difensori dell’ala pura e della sua promessa di non bere mai quando ha lasciato il nido all’età di 16 anni.

La prossima settimana Roberto Martinez gareggerà nel Campionato Europeo con i Red Devils. I ragionevoli Kevin De Bruyne, Eden Hazard e Axel Witsel non sono molto in forma all’inizio. In qualità di fisioterapista, può valutare la situazione.

“Segreto mantenuto” ride il ct della nazionale. “Da giovane ho capito subito che come calciatore non hai tutto nelle tue mani. Il diploma mi aiuta molto anche nella mia carriera. Sapevo come recuperare o come prevenire gli infortuni”.

Diploma o no, lo staff medico dei Red Devils è autorizzato a lavorare in autonomia. Nemmeno quando i suoi migliori giocatori stanno lavorando per il loro recupero.
“No, ma capisco la terminologia. Mi piace anche e mi piace fare loro domande specifiche.”

Martinez è esperto di calcio, ma anche lavorare come fisioterapista gli si addice. “Certo, perché è una soddisfazione rimettere in piedi persone o atleti”, spiega lo spagnolo. “Come fisioterapista, puoi rendere felici le persone.”

Levin Mischalk e Roberto Martinez

Physio Levine Mischalek e allenatore della nazionale Roberto Martinez.

“Reagisco meno emotivamente degli altri allenatori”

Nelle interviste, Roberto Martinez fa sempre un’impressione professionale e positiva. “Questo è quello che sono adesso”, dice.

“Reagisco meno emotivamente degli altri allenatori”, si rende conto Martinez. “Preferisco pensare per 5 secondi piuttosto che essere immediatamente guidato dai miei sentimenti.”

“Non rispondo subito alle email aggressive. Puoi pentirtene. Preferisco la calma.”

Roberto Martinez in Imke Courtois

Roberto Martinez ed Emke Courtois si beccano.

“I terzini puri sono rari”

Roberto Martinez si recherà a Euro 2020 con un nucleo ampio e di talento, e gli manca un tipo di giocatore in Belgio.

“Pure terzino. Sono rari qui”, ha detto l’allenatore. “Ecco perché giochiamo con 3 difensori in nazionale, con un sistema 3-4-3”.

Martinez pensa di sapere da dove provenga la mancanza di difensori alati. “Come giovane calciatore, vuoi andare avanti. Ecco perché cerchiamo di controllare la qualità dei giocatori un po’ prima”.

Martinez ora non è completamente senza le spalle. “Thomas Meunier e Timothy Castagne hanno fatto il cambio durante la loro carriera. Ma erano anche in una situazione diversa all’inizio”, sanno le squadre nazionali. “O giocano in una posizione diversa nel loro club”.

Benjamin Pavard

La Francia ha un terzino puro con Benjamin Pavard.

“Non guardo l’età”

Al centro della difesa, Thomas Vermaelen (35), Jan Vertonghen (34) e Toby Alderweireld (32) guidano un po’ l’età media. “Non guardo all’età”, dice l’allenatore della nazionale. “Preferirei vedere cosa significano per il loro club”.

“Naturalmente vogliamo integrare i difensori più giovani nella squadra. A questo proposito, sono molto soddisfatto di giocatori come Jason Denayer e Dedric Boyata. E anche Zinho (Vanheusden, editore) è in arrivo”.

In attacco, Christian Benteke e Michy Batshuayi non hanno giocato ogni settimana per il loro club Crystal Palace. Martinez: “Bentke ha fatto un’ottima seconda parte di stagione”.

“Batsui ha sorprendentemente pochi minuti, ma con la nazionale gioca in modo diverso. E se è nuovo, è pericoloso”, sa l’allenatore della nazionale.

Michy Batshuayi

Michy Batshuayi in azione.

“Lo stadio di Bruxelles è un’occasione mancata”

Nelle prossime settimane i Red Devils partiranno a Copenaghen (contro la Danimarca) e San Pietroburgo (contro Russia e Finlandia) nella fase a gironi di Euro 2020. Non ci sarà calcio a Bruxelles.

“Un’occasione mancata per il Paese”, ha detto Roberto Martinez. “Una tale base farebbe luce su questa generazione e ispirerebbe i giovani”.

“Inoltre, perdiamo anche il vantaggio sul terreno. L’Inghilterra potrebbe giocare 6 volte a Wembley, il che è un vantaggio molto grande”, afferma il Ct nazionale, “ma non lo useremo come scusa”.

Roberto Martinez

Roberto Martinez avrebbe preferito giocare le partite dell’Europeo in Belgio.

Una promessa a casa: non bere mai

Il calcio è l’infanzia di Roberto Martinez. “A casa si trattava di calcio”, dice Martinez. “Ho sempre conosciuto mio padre come allenatore. L’allenatore della squadra locale, ma si è avvicinato a lui come la più grande squadra del mondo”.

“Mio padre era molto professionale e questo era il suo consiglio: se fai qualcosa, la fai bene”.

“Ecco come il calcio è diventato la mia vita. Colpa di mio padre”.

All’età di 16 anni, Martinez ha lasciato la sua casa per giocare a calcio. “Ho dovuto promettergli che avrei anche studiato e che non avrei bevuto. Qualunque cosa avessi fatto. Non ho mai infranto quella promessa.”

E se vincesse l’Europeo con i Red Devils? Promette: “Allora farò un brindisi e ne berrò uno, ma non molto di più”.

Se vinciamo l’Europeo, faccio un brindisi.

Roberto Martinez

Video: Intervista al Ct della Nazionale Martinez

READ  "Sam Bennett torna a Bora Hansgrohe"