QWERTYmag

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più su QwertMag

Milionario ucraino agli arresti domiciliari per aver divulgato informazioni classificate in Russia | all’estero

all’esteroUn tribunale ucraino ha ordinato l’arresto a casa sua di un importante politico filo-russo. Victor Medvedchuk è accusato di tradimento e rischia una condanna a 15 anni di carcere. La questione potrebbe esercitare maggiore pressione su una relazione già tesa con la Russia.




Medvedchuk è uno degli ucraini più ricchi con una fortuna stimata di oltre 500 milioni di euro. È anche visto come il principale alleato politico della Russia, poiché ha affermato che il presidente Vladimir Putin è il padrino della figlia più giovane.

Questa schietta posizione filo-russa rende Medvedchuk una figura controversa nella sua patria. È stato riferito che l’Ucraina è in contrasto con la Russia per l’annessione della Crimea e il sostegno russo ai separatisti armati nell’est del paese.

Le autorità affermano che il politico ha trasferito informazioni riservate alla Russia nel 2020. I pubblici ministeri lo accusano di tradimento e tentano di “saccheggiare la ricchezza nazionale” in Crimea. Lo stesso Medvedchuk afferma che le autorità stanno cercando di zittirlo a causa delle sue critiche alle politiche del governo di Kiev.

Consegnare il passaporto

Il politico è stato informato durante un’udienza durata 8 ore che sarebbe rimasto agli arresti domiciliari fino all’inizio di luglio. Deve anche consegnare il passaporto. I suoi sostenitori lo hanno abbracciato e hanno dichiarato che avrebbe continuato la lotta per togliere dal tavolo le “accuse illegali”.

Nel frattempo, i manifestanti nazionali si sono riuniti fuori dal tribunale. E hanno cantato slogan come “Medvedchuk, un’estensione del Cremlino”. Il governo russo ha già indicato che sta seguendo la questione con grande interesse e sta cercando di vedere se ci sono motivi politici dietro le accuse.

READ  Se qualcuno che vuole entrare in Belgio dall'estero ora ne ha uno o due...

I manifestanti nazionali si sono riuniti fuori dal tribunale. © Agence France-Presse

Francia Agenzia di stampa

© Agence France-Presse