QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Martinez: “Il ritmo era troppo lento e la nostra motivazione troppo debole” | Campionato europeo di calcio 2020

I Red Devils hanno iniziato la loro preparazione per l’Europeo con un difficile pareggio con la Grecia. In passato, giocatori e allenatore non volevano esagerare il dramma. “Questa è stata una partita di preparazione per ottenere un po’ di ritmo”, ha detto Yannick Carrasco.

Mignolet: “Non è ancora stato allenato su cosa fare nelle tappe fisse”

Simon Mignolet è stato il miglior demone in campo. Mai un buon segno. “Ho dovuto affrontare alcuni palloni, ma questo di per sé non è così importante”, ha detto in seguito. Queste sono partite di allenamento.

“Tuttavia, il nostro obiettivo era sicuramente quello di vincere la partita, soprattutto se giocavi in ​​casa come numero 1 al mondo. Non ha funzionato. Anche dopo l’1-1 abbiamo continuato a provare, ma non abbiamo creato occasioni. .”

Come è nato il gol? “L’errore prima di quel calcio di punizione è stato minore, credo. E non ci siamo ancora allenati su cosa fare nelle fasi fisse. Succederà nelle prossime partite. È bello che sia successo ora. Possiamo farlo. Da apprendimento.”

“Cosa ne pensi della difesa? Non posso quotare i giocatori. Difendi anche con 11”. Cosa è cambiato nel secondo tempo? “Queste sostituzioni non dovrebbero sortire alcun effetto, ma la partita è cambiata un po’. Ma i greci hanno giocato molto equilibrato. Hanno dato anima e corpo e fatto una buona prestazione”.

“La cosa positiva di questa giornata è che ad alcuni ragazzi sono stati concessi minuti per giocare e hanno fatto rifornimento per gli Europei”.

e passare con Sels? “Era stato concordato prima della partita. Volevamo dargli un cappello dopo il suo lungo infortunio. Ne vale anche la pena”.

Carrasco: “Ora hai la possibilità di essere più decisivo”

Anche Yannick Carrasco non è arrivato a grandi conclusioni dopo il pareggio. “E’ dura. Questa è una partita davvero di riscaldamento, così tutti possono sentire di nuovo le gambe e così puoi tornare fisicamente in rosso verso la vetta dell’Europeo”.

“Dobbiamo riabituarci. Sono alcuni mesi che non giochiamo insieme. Dobbiamo dimenticare il risultato e guardare i lati negativi e quelli positivi. Ho pensato che fosse una cosa positiva che la squadra volesse vincere. I punti negativi, l’allenatore deve lavorare da domani”.

Carrasco si è giocato a sostegno dell’attaccante. posizione che vorrebbe occupare. “Se non c’è Eden Hazard, è più facile per me occupare questo posto. Se è in forma, l’allenatore deve scegliere. Eden è importante per noi, ma è la mia posizione preferita. È qui che preferirei giocare . Ma preferirei giocare altrove. Non seduto sul divano”.

La sua posizione all’interno della squadra è cambiata con il titolo spagnolo in tasca? “No, sono con il gruppo da tanto tempo. Ho sempre giocato di più nell’ombra, ma in questa posizione ho più possibilità di essere decisivo”.

Martinez: “Abbiamo giocato duro in allenamento”

“Ora siamo più preparati per l’Europeo che prima della partita”, ha concluso il Ct della nazionale Roberto Martinez. “Avevamo bisogno del ritmo della partita. I giocatori hanno lavorato molto in allenamento, ma non si può emulare quell’intensità in una partita”.

“Ma ci è mancata un po’ di intensità. Il ritmo era molto lento, la difesa un po’ debole. Abbiamo giocato come se fosse una partitella. Dobbiamo giocare con l’intensità di cui abbiamo bisogno nel torneo. Dopo la partita di domenica abbiamo davvero per ottenerlo. Il livello competitivo.”

“Dobbiamo renderci conto che oggi non è stata una vittoria, ma un miglioramento. È stato un successo perché nessuno si è fatto male e nessuno è caduto. Ma ovviamente volevamo vincere. La Grecia ha fatto bene e ci siamo riusciti” giochiamo il nostro gioco. Dobbiamo assolutamente guardare da vicino questa partita”.

Martinez era contento della prestazione in panchina? “Sì, sono rimasto molto sorpreso dalla prestazione di Dennis Praet. Non gioca da tanto tempo e gioca ormai da 90 minuti, il primo gol. Sono stato contento anche di Dooku. È bravo con la palla sul piede, ma ora è anche più completo rispetto a marzo. Carrasco ha fatto bene. Lukaku sta facendo bene dopo una stagione di successi”.

“E ho anche pensato che fosse importante che Sellles indossasse un cappello. Questi sono tempi incerti e potremmo aver bisogno di più di due portieri. Nel torneo servono comunque più di 11 giocatori. Quindi questa partita non mi ha insegnato nulla sul dall’inizio dell’undici contro la Russia, ma ho avuto molte informazioni”.

READ  Geely Jeans vince il triplex di Abu Dhabi dopo un impressionante chilometro finale | Triathlon